Google+

Nozze gay, l’arcivescovo di San Francisco resiste: «Non è cristiano pensare che la storia sia irreversibile»

giugno 28, 2013 Benedetta Frigerio

Salvatore Cordileone a tempi.it sulla sentenza della Corte Suprema a favore del matrimonio omosessuale: «Tradita la democrazia, dobbiamo essere più cristiani di prima»

Nel 2008 ha promosso in prima persona il referendum sulla cosiddetta “Proposition 8″, la modifica alla costituzione della California che ha limitato la definizione di matrimonio all’unione di un uomo e una donna. Vescovo nello stato che è considerato la patria mondiale degli omosessuali, si è battuto con il popolo credendo fermamente nella sua capacità di riconoscere la verità, vincendo la scommessa. Ora che una decisione della Corte Suprema americana ha di fatto offerto alle autorità della California la possibilità di reintrodurre il matrimonio gay nonostante quel referendum, l’arcivescovo di San Francisco, Salvatore Cordileone, pur «preoccupatissimo per i meccanismi antidemocratici usati dal potere», è convinto che «non bisogna scoraggiarsi, ma scendere in campo più convinti di prima: il problema è come».

Eccellenza, due giorni fa la Corte Suprema, evitando di pronunciarsi sulla sua costituzionalità, ha di fatto aperto la strada alla cancellazione della Proposition 8 approvata dal referendum del 2008. Il matrimonio gay può tornare a essere legale in California.
È un oltraggio ai 7 milioni di cittadini promotori del referendum. Peggio, ora siamo ancora più preoccupati per la tenuta della democrazia, perché la Corte non solo ha trascurato il risultato del referendum a favore della Proposition 8, dichiarata incostituzionale nel 2010 da un tribunale statale, ma ha ignorato anche il ricorso contro una sentenza di primo grado. Così, in un solo colpo, due strumenti cardine della giustizia democratica, il referendum e il ricorso in appello, sono stati messi fuori uso.

«Il bene di tutti, specialmente dei bambini, dipende da una società che sostiene la verità sul matrimonio. Questo è il momento di raddoppiare i nostri sforzi per testimoniare questa verità». È la posizione dei vescovi americani. È realistico continuare a combattere quando la guerra è persa?
Non è persa. Noi abbiamo fallito negli anni passati. Non abbiamo educato a sufficienza. È per questo che oggi si è arrivati fino a qui: il valore del matrimonio è incompreso da più di cinquant’anni, perché è mancata un’educazione a viverlo integralmente e quindi a testimoniarlo nella sua bellezza. Ma nulla è perso per sempre. È proprio adesso che non dobbiamo mollare se non vogliamo perdere. Anzi dobbiamo ricominciare da capo.

Lo ha detto anche il cardinale Timothy Dolan, il capo della Conferenza episcopale americana: «Anche se la nostra cultura ha fallito nel tentativo di rafforzare il matrimonio, non c’è motivo di arrendersi. Questo è il momento di rafforzare il matrimonio, non di ridefinirlo».
È così, non possiamo rassegnarci davanti all’ingiustizia. Non possiamo tacere. Per questo i movimenti che stanno nascendo, come quello francese per la famiglia o quello italiano che ha marciato per la vita, vanno sostenuti. Dobbiamo continuare a dire la verità, anzi dobbiamo farlo più di prima e poi capire come comunicarla e quindi testimoniarla. Per sapere come muoverci, ora che la via democratica è resa impercorribile dalla democrazia stessa, dobbiamo continuare a pregare.

La tentazione di pensare che ormai non c’è più nulla da fare è grande anche fra i cattolici. La Chiesa americana, invece, in un clima più che mai ostile, sta persino portando avanti la Forthnight For Freedom, l’iniziativa di 14 giorni in cui si educa, si manifesta, si prega, si digiuna…
Non è cristiano pensare che la storia sia irreversibile. Noi siamo testimoni di un evento che l’ha cambiata: Cristo morto e risorto. Perciò è a Lui che ci rivolgiamo e, insieme all’educazione e alla testimonianza, da un anno chiediamo ai fedeli preghiere e penitenza. Il cardinal Dolan, tornato da Roma dopo il Sinodo all’inizio dell’anno della fede, ha indicato esplicitamente come via primaria la conversione personale attraverso la confessione e il digiuno. Siamo noi ad avere l’arma più potente, non il nemico: solo noi possiamo rivolgerci a Colui che tutto può. Questa è la sola strada. Forse il vantaggio davanti a tutti questi fallimenti è che la via vincente è rimasta l’unica che si può imboccare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. Birbo scrive:

    La chiesa è senza dubbio un istituzione molto democratica!!! Non fatemi ridere. Se si desse retta a tutto quanto esce dalla bocca dei porporati staremmo ancora bruciando le streghe. Che tristezza sentire certe affermazioni, per fortuna la gente è sempre più capace di ragionare con la propria testa ed è sempre meno propensa ad assimilare acriticamente quanto propinato da un clero che vive ancora nel medioevo.

    • Cisco scrive:

      La chiesa non è uno stato, quindi è ovvio che non sia democratica. La democrazia esiste per far convivere diverse chiese e diverse posizioni ideali, compresa quella del dogma della vaselina per tutti che ha fatto il lavaggio del cervello a così tante persone. Se ti piacciono le streghe o i maghetti della ghiandola prostatica frequentali pure, ci mancherebbe.

      • Sorry scrive:

        Manca una “r” nel tuo nome sicuramente volevi scrivere “Crisco” quello che usi per farti infilare i pugni nel retto. A te la vasellina non serve più.

        • Gmtubini scrive:

          Ah, ah, ah!
          Eppoi vi offendete se qualcuno vi ricorda che siete dei pervertiti!

          • Sorry scrive:

            Ah ah ah! Gmtubini mai perversi quanto voi bigotti, finti casti e puri in realtà molestatori di bambine e bambini in parrocchia e nell’oratorio. 😉

          • Sorry scrive:

            Ah ah ah! Gmtubini mai perversi quanto voi bigotti, finti casti e puri e in realtà molestatori di bambine e bambini in parrocchia e nell’oratorio. 😉

    • Picchus scrive:

      le stupidaggini che scrivi sono l’esatta dimostrazione che molti hanno difficoltà a ragionare con la propria testa e ripetono a pappagallo e acriticamente quello che leggono o sentono sui mass media.
      Sorry, epic fail.

    • marzio scrive:

      Caro birbo , neanche in occidente vige la democrazia, tuttalpiù ci sono delle Repubbliche costituzionali.La democrazia è morta da un pezzo., soffocata dal potere finanziario.Comunque dovresti leggere meglio l’articolo

  2. Cisco scrive:

    «Non è cristiano pensare che la storia sia irreversibile»

    Parole sagge, la storia è cambiata tante volte e c’è Chi la guida.
    Ma sta alla nostra libertà testimoniare la fede con la nostra vita, non con proclami.

  3. Andrea scrive:

    l’arcivescovo di San Francisco si sente preoccupatissimo per i meccanismi antidemocratici usati dal potere (impressiona il pensare che a dire certe cose sia il rappresentante di una associazione che in passato dell’uso antidemocratico del potere ha fatto la sua principale caratteristica), ma ahimé, la California sembra serenamente fregarsene delle parole dell’arcivescovo, se è vero come è vero che si è tornati in tempi record a celebrare matrimoni gay

    “In California e’ ripresa la celebrazione dei matrimoni fra coppie omosessuali dopo che a sorpresa la Corte d’appello ha dato attuazione nel giro di 48 ore alle indicazioni della Corte suprema Usa”

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto della prima vettura Apple senza conducente potrebbe cambiare radicalmente. A Cupertino non verrà sviluppata un’auto vera e propria, bensì un software per la guida autonoma da dedicare ai modelli di più costruttori.

Scorrevolezza e grip non sono due caratteristiche antitetiche. Il segreto sta nel battistrada, che deve combinare in modo perfetto mescole e disegno del tasselli.

La rinnovata SUV Ford verrà declinata in versione sportiva. A un assetto più rigido e sospensioni derivate da Focus ST si accompagneranno finiture interne e un look specifici. L’allestimento ST sarà disponibile per tutti i motori in gamma.

Dalla metà degli Anni ’60 ad oggi ha visto la luce un manipolo di vetture estreme, cattive, brutali e tremendamente performanti. Sogni, o incubi, a quattro ruote, ecco le auto più difficili da guidare al mondo.

Derivata dalla supercar 570S Coupé, non è omologata né per l’utilizzo stradale né per le competizioni. Destinata ai track day, adotta il noto V8 3.8 biturbo portato a 600 cv. L’aerodinamica s'ispira alla race car impegnata nel Campionato FIA GT4.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana