Google+

Tutti i Mandela che i media ignorano. Ecco «gli eroi di Cristo dimenticati»

dicembre 17, 2013 Redazione

Il doppiopesismo della stampa che esalta Madiba e la sua coraggiosa protesta contro l’apartheid, ma non dedica mai una riga ad alcuni «eroi di Cristo» che dietro alle sbarre ci sono finiti solo per la loro fede in Dio

Sono «gli eroi di Cristo dimenticati». Prelati, religiosi, fedeli cristiani di cui in pochi si ricordano, che per la loro fede sono finiti in carcere. Ad alcuni di loro domenica ha dedicato un lungo articolo Antonio Socci su Libero, mostrando il triste doppiopesismo del politically correct dei media, che celebrano Nelson Mandela, la sua lotta per mettere fine all’apartheid in Sudafrica e i suoi 27 anni di carcere, senza però mai spendere una parola per i tantissimi che hanno avuto la sua stessa sorte, finendo dietro le sbarre unicamente per la loro fede in Dio. Ecco qualche caso eclatante che va a formare una brevissima lista, ovviamente incompleta.

CINA. Due casi eclatanti arrivano dalla Cina: Giacomo Su Zhimin è vescovo di Baoding, ha 82 anni, 41 dei quali trascorsi tra lager e prigioni. Bollato come “controrivoluzionario” dal regime di Pechino, appartiene alla Chiesa sotterranea cinese, quella fedele a Roma, ed è nelle mani del regime comunista sebbene non sia mai stato processato: da almeno 15 anni nessuno dei suoi familiari sa dov’è. Vicenda simile è quella del vescovo cattolico di Yixian, Cosma Shi Enxiang. 90 anni, è detenuto come prigioniero dal 1957, non si hanno sue notizie certe dal 2001.

VIETNAM. Dal sud-est asiatico arriva invece la storia di François-Xavier Nguyên Van Thuân, porporato vietnamita morto nel 2002 dopo aver essere stato osteggiato dal regime comunista locale e aver trascorso tredici anni in carcere, a cavallo tra anni Settanta e Ottanta. «Allorché i comunisti mi fecero scendere nella stiva di una nave – scrisse anni dopo – stipato insieme ad altri 1500 prigionieri per trasportarci al Nord, mi dissi: “Questa è la mia cattedrale, questo è il popolo che Dio mi affida perché io me ne curi, ecco la mia missione: assicurare la presenza di Dio fra questa gente, fra questi miserabili, disperati fratelli miei». Il governo vietnamita si oppone ora alla sua causa di beatificazione.

asia-bibi-video

PAKISTAN. Asia Bibi è una donna pakistana, che nel 2009 è stata fermata con l’accusa, falsa, di blasfemia. Rischia la pena maggiore ci possa essere, ossia la morte per impiccagione, e ora è detenuta nella prigione di Sheikhupura, in condizioni orribili. «Sono stata condannata perché cristiana. Credo in Dio e nel suo grande amore. Se mi condannate a morte perché amo Dio, sarò orgogliosa di sacrificare la mia vita per Lui».

ALBANIA. In Europa, invece, sono stati gli anni dei regimi comunisti nei Paesi orientali ad offrire martiri della fede. Come Anton Luli e Mikel Koliqi (nella foto), sacerdoti cattolici dell’Albania. Il primo era un gesuita, e dietro le sbarre vi rimase per 42 anni: qualche fedele lo dava già per morto, tanto da aver chiesto di aprire il processo di canonizzazione. Quando uscì, diceva che quel lungo periodo di detenzione gli era servito per «preparare nella preghiera» il suo ritorno alla vita sacerdotale. È morto nel ’98, un anno dopo Mikel Koliqi: quest’ultimo di anni in prigione ne ha spesi 38, e dopo la sua liberazione è stato ordinato cardinale da Giovanni Paolo II, all’età di 91 anni: «È un segno di amore del Papa per tutta l’Albania e ha scelto me non per i miei meriti, ma perché gli altri confratelli sono morti tutti».

ROMANIA. Nella Romania di Ceausescu invece qualsiasi espressione religiosa era vietata, fosse cristiana, ebrea o musulmana. Ioan Ploscaru era vescovo ausiliare greco-cattolico spese in tutto 39 anni della sua vita dietro le sbarre, semplicemente perché la sua comunità era colpevole di legami con il Vaticano. Gli veniva chiesto di abbandonare la sua fede per abbracciare il credo ortodosso: lui rifiutò sempre subendo violenze e persecuzioni: «Considero le privazioni come i periodi più fortunati della mia vita in cui ho potuto offrire a Gesù non solo parole, ma anche fatti», scriverà una volta libero.

CECOSLOVACCHIA. Ancora vivo è invece il 91enne Jan Chryzostom Korec, cardinale slovacco che fu ordinato sacerdote nel ’50. Già un anno dopo diventava il vescovo più giovane di sempre, ordinato in via segreta all’età di 27 anni. In Cecoslovacchia la Chiesa era considerata fuorilegge, i seminari e i conventi venivano chiusi, i preti e le suore incarcerati o costretti ai domiciliari. Durante gli anni Sessanta anche Korec si fece diversi anni di carcere: «Sicuramente fu questa la più terribile delle punizioni. Tuttavia la necessità rende l’uomo ingegnoso cosicché avevo trovato un sistema molto semplice per rompere l’isolamento. Immaginavo di fare gli esercizi spirituali. Mi facevo un programma giornaliero ben dettagliato ed intenso», racconterà poi. Dopo la libertà, il suo status di sacerdote e vescovo non venne mai riconosciuto dal regime comunista: prima era stato operaio in fabbrica, dopo il rilascio divenne netturbino a Bratislava, in seguito lavorò in un’azienda che produceva catrame, poi fu magazziniere per una fabbrica di prodotti chimici.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. nicola scrive:

    Madiba è un eroe della Libertà. Un esempio per i Conservatori Innovatori. Noi Italiani che abbiamo votato politicanti da 4 soldi per 20 anni, sempre gli stessi, dovremmo coprirci il capo di cenere vulcanica, quando parliamo di Nelson Mandela e di tutti i Mandela della Storia che lottano per l’affermazione degli inalienabili Diritti Universali anche Umani.

  2. Livio scrive:

    La fede in Cristo non ha mai portato gloria, onori e un’eredità (in soldoni) pesante….

    • Su Connottu scrive:

      Livio, la tua è la risposta migliore. ‘E mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia’. Elliott ci ha aggiunto:
      ‘La nostra vita non è ben accetta. La nostra morte non è citata da Times’
      Ma per quanta forza e respiro abbia in gola, stappo il turacciolo e brindo alla vittoria di Cristo che nasce. Buon Natale, soprattutto a quelli che piangono per le sofferenze del corpo e dell’anima. Che la tenerezza di Gesù Bambino ci faccia visita e ci rallegri nel profondo del cuore.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana