Google+

Tregua unilaterale

maggio 26, 1999 Tempi

editoriale

Ci scuseranno i nostri lettori ( e soprattutto i nostri politici) se la copertina potrebbe sembrare irriverente e ingenerosa nei confronti del tentativo italo-tedesco di fermare i bombardamenti. Ma lo spiraglio che Roma e Berlino hanno coraggiosamente aperto negli ultimi giorni è lo stesso di quello invocato da subito dal Papa e da quei politici che l’Europa hanno contribuito in modo decisivo a costruirla ( i Kohl e gli Andreotti) in decenni di esercizio di quelle arti politiche che sono il dialogo, il confronto, la diplomazia. Questo spiraglio, seppur tardivo e sebbene sia forse motivato dall’appressarsi della scadenza elettorale europea e dal crescente rigetto della guerra da parte della opinione pubblica, va evidentemente accolto e sostenuto con tutte le forze. Resta il problema: come uscire da un conflitto che, oltre alle vittime procurate da bombe alleate e brutale repressione serba, ha raso al suolo la Jugoslavia e contribuito a quella catastrofe umanitaria che voleva evitare? Le risposte ovviamente mancano e certo non lascia tranquilli la prospettiva di un comando alleato in cui la macchina della guerra sembra agire indifferente agli impulsi e alla guida della politica. È vero che la Nato uscirebbe scompaginata da un arresto unilaterale delle ostilità e che Milosevic darebbe stura a tutte le trombe della propaganda per sbandierare il risultato ottenuto grazie alla sua “fermezza” e all’“eroismo” del popolo serbo. Tutto ciò sarebbe lo scotto quasi inevitabile da pagare a quel meccanismo infernale che si è messo in moto da quel maledetto 24 marzo, giorno in cui la Nato iniziò il martellamento della Jugoslavia precludendosi e precludendo ad ogni altra diplomazia la possibilità di un intervento che avesse anzitutto di mira la protezione sul terreno degli abitanti del Kosovo, in fuga certamente a causa della repressione militare serba, ma anche dalle bombe alleate che tale repressione ha, di fatto, vieppiù attizzato. Ma per quale ragione, noi cittadini del mondo, dovremmo temere un contraccolpo interno alla Nato in caso di tregua unilaterale? Perché così vuole la stessa logica con cui si è pianificata l’uscita di scena di Milosevic e la firma da parte serba, sotto la minaccia di una pistola puntata alla tempia, dei famosi punti che impongono a Belgrado la rinuncia a parte della sua sovranità sul Kosovo, il ritorno dei profughi, il dispiegamento di una forza militare internazionale in Jugoslavia. Noi non vogliamo pensare che i comandi dell’Alleanza abbiano già previsto una tregua solo di qualche giorno per dare ai partner europei l’agio di non andare alle urne con addosso il fardello della guerra. Ma non vogliamo neanche immaginare un’estate al mare con le associazioni di pescatori e di albergatori della riviera adriatica preoccupati principalmente dei disagi procurati all’ittica e al turismo di massa dalle operazioni in corso sulla portaerea italiana. Noi ci auguriamo che la Nato disponga una tregua definitiva, che l’occidente si prenda cura dei profughi e che coinvolga l’Onu nel contenimento di Belgrado con ogni mezzo pacifico necessario (isolamento totale a livello internazionale, sanzioni, embargo e quant’altro se Milosevic non deponesse le sue attitudini). L’alternativa è attendere, a mollo nel bagnasciuga, che la macchina bellica concluda la sua corsa nello schianto finale. Che con tutte le conseguenze ancora lontano dall’immaginare, non può prevedere altro che un’opzione: l’intervento di terra. TEMPI

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

A Ginevra con 520 CV, per 312 km/h di punta e uno scatto da 0 a 100 km/h bruciato in 3,2 secondi. Con lei la magica triade delle 911 da corsa - sono state appena rinnovate 911 GT3 e GT2 RS - si completa

L'articolo Nuova Porsche 911 GT3 RS, aspirato da sogno proviene da RED Live.

Riparte da Alberobello il 25 febbraio il "contenitore" di prove che si disputerà in cinque province, tra Puglia e Basilicata. L'abbonamento alle 10 tappe costa 145 euro

L'articolo Iron Bike – Da febbraio a ottobre – Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Altro che semplice restyling: la C4 Cactus 2018 ha una linea nuova per il 90%, adotta Airbump più piccoli e ora punta al cuore del segmento C. I prezzi partono da 17.600 euro

L'articolo Prova Citroën C4 Cactus 2018 sospensioni “magiche” proviene da RED Live.

La Casa americana invoglia i giovani all'acquisto della moto dei sogni proponendo i modelli Street 750, Street Rod e Sportster Iron 883 a condizioni vantaggiose. Le promozioni scadranno il 30 aprile

L'articolo Il mondo Harley alla portata dei giovani proviene da RED Live.

Il 24 e il 25 marzo, se siete in zona capitale, non prendete impegni: ci sono gli Honda Days 2018 all’autodromo di Vallelunga. Si possono provare auto, moto e non solo…

L'articolo Honda Days 2018: 24 e 25 marzo, tutti a Vallelunga proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi