Google+

The Bay, quando il thriller fa acqua da tutte le parti

giugno 8, 2013 Simone Fortunato

Debole thriller-horror che ripete stancamente stile e trovate dei vari Paranormal Activity e affini. Barry Levinson (una carriera di alti e bassi: Rain Man ma anche Bandits e Disastro a Hollywood) si accoda alla moda, in via di esaurimento, dell’horror del punto di vista. Telecamere nascoste, riprese pseudoamatoriali, circuiti di sorveglianza ma anche, per stare […]

Debole thriller-horror che ripete stancamente stile e trovate dei vari Paranormal Activity e affini. Barry Levinson (una carriera di alti e bassi: Rain Man ma anche Bandits e Disastro a Hollywood) si accoda alla moda, in via di esaurimento, dell’horror del punto di vista. Telecamere nascoste, riprese pseudoamatoriali, circuiti di sorveglianza ma anche, per stare al passo con la tecnologia, la camera dell’Iphone, FaceTime, webcam, Skype. Una moltiplicazione di punti di vista e di personaggi che raccontano, a modo loro, il disastro ecologico che ha portato nel 2009 un’intera cittadina a morire per le conseguenze del contatto con dei pidocchi d’acqua modificati per le schifezze che le fabbriche buttavano nella baia su cui si affaccia il piccolo paesino turistico.

È un mockumentary: cioè un finto documentario che riporta una finta verità (e anche un falso complotto: lo Stato che ha voluto mettere a tacere lo scandalo dei rifiuti tossici) per mettere di fronte il pubblico al pericolo reale delle conseguenza dell’inquinamento delle acque in questo caso e dell’ecosistema in generale.

Levinson, lavorando su uno script di Michael Wallach, gioca sul già visto: tanti (deboli) punti di vista diversi, riprese pseudoamatoriali che consentono di risparmiare sul budget e sugli effetti; immagini sgranate o “danneggiate”, un po’ di morti che avvengono fuori campo. E una voce guida – di una reporter scampata al massacro e, incredibilmente, venuta in possesso del materiale audio e video fatto sparire dai Poteri forti – a fare da cornice alla narrazione, gridando al complotto e mettendo in guardia contro gli interessi disumani dei soliti noti: industrie e politica.

Mediocre in una poverissima messinscena che non riesce, con il minimo budget che possiede, a centrare quell’obiettivo di realismo che poteva far la differenza per un prodotto di questo tipo, il film non brilla nemmeno per la regia piatta di Levinson, regista discreto e versatile ma che da tanti anni non riesce a realizzare davvero un’opera convincente. C’è qualcosina di buono: l’inserto con il racconto dei due oceanografi non è malaccio dal punto di vista puramente della tensione anche per la presenza di una sequenza inquietante dell’autopsia del pesce ma su tutta l’operazione pesa una sensazione di già visto (e già visto meglio) oltre al fastidio per i continui ammiccamenti a certo complottismo di cui abbiamo francamente piene le tasche.

 

 

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.