Google+

Studenti disabili, fondi dal governo alle paritarie. Toccafondi: «Ebbene sì, fanno il bene pubblico»

maggio 5, 2016 Elisabetta Longo

Intervista al sottosegretario all’Istruzione sull’emendamento proposto dal ministro Stefania Giannini. Che ha fatto infuriare i grillini ostili alle «scuole private»

scuola-disabilita-shutterstock_338844977

«Basta nominare le scuole paritarie in Parlamento per scatenare immediatamente un polverone», racconta a tempi.it il sottosegretario all’Istruzione Gabriele Toccafondi, all’indomani della proposta da parte del governo di una misura per stanziare fondi a favore degli istituti paritari che hanno alunni disabili. Si tratta di un emendamento al decreto legge sulla funzionalità del sistema scolastico, firmato dal ministro Stefania Giannini e presentato martedì 3 maggio, che assegna 12 milioni di euro (dal 2017) per gli alunni delle scuole paritarie che necessitano di sostegno. Dopo la discussione in commissione Istruzione del Senato, sarà votato in aula la prossima settimana.

Sottosegretario Toccafondi, i Cinquestelle hanno commentato l’iniziativa in maniera pesante. Dicono che «si foraggiano ancora una volta le scuole private, che tra Legge 107 (Buona scuola) e legge di stabilità hanno ricevuto più di 500 milioni di euro».
Ebbene sì, siamo riusciti a tornare ai 500 milioni di euro auspicati dalla Legge Berlinguer, dopo anni in cui i fondi per le scuole paritarie erano di molto inferiori. Mi scusi se voglio sottolineare l’aggettivo “paritarie”, ma mi sta davvero a cuore far capire che si occupano dell’istruzione dei ragazzi tanto quanto le scuole statali.

Sono ancora molti a pensare che le paritarie siano solo scuole “private”, come le chiamano appunto i grillini.
Fino a qualche anno fa il 70-80 per cento delle persone pensava che le paritarie fossero istituti messi in piedi per lucro, diplomifici a pagamento. Oggi, grazie anche alle tante discussioni in Parlamento, lo pensa circa il 50 per cento delle persone. Sono già contento di questo miglioramento, vuol dire che se continueremo a impegnarci un giorno tutti gli italiani o quasi sapranno che la scuola paritaria è una scuola pubblica.

Il termine “diplomificio” aleggia sempre nell’aria.
Noi combattiamo contro i diplomifici, ogni giorno, verificando con gli ispettori la correttezza di chi beneficia dei fondi pubblici. Le scuole paritarie per definirsi tali devono sottostare alle regole, rispettare i programmi, sottoporsi ai controlli. Non abbiamo mai regalato niente, è nell’interesse pubblico che le paritarie si occupino bene dell’educazione dei nostri ragazzi.

Torniamo all’emendamento della discordia, i 12 milioni di euro che volete stanziare per le scuole paritarie che hanno alunni disabili.
Sono circa 12 mila gli studenti con disabilità presenti nelle scuole paritarie, un numero che è cresciuto più delle iscrizioni totali. Vogliamo dare un contributo minimo, di mille euro a studente, per contribuire a pagare gli insegnanti di sostegno necessari a seguirli oppure all’abbattimento di eventuali barriere architettoniche. Finora solo le scuole primarie beneficiavano di fondi, perché così era stato stabilito settant’anni fa. Miriamo a sostenere anche quelle dell’infanzia e le secondarie, perché fanno il bene pubblico, occupandosi degli studenti con disabilità.

E sempre i Cinquestelle ribattono che «il governo dimentica totalmente l’emergenza nelle scuole pubbliche, dove mancano gli insegnanti di sostegno e spesso gli studenti disabili vengono parcheggiati nelle aule abbandonati a loro stessi».
Con la Buona scuola abbiamo assunto a tempo indeterminato 6.101 mila insegnanti di sostegno. Con il concorso dei docenti che si sta svolgendo in questi giorni ne assumeremo tanti altri. Per l’anno scolastico 2016-17 avremo un totale di 96 mila insegnanti di sostegno in tutta Italia, perciò dire che la categoria è assente mi sembra anacronistico. Proprio di recente il Miur è stato premiato dall’Austria per l’impegno dimostrato in questo campo. Buffo che i meriti ci vengano riconosciuti all’estero e non in Italia.

Foto scuola da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. recarlos79 says:

    fate tanto gli splendidi. resta il fatto che a queste cristianissime scuole puoi andare solo se paghi.

    • Giuseppe says:

      Recarlos79, spiegarti che hai scritto una cazzata solenne non è difficile.
      E’ inutile.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi