Google+

Solo i confini ci salveranno dalla teocrazia fintamente religiosa

dicembre 21, 2016 Rodolfo Casadei

Che si tratti dell’Isis o dei salafiti, il progetto prevede la cancellazione dei confini politici, culturali, religiosi per imporre a tutti la stessa teocrazia anonima, astorica e omogeneizzante.

Due cose hanno in comune gli attentati di Berlino contro un mercatino natalizio e di Ankara contro l’ambasciatore russo in Turchia: l’ideologia islamista radicale dei loro autori e il loro disprezzo imperialista per i confini. Per contrasto, l’insegnamento da trarre dagli eventi è che le ideologie vanno combattute e i confini vanno difesi e protetti.

Fra le frasi che l’agente di polizia Mevlut Mert Altintas avrebbe concitatamente gridato subito dopo avere assassinato l’ambasciatore Andrei Karlov, ce ne sarebbe una che dice all’incirca così: «Noi moriamo ad Aleppo, tu muori qui». A quale “noi” si riferiva l’attentatore? Non certo a quello della nazionalità, perché l’agente delle forze speciali era un turco nativo di Smirne, mentre ad Aleppo muoiono civili siriani, dunque arabi per lingua e cultura, e combattenti di molte nazionalità, per lo più mediorientali e dell’Asia centrale (libanesi, iracheni, iraniani, sauditi, ceceni, uzbeki, ecc.).
Non poteva riferirsi nemmeno al “noi” dei musulmani genericamente intesi, perché tutti i protagonisti della tragedia di Aleppo, con l’eccezione dei piloti dell’aviazione militare russa, sono musulmani: sono musulmani e spesso interpretano entrambi i ruoli sia i carnefici che le vittime. E non è affatto vero che tutti i musulmani sciiti o alawiti combattono dalla parte del regime di Damasco, mentre tutti i musulmani sunniti sono schierati dalla parte dei ribelli.

Sono stato in Siria tre volte negli ultimi anni in tempo di guerra, e posso testimoniare che fra gli ufficiali e i soldati dell’esercito regolare siriano ci sono anche musulmani sunniti. Era musulmana sunnita con tanto di hijab sulla testa la pedante funzionaria del ministero dell’Informazione che l’anno scorso trasformò il mio soggiorno ad Aleppo ovest in una sorta di guardia e ladri per liberarmi della sua presenza invadente al fine di fare un po’ di lavoro giornalistico.

Dunque il “noi” a cui si riferiva Altintas pochi minuti prima di essere abbattuto dai suoi colleghi poliziotti era evidentemente quello dei fanatici del califfato o comunque dello stato islamico governato da versioni intransigenti della sharia. È un “noi” che non coincide forzatamente con l’Isis, testa di turco (mai metafora fu più appropriata) di tutte le derive dell’islam politico, ma si estende a gruppi armati e finanziati dagli stati arabi del Golfo come Ahrar al Sham, Jabhat Fateh al Sham, Faylaq al Sham, ecc.

Prima della guerra civile internazionalizzata che l’ha ridotta in rovine e ne ha spazzato la via la popolazione o con la morte violenta o con l’emigrazione per sfuggire ai combattimenti, Aleppo era un mosaico di culture, religioni ed etnie stratificate nel corso di una storia lunga cinquanta secoli. Mosaico insediato in un paese arabo postcoloniale, dunque retto da un sistema politico autoritario e familistico come tutti quelli degli stati nati dalla dissoluzione dell’Impero Ottomano prima e del potere coloniale europeo poi (con l’eccezione del Libano). Chi, come Bernard Henry Levy, si strappa le vesti per l’inazione internazionale di fronte alla battaglia finale che ha causato molte vittime fra la popolazione civile e ha portato alla riconquista della città da parte delle forze governative col contributo decisivo dell’aviazione militare russa e delle fanterie iraniane ed Hezbollah libanesi, non ci ha mai spiegato perché le vittime di Aleppo Ovest, colpite dai tiri di mortaio e di bombole del gas riempite di esplosivo sparati dai ribelli, contassero meno di quelle di Aleppo Est causate dagli attacchi dei caccia russi e degli elicotteri governativi.

Ma soprattutto non ci ha spiegato il ruolo degli attori internazionali nelle origini della battaglia e quindi poi nel reciproco assedio di Aleppo. Come cioè la capitale industriale del paese, tranquilla per 14 mesi dopo l’inizio delle proteste (marzo-aprile 2011) nel sud e nel centro della Siria a Daraa, Homs, Hama e Damasco, solo nel maggio 2012 sia diventata scenario di significative manifestazioni antigovernative, cominciando dall’università, e come nel luglio di quell’anno 7 mila uomini delle formazioni filo-occidentali e di quelle islamiste abbiano lanciato la vasta operazione militare per la conquista della città che si è trasformata nella sanguinosa battaglia casa per casa durata quattro anni e cinque mesi. Ribelli in armi che arrivavano quasi tutti dai sobborghi della città, incubatori della rivolta di sottoproletari e beduini immigrati che non avevano niente da perdere a mascherare da lotta per la libertà e i diritti umani quello che era prima di tutto un assalto a fini di razzia. Tutti costoro sono stati e ancora sono i tragici burattini dei progetti di stato islamico retto dalla sharia dei gruppi jihadisti ideologicamente in sintonia col giovane Altintas, a loro volta burattini della Turchia, dei paesi arabi del Golfo e dei paesi occidentali che hanno pensato di usarli per installare a Damasco un regime di loro gradimento.

Che si tratti del califfato dell’Isis o della repubblica islamica che sognano salafiti e Fratelli Musulmani, il progetto prevede la cancellazione dei confini politici, culturali, religiosi per imporre a tutti la stessa teocrazia anonima, astorica e omogeneizzante.

I mezzi e il contesto sono diversi, ma il senso è lo stesso dell’attacco di Berlino: un uomo percorre migliaia di chilometri attraverso l’Asia e l’Europa non per cercare un luogo dove coltivare la propria vita, che ha scelto di sradicare dalla terra natìa, ma per cancellare quella che scorre nel luogo del suo approdo, vita che ha assunto la sua forma odierna nel corso di secoli, vita che è un prodotto culturale. Non si limita a distruggere o menomare la vita fisica delle sue vittime, cerca di uccidere la loro cultura, la loro storia: attacca indiscriminatamente le persone che frequentano un mercatino natalizio nei pressi di una chiesa. Il suo è un atto di genocidio nel significato profondo del termine. Il genocidio, lo spazzare via l’umanità di un certo luogo così come si è evoluta e ha assunto un’identità caratteristica nel corso del tempo, è funzionale all’instaurazione di una teocrazia senza tempo e senza spazio, all’imposizione di norme astratte prese dalla tradizione islamica, ma che fino a qualche decennio fa non erano dominanti neanche nei paesi di tradizione islamica: si guardino le foto del Cairo o di Kabul negli anni Sessanta-Settanta del ventesimo secolo per rendersene conto.

Cos’è che permette a culture, religioni, sistemi giuridici di non diventare ideologia, e quindi mera giustificazione del potere di alcuni su altri? I confini. I confini rendono possibili le civiltà, le religioni, le culture perché definiscono lo spazio dove i concreti esseri umani hanno il tempo per intrecciare rapporti reali che tengono in conto la diversità, sia come opportunità positiva che come scandalo da imparare ad accettare. E dove gli esseri umani possono condurre i loro esperimenti politici e amministrativi. I diversi sistemi politici hanno caratteristiche universali, ma esistono solo nella storicità effettiva: la democrazia è storicamente diversa tanto quanto lo sono i suoi esperimenti storici nazionali in Francia, Inghilterra, Usa, Italia, India, Giappone, ecc.

Senza confini noi non esisteremmo, né come civiltà, né come nazione, né come singoli individui: la pelle è il confine che ci permette di esistere come singole persone. Ciò che non ha forma, infatti, come spiegava Aristotele e come riprese Tomaso d’Aquino, semplicemente non è.

La nostra libertà, la nostra identità, la nostra vita sono minacciate dall’imperialismo islamista e dall’imperialismo internazionale del denaro, che convergono più spesso di quanto non divergano. Entrambi hanno come obiettivo la cancellazione dei confini e l’unificazione dell’umanità sotto la forma dei sudditi di una teocrazia il primo, di consumatori dipendenti dallo Stato e dal mercato come bambini dalla mamma il secondo. L’islamismo aspira a un potere illimitato e l’imperialismo del denaro, che la Chiesa cattolica denuncia da quasi un secolo (il primo a utilizzare questa formula è stato Pio XI, l’ultimo papa Francesco) ha di mira profitti illimitati.

La mancanza di limiti, cioè di confini, è ciò che caratterizza i due imperialismi, e anche se il primo dei due asserisce di essere il portatore del regno di Dio sulla terra, in realtà anch’esso, come il secondo, è prometeico, è ribellione all’ordine creaturale e sostituzione della volontà di Dio con la volontà dell’uomo. Non solo perché nel Corano c’è scritto che «se Dio avesse voluto, avrebbe fatto di voi una comunità unica» (5, 48), cioè che l’omogeneizzazione di tutta l’umanità nell’islam non è parte integrante della volontà divina rivelata a Maometto. Ma perché intrinsecamente la negazione dei limiti nel mondo umano – che sia pronunciata dagli scienziati che manipolano tecnologicamente la vita, dagli ideologi del gender che pretendono di ridefinire sessualità e famiglia, dai capitalisti finanziari che inseguono un profitto senza limiti, da militanti della teocrazia che vogliono cancellare la storia e le sue differenze con l’imposizione di un sistema politico-religioso universale o da buonisti sedicenti anticapitalisti che promuovono la causa dell’accoglienza illimitata di qualsiasi quantità di migranti – è irreligiosa. È irreligiosa perché chi nega i limiti nel mondo umano, nega la creaturalità. E chi nega la creaturalità non è religioso. Anche se uccide e si fa uccidere gridando “Dio è grande!”.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Evolvere senza stravolgere può essere considerato il pensiero che ha portato alla nascita della V2-R. Rispetto alla V1-R, infatti, non sono molte le differenze che si percepiscono a un primo sguardo ma si tratta tuttavia di interventi mirati a renderla attuale e migliorarne le prestazioni. DNA IMMUTATO Punti fermi del nuovo progetto sono quelli che […]

L'articolo Nuova Colnago V2-R, cuore racing proviene da RED Live.

KTM rivoluziona il mondo dei motori a 2 tempi con l'introduzione dell'iniezione sui modelli Enduro competition per il 2018. Le abbiamo provate scoprendo che il 2T ha ancora davvero molto da dire.

L'articolo Prova KTM EXC TPI 2018 proviene da RED Live.

PRONTI A PARTIRE Arriva l’estate e per molti viene il momento di fare finalmente qualche viaggio con la moto del cuore, spesso usata durante l’anno solo per il tragitto casa-ufficio o poco più. Un fine settimana, magari, o anche una vera e propria vacanza, che ha tutti i presupposti per restare memorabile. Spostarsi su due […]

L'articolo 10 consigli per i viaggi in moto proviene da RED Live.

Dopo aver debuttato sulle sorelle/gemelle arancio, il motore 2 tempi sbarca anche sulla gamma enduro Husqvarna 2018

L'articolo Gamma enduro Husqvarna 2018 proviene da RED Live.

Dopo aver visto lo stupendo Cento10Air Ramato guidato da Pippo Pozzato al Giro del centenario, mi sono ancor più convinto che non occorre guardare oltre l’Oceano per ritrovarsi a sbavare su una bicicletta. Wilier è uno di quei marchi che sta lavorando bene, assai, e il grande successo che riscuote anche oltre i nostri confini, a parte […]

L'articolo Prova Wilier Triestina Cento10Air proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana