Google+

Siria. La tomba di padre Frans è diventata «un santuario, meta di pellegrinaggio per i cristiani tornati a Homs»

giugno 2, 2014 Leone Grotti

Il gesuita olandese è stato assassinato lo scorso 7 aprile, non aveva voluto lasciare la città in mano ai ribelli per non abbandonare i pochi cristiani rimasti

Padre Frans van der Lugt è sepolto ad Homs, nel giardino del monastero che non aveva voluto lasciare durante la guerra per non abbandonare i pochi cristiani rimasti nella città vecchia in mano ai ribelli e assediata dall’esercito di Assad. La sua tomba oggi è «diventata un santuario, meta di pellegrinaggio per i cristiani che sono tornati in questo quartiere devastato».

«AIUTAVA CRISTIANI E MUSULMANI».  Il gesuita olandese è stato assassinato lo scorso 7 aprile. Un uomo, ancora sconosciuto, l’ha fatto sedere su una sedia di plastica e gli ha sparato un colpo alla testa. Oggi quella sedia si trova accanto alla sua tomba, ricoperta di fiori dai cristiani locali. «Lui è ancora qui, è con noi». Padre Frans non ha mai voluto lasciare i cristiani, anche quando in città era rimasta solo l’erba da mangiare. «Era neutrale, non appoggiava né una fazione né l’altra», racconta George Ghandour, 45 anni, che l’ha seppellito. «Aiutava tutti, cristiani e musulmani, vecchi e giovani. Quando la crisi è cominciata, ad esempio, cinque famiglie musulmane si sono trasferite nel suo monastero e lui si è preso cura di loro».

UOMO DI PACE. Come riporta un articolo di McClatchy Newspapers, che si è recato nella città e ha intervistato sei cristiani tornati nel quartiere, nessuno sa perché sia stato ucciso. Ma i cristiani che parlavano con lui ogni giorno lo ricordano come un uomo di pace e unità: «Diceva sempre che era padre sia dei cristiani sia dei musulmani. Molte volte i ribelli lo hanno condotto davanti alla corte della sharia per discutere delle sue credenze, ma lui si è sempre rifiutato. Diceva: “Non parlerò con voi di politica o religione. Siamo tutti esseri umani. Parlerò solo di umanità”».

«DISTRUGGI GLI INFEDELI». Dei 60 mila cristiani che vivevano nella vecchia città di Homs, nel giugno 2012 ne erano rimasti solo 102. Nella roccaforte difesa dai ribelli, e liberata tra il 7 e il 9 maggio dopo un accordo con il governo, i cristiani venivano picchiati, minacciati e derubati. «Dal gennaio scorso i ribelli sono entrati in casa mia 38 volte. Prima rubavano il cibo, poi qualunque cosa», spiega il cristiano Zaynat al Akhras, 65 anni, che oggi è tornato a vivere nel suo quartiere di Homs. Al giornalista di McClatchy mostra i muri di una chiesa coperti dalla scritta: «”Distruggi gli infedeli, cioè i cristiani”. Tanti venivano picchiati dai ribelli».

«NON VOLEVA USARE I CRISTIANI». In questo clima padre Frans ha più volte convinto i ribelli a distribuire il cibo che ricevevano attraverso tunnel sotterranei con il resto della popolazione e a portare fuori le persone gravemente ferite. Nazam Kanawati, che è arrivato a casa di padre Frans pochi minuti dopo il suo assassinio, ricorda come i ribelli continuavano a cercare il gesuita per i più svariati motivi: «Pensavano che lui avesse il potere di chiedere al Papa di inviare cibo e che il cibo sarebbe arrivato subito se lui lo avesse domandato. Ma lui si rifiutava. Non voleva usare la comunità cristiana per ottenere cibo. Non voleva che i cristiani venissero usati».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Sasso Luigi scrive:

    Un martire.

  2. Gabriele scrive:

    Un Martire… !
    Prega per la pace in Siria ora che sei con il Signore.. ti esaudirà,ne sono convinto!
    amen

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana