Google+

Siria. La metà dei ribelli è composta da jihadisti ed estremisti islamici e vuole il «califfato»

settembre 16, 2013 Leone Grotti

Secondo un rapporto le milizie che combattono contro il regime di Assad sono divise in oltre mille brigate armate per un totale di circa 100 mila combattenti. «L’idea che i ribelli siano gruppi laici di combattenti è semplicemente non confermata»

I ribelli che combattono in Siria contro il regime di Bashar al-Assad da oltre due anni e mezzo sono divisi in oltre mille brigate armate, per un totale di circa 100 mila combattenti. E quasi la metà sono estremisti islamici. Lo rivela uno studio dell’istituto britannico IHS Jane’s che uscirà a fine settimana e che è stato anticipato dal Telegraph.

JIHADISTI ED ESTREMISTI. Oltre 10 mila combattenti sono jihadisti, spesso stranieri e collegati ai terroristi di Al Qaeda, spiega il rapporto. Altri 35 mila si riconoscono invece come estremisti islamici, molto simili ai terroristi di Al Qaeda, ma che hanno come unico obiettivo la vittoria della guerra siriana e non l’internazionalizzazione del conflitto contro gli infedeli.

ISLAMISTI MODERATI. Altri 30 mila combattenti, più “moderati”, inquadrano la loro battaglia nel contesto islamico e solo i rimanenti 25 mila appartengono a gruppi laici e nazionalisti. I dati raccolti nello studio di IHS Jane’s confermano le preoccupazioni di molti diplomatici occidentali, che temono che aiutando i ribelli contro Assad, armandoli, si favorisca di fatto il rafforzamento di al-Qaeda e di sentimenti anti-occidentali.

I RIBELLI NON SONO LAICI. Charles Lister, autore del rapporto, afferma: «La rivoluzione è dominata da gruppi che hanno almeno un punto di vista islamista sul conflitto. L’idea che i ribelli siano gruppi laici di combattenti è semplicemente non confermata». Sempre secondo Lister, i terroristi qaedisti di al-Nusra e Stato islamico dell’Iraq e del Levante hanno guadagnato molto terreno nell’ultimo anno e la loro influenza è cresciuta notevolmente nei confronti dei combattenti nazionalisti.

«CALIFFATO ISLAMICO». Se l’obiettivo dei ribelli laici è costruire una Siria democratica, quello degli estremisti è trasformare il Paese in un «califfato islamico». Lo iato tra questi due obiettivi è stato confermato di recente dal leader di al-Qaeda Ayman al-Zawahri in un audio messaggio: «Gli Stati Uniti vogliono spingere i nostri combattenti ad allearsi con i partiti laici alleati dell’Occidente. Ricordo ai miei fratelli e al popolo siriano di restare uniti e combattere il jihad invece che avvicinarsi a uno di questi gruppi».

Firma l’appello contro l’intervento militare in Siria

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. mike says:

    boh secondo me sono i 68-ini arabi. se vincono l’islam non sarà più l’islam. apriranno a cose che ancora non sono (o sono nascoste e tollerate) nella loro cultura. tipo le donne: nell’islam tradizionale sono sottomesse all’uomo. coi ribelli ci sono donne pronte a soddisfarli sessualmente come gli viene voglia. secondo me c’è molta puzza di figli dei fiori.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.