Google+

Sicilia, le scuole paritarie in piazza dopo i tagli della Regione

marzo 11, 2016 Redazione

Prima i contributi scuole dell’infanzia erano 3 milioni di euro, poi 300 mila, ora sono stati cancellati. La Fism in piazza il 12 e 13 marzo a Palermo per chiederne il ripristino

In Sicilia ci sono quasi 500 scuole paritarie dell’infanzia, per un totale di 25 mila bambini, e 120 scuole primarie, per un totale di 10 mila bambini. L’educazione impartita in questi istituti sembra però contare meno di quella delle scuole statali, visto il trattamento che la Regione Sicilia sta mettendo in atto. La Regione del presidente Rosario Crocetta, nell’approvare le nuove misure finanziarie, ha deciso il taglio del buono scuola e nel budget generale la voce “paritarie” ha avuto una drastica riduzione. In particolar modo il taglio ha colpito le scuole d’infanzia.
Il budget che la Regione Sicilia metteva a disposizione per le scuole paritarie di ogni grado si è nettamente impoverito negli anni. Come spiegato oggi da Avvenire, «fino al 2013-14 il capitolo per l’infanzia aveva un budget di 3 milioni di euro, ridotti drasticamente a 300 mila euro del 2015. Poi con l’ultima Finanziaria nel capitolo risultano zero centesimi, mentre per le primarie si sono trovati 3 milioni e 140 mila euro».

IN PIAZZA. Per questo motivo la Fism (Federazione italiana scuole materne) ha deciso di scendere in piazza questo fine settimana, sabato 12 e domenica 13 marzo, a Palermo, chiedendo con una petizione il ripristino del buono scuola. Una battaglia per difendere il diritto alla scelta anche delle famiglie più povere, come si legge nel testo della petizione: «Si chiede l’immediato ripristino del buono scuola e del sussidio delle scuole d’infanzia che accolgono gratuitamente i bambini che vivono in disagiate situazioni economiche. La Regione siciliana nega il diritto dei genitori di scegliere la scuola più confacente al fanciullo e all’educazione già ricevuta in famiglia».

LIBERTÀ EDUCATIVA. Ad auspicare una grande adesione ai sit-in palermitani è monsignor Michele Pennisi, vescovo delegato della Cei per l’educazione: «Come ho detto lo scorso ottobre all’Assemblea regionale, la scuola cattolica o di ispirazione cristiana non è propriamente parlando un’istituzione educativa confessionale, poiché essa si pone per suo statuto al servizio di tutti e accoglie tutti, con l’obiettivo primario di curare l’educazione della persona e promuoverne la crescita libera e umanamente completa». Monsignor Pennisi ha sottolineato come la situazione degli alunni delle scuole paritarie in Sicilia sia la più sfortunata: «Alle famiglie siciliane e ai loro figli è riservato un trattamento differente rispetto a regioni come la Lombardia. Eppure anche le scuole paritarie offrono un servizio pubblico». Ribadisce infatti la Fism: «Le scuole paritarie fanno risparmiare allo Stato 6,5 miliardi di euro, occupandosi dell’istruzione di bambini che altrimenti dovrebbero essere ricollocati in istituti statali. Dando inoltre lavoro in Sicilia a più di 3 mila persone, tra corpo docente e personale scolastico».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Rolli Susanna scrive:

    Se ne accorgeranno che scenderete in piazza? O faranno finta di non vedervi?!?
    Perchè erano in tanti anche al Circo Massimo ma a quanto pare….

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana