Google+

«Se in Africa ci fosse un’educazione, l’epidemia di Ebola non si sarebbe diffusa tanto». Avsi spiega il vero problema alla base del contagio

agosto 5, 2014 Elisabetta Longo

Intervista a Nicola Orsini, responsabile Avsi in Sierra Leone: «Si sono diffuse “voci”: la gente pensava che non ci fosse nessuna epidemia ma che le persone venissero ricoverate perché fossero loro espiantati gli organi»

Sierra Leone, il virus Ebola fa sempre più paura «e se la gente non avesse dato retta alle “voci” che si sono diffuse, non si sarebbe propagato così tanto». Nicola Orsini, responsabile di Avsi in Sierra Leone, è appena rientrato in Italia e racconta a tempi.it la drammatica situazione del paese. Nell’area Nigeria-Liberia-Sierra Leone ci sono già state 887 vittime e secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità l’epidemia si estende più rapidamente degli sforzi fatti per contenerla. Nella capitale Freetown regna il caos: per arginare il contagio è stata anche dichiarata una “giornata nazionale dello stare in casa”, ma non è bastato per fermare il virus.

Come mai l’epidemia si è propagata così prepotentemente?
In Sierra Leone non si erano mai registrati casi di Ebola, che comunque aveva già colpito negli anni passati gli Stati limitrofi. A rendere la situazione così grave sono state le voci che si sono diffuse nei primi giorni in cui arrivavano le notizie di contagi. Inizialmente la popolazione pensava che il Governo locale volesse far concentrare l’attenzione mondiale su di sé per avere nuove risorse economiche. Poi che in realtà non ci fosse nessuna epidemia di Ebola, ma che le persone venissero ricoverate perché fossero loro espiantati gli organi. E invece che agire subito sulla prevenzione del contagio si è dato retta a queste voci.

Qual è stata la conseguenza?
Il virus non si trasmette per via aerea, ma per contatto con i liquidi corporei infetti del paziente, che si trova in preda a vomito, diarrea, emorragie interne ed esterne. La popolazione locale ha sentito dire che “non c’è vaccino” per l’Ebola. Vero, ma non significa che non ci sia una cura o non ci si possa salvare. In tanti malati hanno pensato che invece che andare in ospedale fosse meglio morire accanto ai propri cari. Così facendo hanno contagiato anche i famigliari. Ma non gli si può dare del tutto torto. In questa parte dell’Africa molto spesso ospedale fa rima con la parola morte e non con la parola cura.

È vero che l’Europa non corre rischi?
Il rischio è davvero basso. Se anche arrivasse un malato, con la febbre emorragica già in corso, sarebbe prontamente individuato e curato, con gli standard che competono gli ospedali europei. Si procederebbe con trasfusioni e flebo di liquidi idratanti, l’unico rimedio contro Ebola, e probabilmente il malato sopravvivrebbe.

Lei è appena rientrato da un Paese a rischio. In aeroporto ci sono controlli?
La mia esperienza non è idilliaca. All’aeroporto di Freetown io e la mia famiglia siamo stati ricevuti da un medico, che ci ha chiesto di firmare un’autocertificazione per dichiarare che stessimo bene e che non avessimo sintomi. Dopo di che ci ha misurato la temperatura e l’ha trascritta su questo certificato, che mi è stato dato per portarlo con me durante il viaggio e consegnarlo al mio arrivo alle autorità di competenza. In realtà una volta atterrati in Italia non abbiamo subito ulteriori controlli medici, né avuto particolari disagi.

Avsi sta portando avanti una campagna speciale per aiutare la popolazione della Sierra Leone?
Oltre a me, a Freetown ci sono altre sei persone che portano avanti l’azione quotidiana di Avsi, un’azione soprattutto educativa. La Capitale conta un milione di abitanti, il resto della Sierra Leone 6 milioni, che vivono tutti nelle campagne. Ed è qui che si fanno più forti i residui di tribalità, le credenze, la poca fiducia uno nei confronti dell’altro. Anche nel caso dell’epidemia di Ebola c’è di base un problema educativo. Se i cittadini si fidassero più delle autorità e non del sentito dire si sarebbero potuti evitare molte morti. Che in Sierra Leone adesso sono ferme a 24. Ma già ieri sera i miei colleghi a Freetown mi hanno fatto sapere che c’è stato un nuovo morto nell’ospedale a est della capitale e che l’edificio è stato messo in quarantena.

Chi vuole contribuire economicamente all’opera di Avsi, può fare un versamento con bonifico a: Fondazione Avsi, causale Emergenza Ebola in Sierra Leone, Credito Valtellinese, Sede Milano Stelline, Corso Magenta 59 IBAN: IT04D0521601614000000005000.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. giuliano says:

    l’Italia è al sicuro da Ebola ?? ma ne siete proprio sicuri ?? migliaia di africani clandestini sbarcano ogni giorno in SIcilia e oltre a non avere alcun documento per entrare legalmente non hanno neanche fatto controlli sanitari e ne li faranno altrimenti la sinistra strilla al razzismo, e tutti hanno paura più della sinistra che di Ebola. Ma è solo questione di tempo ma EBola arriverà per certo e spero che i primi infettati siano proprio quelli che gridano al razzismo. Che almeno crepino loro per primi

    • Jadexxx says:

      I migranti vengono controllati all’arrivo a Lampedusa. Se ve ne fossero di infetti, da quanto ho capito sarebbe anche improbabile che arrivino vivi… l’ebola non è una di quelle malattie che ti porti addosso senza dare segni tipo, che so, epatiti, HIV, tubercolosi, ecc. Quindi possiamo stare relativamente tranquilli. Abbiamo già i nostri mali da curare.

  2. Ellas says:

    Mi fa specie che ebola non si stia diffondendo in altri paesi dell’Africa. Sono così attenti i loro controlli? La Liberia è musulmana, e se vanno alla Mecca allora possono contagiare anche quelli che vengono in Italia. Il problema della malattia è che una volta che l’ospite muore non ve ne resta traccia. Ecco perchè Spagna e America hanno portato nel loro paese persone infetttate ma vive. Per studiarle.

    L’Italia è sicura da ebola finchè fanno in modo che lo sia.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi