Google+

Renzi “blinda” l’Italicum: la Camera approva. Soglie, ballottaggio e liste bloccate. No preferenze

marzo 11, 2014 Chiara Rizzo

Con 315 voti favorevoli e 237 voti contrari, Montecitorio approva la soglia per il premio di maggioranza al 37 per cento, il ballottaggio e le soglie di sbarramento alla Camera. Bocciato l’emendamento che introduceva le preferenze

Bocciato l’emendamento sulle preferenze con soli 35 voti di scarto

Dopo la riunione con i parlamentari del Pd, Matteo Renzi oggi ha incassato un altro risultato: l’aula di Montecitorio ha appena approvato gli emendamenti cardine dell’Italicum. In particolare ha approvato la soglia al 37 per cento per ottenere il premio di maggioranza fissato al 15 per cento. Approvate anche le soglie di sbarramento per l’accesso alla Camera, fissate al 12 per cento le coalizioni, all’8 per cento per quelli che non sono coalizzati, al 4,5 per cento per i partiti che si presentano con una coalizione. Si introduce anche il sistema del ballottaggio in doppio turno per le coalizioni, o i due partiti, che hanno ottenuto più voti ma non tanti da arrivare alla soglia del 37 per cento al primo turno. Questo emendamento è stato votato con 315 sì e 237 voti contrari.

LISTE BLOCCATE. La Camera oggi ha votato anche un altro emendamento scottante al testo dell’Italicum, nato dall’accordo tra il leader Pd Renzi e il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi. L’emendamento al voto prevedeva l’introduzione delle preferenze, contro cui si erano pronunciati più volte nelle settimane passate Berlusconi e Fi. L’emendamento è stato bocciato dall’aula con soli 35 voti di scarto, a conferma che per ora l’accordo con Renzi tiene, ma con molti mal di pancia nel Pd. Hanno votato favorevolmente all’emendamento presentato da Ignazio La Russa (Fratelli d’Italia) 264 deputati, mentre i contrari sono stati 299. Il Pd si è diviso: un esempio clamoroso è quello del deputato (lettiano) Francesco Boccia, che ha votato a favore delle preferenze. Se ieri i voti mancanti all’appello per il voto sulla parità di genere nelle liste erano stati 101, oggi per le preferenze i “mancanti” sono saliti a quota 117.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. carlo scrive:

    Grazie Berlusconi, solo tu potevi condizionare le follie del PD.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana