Google+

Il rispetto e la fermezza

febbraio 1, 2016 Francesco Botturi - Peppino Zola

«Il matrimonio non è una qualsiasi unione tra persone umane». Alcune importanti considerazioni firmate da Ratzinger (2003)

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – A fronte delle questioni che ci travagliano in queste settimane, abbiamo riletto un autorevole documento di magistero della Chiesa cattolica, le Considerazioni circa i progetti di riconoscimento legale delle unioni tra persone omosessuali, pubblicata il 28 marzo 2003 dal cardinale Joseph Ratzinger, allora prefetto della congregazione per la Dottrina della fede, con l’approvazione di Giovanni Paolo II. Tale atto, tuttora in vigore, contiene alcuni criteri di giudizio e risposte a obiezioni che ci sembrano attuali, chiari e coerenti. Crediamo che sia opportuno riproporli, nei passaggi principali del documento, come aiuto a essere presenti con retta coscienza nella circostanza storico-culturale di questi giorni. Titoli, disposizione e numerazione dei brani del documento sono a nostra cura.

A) Alcune considerazioni sul matrimonio in base alla Rivelazione
1. «L’insegnamento della Chiesa sul matrimonio e sulla complementarietà dei sessi ripropone una verità evidenziata dalla retta ragione e riconosciuta come tale da tutte le grandi culture del mondo. Il matrimonio non è una qualsiasi unione tra persone umane. (…) Nessuna ideologia può cancellare dallo spirito umano la certezza secondo la quale esiste matrimonio soltanto tra due persone di sesso diverso, che per mezzo della reciproca donazione personale, loro propria ed esclusiva, tendono alla comunione delle loro persone».

2. «Nella Sacra Scrittura le relazioni omosessuali sono condannate come gravi depravazioni (…). Questo giudizio della Scrittura non permette di concludere che tutti coloro, i quali soffrono di questa anomalia, ne siano personalmente responsabili, ma esso attesta che gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati. (…) Secondo l’insegnamento della Chiesa (…) gli uomini e le donne con tendenze omosessuali devono essere accolti con rispetto, compassione, delicatezza. A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione».

3. Di conseguenza, «in presenza del riconoscimento legale delle unioni omosessuali, oppure dell’equiparazione legale delle medesime al matrimonio con accesso ai diritti che sono propri di quest’ultimo, è doveroso opporsi in forma chiara e incisiva. Ci si deve astenere da qualsiasi tipo di cooperazione formale alla promulgazione o all’applicazione di leggi così gravemente ingiuste, nonché, per quanto è possibile, dalla cooperazione materiale sul piano applicativo. In questa materia ognuno può rivendicare il diritto all’obiezione di coscienza».

B) Argomentazioni di ordine razionale a carattere legislativo, antropologico e sociale
1. Concezione della legge civile. «Il compito della legge civile è certamente più limitato riguardo a quello della legge morale, ma la legge civile non può entrare in contraddizione con la retta ragione senza perdere la forza di obbligare la coscienza. (…) Le legislazioni favorevoli alle unioni omosessuali sono contrarie alla retta ragione perché conferiscono garanzie giuridiche, analoghe a quelle dell’istituzione matrimoniale, all’unione tra due persone dello stesso sesso. Considerando i valori in gioco, lo Stato non potrebbe legalizzare queste unioni senza venire meno al dovere di promuovere e tutelare un’istituzione essenziale per il bene comune qual è il matrimonio. (…) Ci si può chiedere come può essere contraria al bene comune una legge che non impone alcun comportamento particolare, ma si limita a rendere legale una realtà di fatto che apparentemente non sembra comportare ingiustizia verso nessuno. A questo proposito occorre riflettere innanzitutto sulla differenza esistente tra il comportamento omosessuale come fenomeno privato, e lo stesso comportamento quale relazione sociale legalmente prevista e approvata, fino a diventare una delle istituzioni dell’ordinamento giuridico. Il secondo fenomeno non solo è più grave, ma acquista una portata assai più vasta e profonda, e finirebbe per comportare modificazioni dell’intera organizzazione sociale che risulterebbero contrarie al bene comune. Le leggi civili sono princìpi strutturanti della vita dell’uomo in seno alla società, per il bene o per il male. Esse svolgono un ruolo molto importante e talvolta determinante nel promuovere una mentalità e un costume. Le forme di vita e i modelli in esse espresse non solo configurano esternamente la vita sociale, bensì tendono a modificare nelle nuove generazioni la comprensione e la valutazione dei comportamenti. La legalizzazione delle unioni omosessuali sarebbe destinata perciò a causare l’oscuramento della percezione di alcuni valori morali fondamentali e la svalutazione dell’istituzione matrimoniale».

2. Problemi antropologici. «Nelle unioni omosessuali sono del tutto assenti quegli elementi biologici e antropologici del matrimonio e della famiglia che potrebbero fondare ragionevolmente il riconoscimento legale di tali unioni. Esse non sono in condizione di assicurare adeguatamente la procreazione e la sopravvivenza della specie umana. L’eventuale ricorso ai mezzi messi a loro disposizione dalle recenti scoperte nel campo della fecondazione artificiale, oltre a implicare gravi mancanze di rispetto alla dignità umana, non muterebbe affatto questa loro inadeguatezza. (…) Come dimostra l’esperienza, l’assenza della bipolarità sessuale crea ostacoli allo sviluppo normale dei bambini eventualmente inseriti all’interno di queste unioni. Ad essi manca l’esperienza della maternità o della paternità. Inserire dei bambini nelle unioni omosessuali per mezzo dell’adozione significa di fatto fare violenza a questi bambini nel senso che ci si approfitta del loro stato di debolezza per introdurli in ambienti che non favoriscono il loro pieno sviluppo umano».

3. Obiezioni e conseguenze sociali. «La società deve la sua sopravvivenza alla famiglia fondata sul matrimonio. La conseguenza inevitabile del riconoscimento legale delle unioni omosessuali è la ridefinizione del matrimonio, che diventa un’istituzione la quale, nella sua essenza legalmente riconosciuta, perde l’essenziale riferimento ai fattori collegati alla eterosessualità, come ad esempio il compito procreativo ed educativo. Se dal punto di vista legale il matrimonio tra due persone di sesso diverso fosse solo considerato come uno dei matrimoni possibili, il concetto di matrimonio subirebbe un cambiamento radicale, con grave detrimento del bene comune (…). A sostegno della legalizzazione delle unioni omosessuali non può essere invocato il principio del rispetto e della non discriminazione di ogni persona. Una distinzione tra persone oppure la negazione di un riconoscimento o di una prestazione sociale non sono infatti accettabili solo se sono contrarie alla giustizia. Non attribuire lo statuto sociale e giuridico di matrimonio a forme di vita che non sono né possono essere matrimoniali non si oppone alla giustizia, ma, al contrario, è da essa richiesto. (…) Non è vera l’argomentazione secondo la quale il riconoscimento legale delle unioni omosessuali sarebbe necessario per evitare che i conviventi omosessuali perdano, per il semplice fatto della loro convivenza, l’effettivo riconoscimento dei diritti comuni che essi hanno in quanto persone e in quanto cittadini. In realtà, essi possono sempre ricorrere – come tutti i cittadini e a partire dalla loro autonomia privata – al diritto comune per tutelare situazioni giuridiche di reciproco interesse. Costituisce invece una grave ingiustizia sacrificare il bene comune e il retto diritto di famiglia allo scopo di ottenere dei beni che possono e debbono essere garantiti per vie non nocive per la generalità del corpo sociale».

C) Comportamenti dovuti
«Se tutti i fedeli sono tenuti a opporsi al riconoscimento legale delle unioni omosessuali, i politici cattolici lo sono in particolare, nella linea della responsabilità che è loro propria (…). Nel caso in cui si proponga per la prima volta all’Assemblea legislativa un progetto di legge favorevole al riconoscimento legale delle unioni omosessuali, il parlamentare cattolico ha il dovere morale di esprimere chiaramente e pubblicamente il suo disaccordo e votare contro il progetto di legge. Concedere il suffragio del proprio voto ad un testo legislativo così nocivo per il bene comune della società è un atto gravemente immorale». In presenza di una legge favorevole, il parlamentare cattolico «potrebbe legittimamente offrire il proprio sostegno a proposte mirate a limitare i danni di una tale legge e a diminuirne gli effetti negativi sul piano della cultura e della moralità pubblica, a condizione che sia chiara e a tutti nota la sua personale assoluta opposizione a leggi siffatte (…)».

Ci permettiamo di sottolineare la presenza nel documento di alcuni aspetti da non dimenticare.
Testimonianza. Il documento richiede a tutti e in particolare ai politici e ai parlamentari «un doveroso atto di testimonianza della verità», ove la parola testimonianza assume tutto il suo spessore di impegno privato personale e pubblico istituzionale.
Persona e famiglia. Di particolare importanza la sottolineatura circa «rispetto, compassione, delicatezza» nei confronti di persone con tendenze omosessuali. Le battaglie che si stanno facendo in questo periodo non sono “contro qualcuno”, ma “a favore dell’istituzione” famiglia.
Educazione. Le “considerazioni” richiamano la necessità che i giovani non siano esposti in modo inerme a una concezione erronea della sessualità e del matrimonio. Questa preoccupazione deve allertare tutti circa l’esigenza di mettere in atto una forte proposta educativa da parte delle comunità cristiane, delle famiglie, delle scuole, dei mass-media, qualunque sia l’esito legislativo.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

15 Commenti

  1. giovanna scrive:

    DFTT
    (trollona-qui luca fava )

  2. Giò scrive:

    Ecco un Papa che ‘dice Sì per dire Sì e dice No per dire No’.!
    Davvero una guida. Un padre di una chiarezza inequivocabile da cui lasciarsi educare.

  3. SILVIO scrive:

    Un grande Pontefice che si dimise per impedire che la Chiesa subisse ulteriori danni dalla consorteria anglosassone dominante.

    • underwater scrive:

      Se intendi dire le lobby abortiste e gay ANCHE americane ti do assolutamente ragione. Ma ricordati che nessun Papa precedente aveva esaltato i l genuino approccio americano alla religione come Benedetto XVI durante la sua visita pastorale negli Stati Uniti. Così come non si era mai visto un presidente USA ospitato privatamente per una colazione amichevole in Vaticano come George Bush nel suo ultimo anno di governo. Anche lì ad opera di Benedetto XVI.

      • SILVIO scrive:

        @ Underwater,

        le argomentazioni (documentate da dati e fatti inoppugnabili) sarebbero così numerose da occupare pagine e pagine di Tempi.it.

        Per cui mi limito a ribadire: è stato il ramo Usa dell’élite anglosassone (di concerto col suo ramo europeo che ha sede nella City of London Corporation) a pretendere ed a ottenere le dimissioni di Benedetto XVI.

        Che, per me, rimane sempre il Pontefice regnante finché morte non lo separi dal sacro vincolo che la Chiesa gli ha riservato: “Vicario di Cristo” in terra.

        • underwater scrive:

          Non credo esista una lobby etnicamente connotata che scavalca l Atlantico. Ci sono lobby ckn vari scopi, ma sono dappertutto e vestono tutte le pelli. Non si capisce poi a che scopo, visto che Benedetto XVI è stato tra i Papi più consonanti al ethos americano. Mi ricordi altri personaggi che sono passati di qui e che abbiamo già bastonato.

        • oikos scrive:

          Benedetto si è dimesso perchè si era reso conto dei suoi limiti fisici….se invece fosse stato come dici tu si sarebbe dimesso per viltà , ed io non credo sia così.
          di Francesco riuscite a interpretare in modo superficiale alcune sue battute, che tra l’altro sono distorte o poste fuori contesto dalla stampa laicista, in realtà Francesco cammina sulla stessa strada di Benedetto anche se è una personalità molto diversa.

  4. Paolino scrive:

    Sono a dir poco irritato da questo articolo.
    La Nota del 2003 è sufficientemente chiara da poter esser letta da chiunque (infatti «Tempi» l’ha già pubblicata integralmente dando un importante contributo al dibattito). A cosa serve questa specie di sunto ragionato che peraltro ha richiesto addirittura due co-autori?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana