Google+

Rapporto Estrela. Costa (Pd): «Non l’ho votato perché faceva dell’aborto un totem. Ma è presto per cantare vittoria»

dicembre 13, 2013 Francesco Amicone

Intervista all’eurodeputata di sinistra: «Il problema si riproporrà finché l’Europa continuerà a parlare di “salute sessuale e riproduttiva” nei termini attuali»

«Non potevo condividere l’ impostazione culturale e politica con cui è stata portata avanti la “relazione Estrela”. Faceva dell’aborto un totem e lo considerava un diritto umano». Silvia Costa è una dei sette europarlamentari Pd del gruppo Socialisti e Democratici che si sono astenuti nel voto in merito alla relazione su “Salute e diritti sessuali e riproduttivi”, varata dalla commissione Femm e definitivamente respinta dal Parlamento europeo. Costa smentisce a tempi.it le illazioni secondo le quali alla base della sua decisione e di altri cinque europarlamentari piddini – la cui astensione non si è comunque rivelata determinante per la bocciatura del rapporto (il testo alternativo del Ppe infatti è passato per sette voti: 334 contro 327) – ci sarebbe lo zampino di Matteo Renzi: «Il Pd non si è diviso per Renzi», spiega l’eurodeputata. «Da mesi si conosceva il mio parere sulla relazione Estrela».

Per quali ragioni si è astenuta?
Innanzitutto perché la relazione Estrela non bilanciava l’aborto con il diritto del nascituro e perché il diritto alla vita veniva completamente ignorato. Inoltre perché eliminava l’obiezione di coscienza, promuoveva l’accesso diretto delle minorenni all’aborto senza il consenso dei genitori e la procreazione assistita per single omosessuali. La relazione inoltre non poneva alcuna attenzione sul diritto alla maternità e alla paternità, e accresceva la responsabilità delle donne, con il rischio di accentuarne la solitudine.

Queste obiezioni sono state presentate ai suoi colleghi socialisti prima che il testo arrivasse nel parlamento di Strasburgo?
Le ho dettagliate mesi fa in commissione Femm e in una nota presentata alla delegazione Pd del gruppo socialista. In quanto membro supplente della commissione ho presentato una dozzina di emendamenti, prima che il testo arrivasse in parlamento, ma l’unica accolta è stata quella che introduceva il riferimento sulla prevenzione dell’aborto per ragioni sociali ed economiche. Troppo poco. Il testo è tornato una seconda volta in commissione. Ho ripresentato gli emendamenti, ma il presidente, anche lui socialista, si è detto contrario a emendare il testo. A quel punto ho scritto una seconda nota in cui annunciavo che, se durante l’esame parlamentare non fossero stati accolti gli emendamenti correttivi, mi sarei astenuta.

Altri suoi colleghi del Pd hanno deciso di fare lo stesso, ma non tutti.
All’interno del Pd ci sono posizioni diverse sulle questioni etiche, non è una novità. Alcuni colleghi hanno preso coscienza, dopo le mie note, delle problematiche che avevo evidenziato e hanno aderito alla mia astensione. Nessuno avrebbe immaginato che il testo sarebbe stato ritirato dal dibattito dell’assemblea plenaria e che passasse la risoluzione di minoranza del Ppe.

La bocciatura del testo è un bene?
È sbagliato definirla una vittoria. Il pronunciamento del Parlamento europeo non ha valore cogente, ma ha un peso sul diritto internazionale che i diplomatici conoscono bene. Anche nella risoluzione del Ppe che affida le decisioni ai singoli stati membri si parla di “Diritti alla salute sessuale e riproduttiva”. Dunque si conferma una dizione ormai divenuta di uso comune dopo la Convenzione di Pechino, che contiene il primo tentativo di trasformare l’aborto in un diritto umano. L’Europa dovrebbe affrontare diversamente il dibattito.

Come?
Senza rinunciare ai propri princìpi ma nemmeno lasciandosi trasportare dagli opposti estremismi o delegando agli stati membri. Questi problemi si riproporranno di nuovo. Sarebbe utile allora prendere esempio da quello che in Italia è stato fatto con la legge sull’aborto, dove – al di là delle opinioni – c’è stata la preoccupazione di trovare un equilibrio fra diritti e realtà. La 194 è stata fatta bilanciando la garanzia dell’accesso all’aborto in sicurezza e ad alcune condizioni con la tutela della vita umana, l’obiezione di coscienza e il valore sociale della maternità.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Mappo scrive:

    Una domanda per Silvia Costa, ma se c’erano tutte quelle aberrazioni nel Rapporto “Estrela” perché limitarsi all’astensione e non votare contro? Se la mozione fosse passata magari per pochissimi voti il mancato voto contrario della Costa sarebbe stato un errore gravissimo di cui tutti noi avremmo pagato le conseguenze.

  2. Ambrogio scrive:

    E non dimentichiamo che la Costa ha poi votato a favore della relazione Lunacek, che è la stessa minestra.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana