Google+

Quanto costa un figlio perfetto? A Bruxelles la grande expo per la compravendita di bambini

maggio 12, 2015 Leone Grotti

Per sapere tutto sull’utero in affitto, l’organizzazione “Men Having Babies” ha organizzato «nel cuore dell’Europa la più grande conferenza dedicata agli uomini gay che vogliono avere figli»

utero-affitto-mhb-screenshot

Mentre l’1 maggio a Milano si è aperto l’Expo 2015 sull’alimentazione, due giorni dopo a Bruxelles si è aperto l’Expo sulla compravendita dei bambini. Con il titolo “Opzioni genitoriali per uomini gay europei”, l’organizzazione non profit Men Having Babies (Mhb, uomini che hanno bambini) ha organizzato per la prima volta «nel cuore dell’Europa la più grande conferenza dedicata agli uomini gay che vogliono avere figli».

EXPO DEI BAMBINI (COMPRATI). Alla fiera, che si è tenuta in un palazzo di proprietà della Regione, sono state invitate una ventina di agenzie e cliniche specializzate nella pratica dell’utero in affitto in Canada, India e Stati Uniti, le quali hanno offerto e spiegato nel dettaglio i loro servizi a più di 200 persone provenienti soprattutto da Belgio, Francia e Germania. Tra di loro c’era anche Xavier Lombard, blogger incuriosito da questa particolare idea di expo, che ha scritto un resoconto della giornata per il Le Figaro.

«IDEALE UNA STUDENTESSA». Lo scopo della giornata, come spiega il direttore di Mhb all’entrata, è «aiutarvi nel labirinto della maternità surrogata per permettervi di trovare la migliore agenzia al minor costo». Infatti, «la maternità surrogata è un percorso complesso che esige diversi intermediari. Bisogna comprare un ovocita e l’ideale è una studentessa sui vent’anni che abbia la maggior parte di tratti fisici in comune con il donatore di sperma». E riguardo ai rischi che la studentessa sui vent’anni corre per donare gli ovociti? Spiega Lombard: «Neanche una parola».

«BAMBINI MERAVIGLIOSI, PERFETTI». Il programma prevede, prima di pranzo, una panoramica generale sull’utero in affitto per quanto riguarda tutto ciò che c’è bisogno di fare e quanto si arriva a spendere. Le varie agenzie si alternano sul palco «con i loro slogan pubblicitari», come racconta Lombard: «La tale agenzia fabbrica “dei bambini meravigliosi”, la tal altra produce “bambini perfetti”, la terza assicura che “con noi tutto è possibile”». Tutte promuovono «”viaggi di maternità sostitutiva”, un vocabolario attentamente scelto per anestetizzare la coscienza».

«PER RISPARMIARE». Sul palco viene chiamato un uomo a testimoniare il successo delle pratiche: «Il mio partner ed io abbiamo fatto fabbricare 12 embrioni, che sono stati congelati per risparmiare e pianificare [le nascite]. Un primo bambino è nato, seguito da un secondo tre anni più tardi». E gli altri 10 embrioni congelati dove finiranno? Non è dato saperlo.

«SUPPLEMENTO DI PREZZO». Dopo un ricco rinfresco si passa ad analizzare altri dettagli. Ci vogliono almeno, secondo gli esperti presenti, «tre team di avvocati: uno per il diritto commerciale che si occupi degli intermediari, dello stato civile e della filiazione, un altro nel paese di origine e un terzo» nel paese dove avviene il parto. Nel pomeriggio parla anche un medico, precisando che «la mia agenzia può selezionare con supplementi di prezzo il sesso [del nascituro], il colore della pelle, i test genetici e gli embrioni». Insomma, commenta Lombard, «siamo in pieno eugenismo commerciale». Ma quanto si viene a spendere in tutto? A seconda dei «supplementi di prezzo», un bambino “chiavi in mano” costa dai 60 mila ai 150 mila euro.

UTERO IN AFFITTO «ETICO». Al convegno vengono invitate a parlare anche donne che assicurano che l’utero in affitto «etico» è possibile e può essere approvato dai paesi europei. Infatti, ci sarebbero moltissime ragazze disposte a portare per nove mesi in grembo il bambino di una coppia gay per «altruismo». Non c’è bisogno dunque di tirare in ballo parole orribili come «compravendita» o raccontare storie di donne indiane costrette a partorire figli perché indigenti. Tutto si farebbe per amore, non per denaro. Un’ipotetica legge, come quella che potrebbe essere approvata in Belgio, permetterebbe solo alle donne benestanti di prestare il proprio utero, così da scongiurare ogni motivazione economica dietro al nobile gesto. Resterebbe da pagare solo un rimborso spese, non quantificabile, giusto per non approfittare troppo della cortesia.

«UN PRODOTTO CHE PARLA». Nel salone non si aggirano però solo «uomini gay che vogliono avere figli», c’è anche Stéphanie Raeymaekers, fondatrice dell’associazione DonorKinderen, che difende il diritto dei bambini nati come lei da fecondazione eterologa o utero in affitto a conoscere i genitori biologici (che quasi sempre è vietato dalla legge). Raeymaekers è andata da tutte le agenzie a ricordare una cosa: «Io constato che qui non si lascia spazio ai bambini. Non a caso nessun bambino nato da utero in affitto è venuto a testimoniare la sua esperienza oggi. Questo la dice lunga! Io sono stata comprata. La mia associazione non viene vista di buon occhio perché io sono un prodotto che parla e quindi che disturba. In questo paese è più facile tracciare l’origine della carne, che l’origine biologica degli esseri umani».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. Emanuele scrive:

    …poveri bambini, fabbricati, vivisezionati, coltivati, comprati, scelti a
    catalogo, scartati, dotati di pedigree, privati del caldo seno materno…

    Questo sarebbe amore? No, cari miei. Amare vuol dire mettere la vita dell’altro davanti alla nostra, senza se e senza ma, senza guardare il colore della pelle, senza calcolare il QI, accettando l’altro come appunto altro da sé.

    Questi bambini, invece, sono solo l’emanazione dell’ego smisurato degli adulti. Trofei muti da mostrare ai party o da far sfilare nelle manifestazioni…

    Ma la cosa più vergognosa è che nessuno interviene: compravendita di minori, sfruttamento della donna, discriminazione, eugenetica. Crimini da perseguire su cui non solo si tace, ma anzi si plaude. Anzi, invece di condannare loro, si condanna chi cerca di porre un freno a questi scempi. Così loro vengono esaltati come progressisti, amanti perfetti a cui tutto è concesso, mentre noi siamo il male, l’arretratezza, l’odio… poco importa se proviamo a dal voce a quei bambini che nessuno vuol sentire; del resto a che serve se ci sono vagonate di studi che dimostrano che quei bambini DEVONO essere felici?

    Forse ingannerete voi stessi e gli uomini ma ricordate le parole di San Giovanni Paolo II: “Io vi dico convertitevi. Un giorno ci sarà il Giudizio di Dio”

  2. Erminio scrive:

    Direi con Heidegger che ormai solo (un) Dio potrà salvarci…La tecnica ha reso ormai anche l’uomo un oggetto al pari di qualunque altro…fuggire o combattere?

    • EquesFidus scrive:

      Combattere: questi eugenetisti, questi piccoli mercanti d’uomini in salsa radicale pensano di avere tutto nelle loro mani, tra denaro, potere politico e supporto sociale. Ma il futuro non è scritto nella pietra e, prima o poi, dovranno anche loro affrontare la giustizia di Dio.

    • sganarello scrive:

      Erminio l’uomo ha smesso di essere oggetto forse un secolo fa. Ed è diventato consumatore. Se volete davvero protestare contro ciò dovete mettervi dalla parte dei black blocks

      • Menelik scrive:

        Consumatore, certo, di esseri umani.
        Esseri umani acquistati per sfoggiarli bambini, parti di esseri umani acquistate come pezzi di ricambio, infatti in Cina si fanno ondate di esecuzioni di condannati quando arrivano ordinazioni di organi dall’occidente, si confezionano integratori alimentari con cellule umane frullando i bambini abortiti.
        E tuto questo per assecondare ricconi debosciati che magari credono anche di essere la prosecuzione della “rivoluzione del 68″, e oggi sono schifosamente borghesi e comprano a suon di dollaroni la merce umana dalle diseredate e proletarie alle periferie del mondo, o della nostra stessa società occidentale.
        Davanti a questa feccia di consumatori acquirenti di carne umana, viva o morta che sia, vien voglia di augurargli di finire sotto l’isis.
        Però sono convinto che si tratta di una più che infima minoranza di debosciati pervertiti ricconi, e la stragrande maggioranza sia composta di gente per bene, NORMALE, come noi, etero o omo che siamo, religiosi o irreligiosi che siamo, destri o sinistri che siamo.
        GENTE NORMALE, NON PAZZI LUCIDI CHE HANNO LA POSSIBILITA’ DI ATTUARE LE LORO FOLLIE CON LA PREPOTENZA DEL DENARO.

  3. Giulia scrive:

    Difficile commentare una cosa così…non riesco a trovare parole adatte per esprimere il mio sdegno, schifo, rabbia e chi più ne ha più ne metta. Credo solo che la natura si ribellera’ presto a tutti questo e chiederà ai lor signori il conto che spero sia il più salato possibile..!!

    • Menelik scrive:

      ….Giulia, qua la mano !
      Hai espresso anche i miei sentimenti, anzi, RIsentimenti, direi.

  4. Maurizio scrive:

    Ora capisco,Sganarello…sei fermo ad un secolo fa..ora tutto é chiaro..ciò che dominava un secolo fa..sai come é finito,dopo i disastri che ha combinato..contento te..!!..??

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

Look pistaiolo e dotazione particolarmente ricca per l'ultima versione della supercar nipponica, che entra in listino a 118.900 euro. Le consegne inizieranno a novembre

La concept nipponica anticipa una SUV a tre porte dal design aggressivo, ispirata concettualmente alla prima generazione a passo corto della Toyota Rav4. A soluzioni avveniristiche in abitacolo si affianca un powertrain ibrido.

Al Mondial de l'Automobile debutta la nuova Suzuki Ignis 2017. È una specie di mini Suv che sfida a viso aperto la Fiat Panda 4x4. Arriverà all'inizio del prossimo anno

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana