Google+

«Pisapia, se cedi alle pressioni della Cina copri di vergogna Milano e l’Italia»

giugno 21, 2012 Leone Grotti

Intervista a Kalsang Dolker, presidente della comunità tibetana di Milano e d’Italia: «Il Comune voleva rendere il Dalai Lama cittadino onorario, la Cina ha minacciato di disertare Expo. Ma non possiamo cedere».

Date la cittadinanza onoraria al Dalai Lama e i rapporti tra Cina e Milano si interromperanno per i prossimi tre anni. Che tradotto significa: attenti, perché diserteremo Expo. Si è rivolta in questi termini la Cina a Palazzo Marino, quando ha saputo che in occasione della visita della guida spirituale tibetana a Milano, il 27 e il 28 giugno prossimi, il Comune aveva intenzione di rendere omaggio al Dalai Lama, considerato dalla Cina un leader politico separatista, facendolo cittadino onorario. La bufera è scoppiata subito, Pisapia e la sua giunta hanno tremato all’idea di perdere tutti gli introiti economici che possono arrivare dalla presenza a Expo del Dragone e solo oggi pomeriggio decideranno se cedere o no alle pressione del Partito comunista cinese. «Noi chiediamo a Pisapia di non cedere» dichiara a tempi.it Kalsang Dolker, presidente della comunità tibetana di Milano e d’Italia. «Se la giunta farà un passo indietro e rinuncerà a dare la cittadinanza onoraria al Dalai Lama coprirà di vergogna Milano e tutta l’Italia».

Addirittura?
Certo, è triste per Sua santità il Dalai Lama, che è famosissimo, ha ricevuto premi in tutto il mondo ed è già cittadino onorario di Bologna, Venezia e Roma vedere che il Comune di Milano tentenna su un gesto simbolico, ma importante. Soprattutto se lo merita, per la grande personalità spirituale che è e per quell0 che rappresenta.

La Cina, come ha già fatto in tante occasioni, usa il suo potere economico per spaventare gli altri Stati.
Esatto, è una tattica che Pechino usa in continuazione. Io capisco che gli affari siano importanti e che l’Italia stia attraversando una crisi molto pesante. Ma se la Cina continua ad agire in questo modo, e Milano si dimostra succube, l’Italia perderà la sua indipendenza. Ma ci rendiamo conto che la Cina vuole decidere a chi Milano può o non può dare dei premi? È una vergogna, un vero peccato per tutti i tibetani e tutti gli italiani. È una perdita di libertà.

Il Comune deciderà il da farsi oggi pomeriggio, voi che speranze avete?
Credo che rinunceranno a dare la cittadinanza onoraria al Dalai Lama ma spero almeno che lo ricevano ufficialmente. Noi però chiediamo a Pisapia che faccia una scelta coraggiosa e che non getti discredito e vergogna su Milano e l’Italia tutta.

Se la Cina è prepotente con l’Italia, fa di peggio in Tibet. Ieri altri due tibetani si sono dati fuoco e così sono già 41 dal 2009.
Esatto, la repressione ultimamente è aumentata moltissimo. Dopo il 27 maggio, quando due persone si sono auto-immolate a Lhasa, la capitale del Tibet, la Cina ha messo in prigione in modo indiscriminato 600 tibetani. Non so se mi spiego: 600 persone innocenti. È ovvio che i tibetani non ne possano più e reagiscano come possono.

La Cina è troppo potente perché le cose cambino?
La Cina non è potente, crede di esserlo ma un paese che ha paura della verità, che impedisce che le informazioni escano dal paese e che deve continuamente nascondere i fatti non è una potenza. Hanno persino paura di una cittadinanza onoraria! Non saranno mai grandi come un paese democratico e liberale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Alberto Ghidotti scrive:

    Milano, 5 mesi fa. Cittadinanza onoraria a Saviano. Il sindaco Pisapia dice: La cittadinanza non è solo un gesto simbolico, ma un modo concreto di ribadire la volontà di opporsi sempre e comunque alla criminalità organizzata.
    Bene, bravo e adesso basta che i cinesi facciano “Buuuu” per sfasciare la tua volontà!!
    Direi scarsuccia….
    Scusa, piccolo sindaco, questa è Milano e quello lì è il Dalai Lama.

  2. francesco taddei scrive:

    l’italia ha già compromesso la sua dignità svariate volte. su tutte la vicenda dei due marossi e il caso battisti

  3. Luigi Lupo scrive:

    Domande.
    Quando, 2007 sindaco Moratti, il Dalai Lama venne a Milano, perchè non le venne concessa la cittadinanza onoraria?
    Non mi ricordo polemiche in merito, dove erano tutti quelli che ora reclamano?

  4. to last longer scrive:

    Very interesting info !Perfect just what I was looking for! “The whole point of getting things done is knowing what to leave undone.” by Lady Reading.

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Casa francese presenta una nuova monovolume sviluppata in partnership con Toyota, disponibile con due misure d’interasse e in tre lunghezze differenti. Può ospitare sino a 9 persone e adottare la trazione integrale.

Telaio in alluminio e componentistica affidabile: una efficace all-round, che dà l’opportunità a un ampio pubblico di beneficiare della tecnologia Lapierre. A meno di 2.300 euro.

Tra i capi cult più desiderati da motociclisti e non, è declinato in stile vintage dal marchio bresciano. In vendita da marzo a 279 euro.

L’utilitaria francese, destinata ai Paesi emergenti, beneficia di due allestimenti concept che la trasformano in una piccola sportiva oppure in una crossover (molto) compatta. Al 3 cilindri 0.8 benzina aspirato da 54 cv si affianca la versione da 1,0 litri da 69 cv.

La compatta nipponica adotta un moderno 4 cilindri 1.5 td 16V da 105 cv. A consumi particolarmente ridotti abbina prestazioni da prima della classe. Prezzi da 17.300 euro e dotazione di serie completa.

Speciale Nuovo San Gerardo