Google+

«Il suo permesso era valido per la legge ucraina. Ora siamo un altro paese». Sacerdoti in Crimea rischiano l’espulsione

settembre 13, 2014 Redazione

Alla base degli inconvenienti sembrano esserci solo problemi burocratici, ma tutte le comunità religiose devono registrarsi di nuovo presso le autorità russe entro il primo gennaio 2015

«Il suo permesso era valido per la legge ucraina. Ora siamo un altro paese». Si è sentito rispondere così il sacerdote cattolico Piotr Rosochacki dall’ufficio immigrazione russo della Crimea, che si è rifiutato di rinnovare il permesso di soggiorno a diversi religiosi stranieri presenti nella penisola strappata a marzo a Kiev da Mosca. Già 18 imam turchi hanno dovuto lasciare il paese ad agosto e la stessa sorte potrebbe toccare anche a ortodossi e cattolici.

RICHIESTA RESPINTA. «Sono parroco in Crimea da più di cinque anni ma il mio permesso scade il 25 ottobre e mi resta poco tempo», dichiara padre Rosochacki a Forum 18, gruppo che monitora lo stato della libertà religiosa in Oriente. La Chiesa cattolica in Crimea ha dodici sacerdoti (otto polacchi e quattro ucraini) e otto suore (cinque ucraine, una lituana e due polacche). Quando ad agosto padre Rosochacki, che è parroco nella parrocchia dell’Assunzione della vergine Maria di Simferopoli, si è recato all’ufficio immigrazione russo in Crimea gli è stato risposto che «la richiesta di rinnovo non poteva essere accettata». Poi «mi hanno scritto una lettera dicendomi che il mio caso sarebbe stato trattato in seguito senza darmi spiegazioni».

«IL PROBLEMA NON È LA RELIGIONE». Al 12 settembre, però, non è ancora stato contattato. Nel frattempo, anche a suor Irena Olszak, polacca, è stato detto che la sua richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno sarebbe stata respinta. Dopo aver chiesto spiegazioni a Sergei Aksyonov, capo del neonato governo di Crimea appoggiato da Mosca, al prete cattolico è stato assicurato che «non c’è nessun problema per le autorità legato alla religione. Ci occuperemo del caso e daremo presto una risposta ragionata».

CASO BUROCRATICO? Alla base degli inconvenienti sembrano esserci solo problemi burocratici. A tutte le comunità religiose è stato infatti chiesto di registrarsi di nuovo presso le autorità russe entro il primo gennaio 2015. Dopo la registrazione, per le comunità dovrebbe essere di nuovo possibile invitare in Crimea sacerdoti o imam stranieri muniti di visto russo. Alcuni sacerdoti però, come riporta AsiaNews, lamentano di essere sempre sotto il controllo dell’intelligence russa. Un prete cattolico, Bogdan Kostetsky, ha ad esempio riferito di essere stato interrogato più volte.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana