Google+

«Perché il carburante costa»: interviste al benzinaio più caro e più economico d’Italia

gennaio 16, 2012 Chiara Rizzo

Sono entrambi sull’A14. Il più caro è Diana Del Valle, che gestisce l’area di servizio Chienti Ovest: «Colpa delle accise, ora vi faccio l’elenco e capirete». Il meno costoso è Massimo Piccinelli e gestisce l’area Sillaro Ovest: «Ogni mattino ricevo il prezzo da applicare ed eseguo»

Tempi.it ha intervistato il benzinaio più costoso e il più economico d’Italia.

Il più caro
Piacere, sono la benzinaia più cara d’Italia. Diana Del Valle gestisce con il marito l’area di servizio Chienti Ovest (Ap), un distributore Q8 sulla A14 Bologna-Taranto: «Per carità, non scriva che siamo il più caro d’Italia». Disubbidiamo. Oggi, venerdì 13, secondo la media nazionale un pieno di benzina costa per un serbatoio da 50 litri 87,85 euro (diesel 86). A Chienti Ovest si spende 92,10 euro per il pieno di benzina (diesel 85,55). Stessa autostrada, altri distributori della Q8 e i costi scendono: 87 euro il pieno di benzina (diesel 85). Del Valle, scusi, ma Chienti Ovest è la via Montenapoleone delle pompe di benzina? Lei non fa una piega: «Ora le mostro tutti i conti, non ho nulla da nascondere, anzi. Lo sento come un dovere quello di spiegare come stanno le cose, perché poi si dice che noi gestori siamo ladri, ma non è così. I problemi stanno a monte. Guardi, ecco qui le cifre a litro scorporate voce per voce».

«I prezzi sono consigliati da Q8 ogni sera, e io mi limito a seguire quello che mi dice la compagnia. Questi prezzi comprendono 27 centesimi di accise governative: e qui son le sberle». Del Valle prende un mazzo di fogli e inizia a sciorinare. «Vuol sapere le accise che dobbiamo pagare tutti noi su ogni litro di benzina? La servo subito: c’è 1 millesimo al litro per la Guerra d’Abissinia del 1935. Me lo dice lei che abbiamo da pagare ancora in Abissinia? Mah. Vado avanti: 7 millesimi per la Crisi di Suez del 1956, 5 millesimi per il Vajont del 1963, 5 millesimi per l’alluvione di Firenze del ’66, 5 millesimi per il terremoto del Belice del ’68, 51 millesimi per il terremoto del Friuli del ’76, 39 millesimi per il terremoto d’Irpinia dell’80, 106 millesimi per la missione in Libano dell’83 e 11 per quella in Bosnia del ’96, 20 per il rinnovo del contratto autoferrotranvieri del 2004, 5,5 millesimi per i finanziamenti alla cultura del 2011 e 40 millesimi per l’emergenza immigrati di Lampedusa. E mi pare che abbiamo rivisto tutta la storia d’Italia così. Poi aggiunga che nelle Marche c’è da calcolare un’addizionale regionale tra le più alte, di 7,58 centesimi al litro più Iva, e si arriva a 9,17 cent/litro. Su questa stessa autostrada i nostri concorrenti dell’Emilia hanno addizionali più basse».

Già. Però le accise le pagano tutti, ma i prezzi complessivi dei colleghi benzinai restano comunque più bassi. Come mai? Del Valle: «Il problema grave è il doppio binario delle compagnie: a noi gestori della rete ordinaria fanno un certo prezzo. Poi nell’extrarete (grande distribuzione, privati, “amici di amici”) le stesse compagnie fanno prezzi inferiori, anche se di millesimi. È come se io dovessi comprare un etto di prosciutto all’alimentari sotto casa o dal grossista. Il prodotto è lo stesso, no? Ma dall’alimentare si spende di più, ovviamente. È vero, anche rispetto ad altri Q8 questo è più caro: ma gli altri hanno prezzi consigliati dalla stessa Q8 più bassi del nostro, anche in base ai contratti siglati con la società Autostrade, a cui dobbiamo pagare delle royalties. E più si alzano le royalties della compagnia, più i prezzi crescono. Poi c’è il contratto nazionale dei gestori, permette l’opzione overprice di cinque millesimi al litro sul prezzo del carburante al self service, e di 10-20 millesimi sul servito».

E lei Del Valle oggi ha applicato anche l’overprice? «Sì, per 18 millesimi al servito. La toglierei volentieri, anche rimettendoci: ma non posso proprio. Qui noi lavoriamo 24 ore, con due persone almeno per ognuno dei tre turni previsti. E fanno cinque dipendenti minimo da stipendiare. Come dicevo, per litro erogato ho un guadagno del 3 per cento. Ma per mandare avanti una stazione di questo genere, così grande, mi servirebbe il 6 per cento, per poter coprire le spese fisse, altrimenti si va in perdita. All’anno devo pagare 247 mila euro per gli stipendi, più le bollette elettriche e sono altri 12 mila euro all’anno. I costi sono elevati e sto pensando di lasciare. Perché quando le banche cominciano a chiamare, se non ci stai dentro, poi come fai?». Del Valle sospira: «Il nostro guadagno principale è quello della pompa. Sì, noi abbiamo anche il Gpl e un piccolo shop, che però è un mortorio. Nessuno compra niente. Io non sono d’accordo con la liberalizzazione: l’attrezzatura del distributore è della compagnia e noi gestori non dobbiamo pensare a nulla, se si rompe la pompa la riparano loro. Se dovessi vendere altri carburanti, temo che la compagnia si rivarrebbe proprio su noi distributori».

Il più economico
Sempre sulla A14 Bologna-Taranto c’è però anche l’area di servizio più economica dello Stivale, Sillaro Ovest (Bo), distributore Eni. Qui il pieno di benzina scende a 81,65 euro (diesel 81,95). Sillaro ha battuto ogni record anche della stessa compagnia Eni, che in media offre un pieno a 85,55 euro. Com’è possibile? Davanti a Massimo Piccinelli, il gestore, sembra di ascoltare il Jovanotti di “Sono un ragazzo fortunato”: «Mah! Siamo i più economici d’Italia, lo so, ma le dirò: come si fissa il prezzo è un enigma anche per me, perché è la compagnia stessa che li ha voluto più competitivi. Sarà che noi abbiamo anche il “prezzo amico”, un costo agevolato per la partecipazione di società Autostrade al distributore. Poi vanno valutate le accise, che variano su base regionale e persino provinciale: io so solo che ogni mattino ricevo da Eni il prezzo che devo applicare ed eseguo. Prima si aveva un listino unico con i costi consigliati dalla compagnia ogni giorno per tutt’Italia. Mentre dall’anno scorso c’è invece un listino ad impianto, per cui la compagnia può decidere di rimodularli, abbassandoli, osservando la concorrenza di tutte le altre stazioni di servizio nelle autostrade».

Piccinelli prosegue: «Noi non abbiamo né tabacchi, né alimentari e anche se abbiamo aperto un piccolo shop, lì gli introiti sono minimi. Il nostro guadagno è solo sulla parte benzina, da cui ci sono da pagare poi gli stipendi per i venti dipendenti, che lavorano 24 ore. Cosa ne penso delle liberalizzazioni su questo settore? Sicuramente le ipotesi che circolano mi sembrano positive. Non so quanto effettivamente diminuiranno i prezzi alla pompa, certo è che rivendendo anche altri prodotti si potranno avere ulteriori introiti. Non saprei come gestire una pompa di benzina multimarchio. Mi sembra difficile. Ma vedremo cosa prevede davvero il decreto Monti. Ho fiducia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Diego Fogerty scrive:

    I simply want to say I’m very new to blogging and site-building and certainly enjoyed you’re web blog. Probably I’m likely to bookmark your site . You surely have beneficial article content. Cheers for revealing your web-site.

  2. angelo41 scrive:

    La Rizzo, sempre precisa e documentata, ha dimenticato di indicare il prezzo alla pompa in Euro/litro.
    L’inaffidabilità degli esercenti delle stazioni di servizio trova conferma nelle dichiarazioni che fa Pasquale De Vita alla radio ed alla televisione, quando nega l’evidenza e ridacchia alle contestazioni dell’intervistatore.

  3. angelo41 scrive:

    La Rizzo, sempre precisa e documentata, ha dimenticato di indicare il prezzo alla pompa in Euro/litro.
    L’inaffidabilità degli esercenti delle stazioni di servizio trova conferma nelle dichiarazioni che fa Pasquale De Vita alla radio ed alla televisione, quando nega l’evidenza e ridacchia alle contestazioni dell’intervistatore.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana