Google+

Patriarca Kirill: «Signor presidente del Pakistan, a nome della Chiesa ortodossa le chiedo di graziare Asia Bibi»

novembre 5, 2014 Redazione

Il patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill ha chiesto al presidente della Repubblica islamica del Pakistan Mamnoon Hussain di concedere la grazia ad Asia Bibi, madre cattolica condannata a morte per blasfemia

Il patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill ha chiesto al presidente della Repubblica islamica del Pakistan, Mamnoon Hussain, di concedere la grazia ad Asia Bibi, madre cattolica condannata a morte per blasfemia.

BLASFEMIA. Asia Bibi è in carcere da oltre cinque anni per aver bevuto dell’acqua dalla stessa tazza di una musulmana. L’Alta corte di Lahore ha confermato la pena di morte il 16 settembre e gli avvocati hanno già annunciato che faranno ricorso alla Corte suprema. Se anche quest’ultima dovesse confermare la condanna, solo il presidente del Pakistan potrebbe salvarla.

«PERDITA IRREPARABILE». «L’esecuzione di Asia Bibi sarebbe una perdita irreparabile per la sua famiglia, i suoi parenti e amici. Causerebbe anche un danno terribile al dialogo tra cristiani e musulmani e potrebbe provocare tra loro rinnovate tensioni in Pakistan e nel mondo intero», ha affermato il Patriarca in un messaggio. «Sono certo che i leader politici di ogni Stato moderno debbano essere coscienti della loro responsabilità riguardo al destino delle minoranze religiose che gli sono affidate».

«CONCEDA LA GRAZIA». Il patriarca Kirill ha infine concluso: «La nostra congregazione composta di milioni di persone unisce la sua voce al coro di richieste da parte di un enorme numero di persone in tutto il mondo perché la vita di questa donna cristiana venga risparmiata. Per conto di tutto i credenti della Chiesa russa ortodossa io le chiedo, signor Presidente, di mostrare clemenza e concedere la grazia ad Asia Bibi».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. dodi scrive:

    ….e il Papa cosa dice?l’occidente cosa dice?noi accogliamo i profughi pakistani,li vestiamo,li nutriamo,gli diamo un tetto lo sa questo il presidente del pakistan?perchè non facciamo un cambio con Asia e i suoi profughi?già,dimenticavo noi siamo abituati come cristiani a subire…vedi gli sposi arsi vivi ,come si fa a dialogare con questi esseri?e mostruoso.

  2. Saint-Juste scrive:

    Saro’ polemico ma lo dico: ha fatto piu’ Kirill per quella povera donna che il nostro Papa Francesco…E’ora che si svegli il “compagno” Papa(gaucho) e lasci perdere gay e lesbiche o ad intrattenere simpatici rapportini con Scalfari e urli per i cristiani massacrati nel mondo..ciao !

  3. pasquale scarano scrive:

    Assurdo! Una preghiera con la speranza che Dio ascolti ed intervenga

  4. Sebastiano scrive:

    L’ONU? è troppo preoccupata del surriscaldamento globale e della scomparsa di qualche insetto.

  5. Giuseppe scrive:

    Questi sono i popoli che noi dovremmo soccorrere? Mandiamoli tutti a casa loro e prendiamo i nostri confratelli al loro posto.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto della prima vettura Apple senza conducente potrebbe cambiare radicalmente. A Cupertino non verrà sviluppata un’auto vera e propria, bensì un software per la guida autonoma da dedicare ai modelli di più costruttori.

Scorrevolezza e grip non sono due caratteristiche antitetiche. Il segreto sta nel battistrada, che deve combinare in modo perfetto mescole e disegno del tasselli.

La rinnovata SUV Ford verrà declinata in versione sportiva. A un assetto più rigido e sospensioni derivate da Focus ST si accompagneranno finiture interne e un look specifici. L’allestimento ST sarà disponibile per tutti i motori in gamma.

Dalla metà degli Anni ’60 ad oggi ha visto la luce un manipolo di vetture estreme, cattive, brutali e tremendamente performanti. Sogni, o incubi, a quattro ruote, ecco le auto più difficili da guidare al mondo.

Derivata dalla supercar 570S Coupé, non è omologata né per l’utilizzo stradale né per le competizioni. Destinata ai track day, adotta il noto V8 3.8 biturbo portato a 600 cv. L’aerodinamica s'ispira alla race car impegnata nel Campionato FIA GT4.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana