Google+

Parla di «porno-islamismo», viene messo alla gogna. Ma in Francia non erano tutti Charlie?

febbraio 17, 2016 Leone Grotti

Il caso di Kamel Daoud, che in un articolo ha denunciato la misera condizione delle donne nell’islam. Per questo ha ricevuto una fatwa e attacchi dal Monde. «È un’inquisizione»

«Basta, abbandono il giornalismo. In Francia è diventato troppo difficile esprimere le proprie opinioni». Ha lasciato tutti spiazzati l’annuncio di Kamel Daoud (foto in basso), scrittore algerino e fresco vincitore (11 febbraio) in Francia del premio Jean-Luc Lagardère come miglior giornalista dell’anno. Editorialista di Le Point, cura una rubrica per il secondo quotidiano più importante d’Algeria, Quotidien d’Oran, e collabora con New York TimesLe Monde e La Repubblica.

DOPO COLONIA. Perché uno scrittore all’apice della carriera – nel 2014 è arrivato in finale al Prix Goncourt con il romanzo Il caso Meursault – dovrebbe abbandonare il giornalismo? Intervistato ieri dal Corriere della Sera, Daoud si dice sfinito dalle polemiche suscitate da due suoi articoli, apparsi pochi giorni fa su Le Monde e New York Times, nei quali denuncia «la miseria sessuale nel mondo arabo» a partire dai preoccupanti fatti di Colonia.

ISLAM E DONNA. Negli articoli ha denunciato come le donne, «in molti posti del mondo arabo», siano «velate, lapidate e uccise. Come minimo accusate di seminare discordia in una società ideale» a riprova che «il mondo musulmano più in generale ha una relazione malata con le donne». Queste infatti sono «definite da relazioni di proprietà, come mogli di X o figlie di Y» e il modo in cui vengono occultate nasconde una specie di «isteria», di «inquisizione». Attorno al corpo delle donne, insomma, c’è una vera e propria «ossessione». E questo fa sì che, paradossalmente, «il sesso sia ovunque». Daoud arriva a parlare di «porno-islamismo» e di «fatwa grottesche».

«NON BASTA ACCOGLIERE». E per quanto riguarda la promessa di un Paradiso pieno di vergini per chi si fa saltare in aria in nome di Allah, «i kamikaze si arrendono a una logica surreale e terrificante: la via all’orgasmo passa dalla morte, non dall’amore». Ed ora che, come dimostra la notte di San Silvestro a Colonia, «questa relazione patologica che parte del mondo arabo ha con le donne è esplosa sulla scena europea», noi «non possiamo solo offrire asilo ai corpi [dei migranti] ma dobbiamo anche convincere le anime a cambiare. Non basta accogliere, consegnare documenti o una casa per cavarsela». Questo non significa che «i rifugiati siano tutti dei “selvaggi” (…) riducibili a una minoranza delinquente», questa minoranza però «ci pone il problema dei “valori” da condividere, da imporre, da difendere e da far capire. Questo ci pone il problema della responsabilità che dobbiamo assumerci dopo l’accoglienza».

Kamel-Daoud«ISLAMOFOBO». Per questo articolo lo scrittore algerino è stato accusato sul Le Monde da 19 intellettuali di «riciclare i cliché orientalisti più usurati» per fare «banali discorsi razzisti». A Daoud è stato fatto innanzitutto notare, e non a torto, che anche l’Occidente ha i suoi bei problemi con il corpo della donna, sempre più svilito, commercializzato e ridotto a oggetto. Poi però è stato accusato di «sposare l’islamofobia divenuta ormai maggioritaria nel contesto europeo». Dopo questa invettiva, il miglior giornalista dell’anno in Francia ha deciso di ritirarsi dalla professione.

«ISLAMISTI MI LANCIANO FATWA». Prima di andarsene, però, ha sottolineato le preoccupanti similitudini tra Algeria e Francia: «Ho dato molto in questi anni, ho scritto tanto, ho cercato di impegnarmi. Ma le pressioni sono troppo forti: in Algeria gli islamisti mi lanciano la fatwa, e adesso in Occidente c’è chi mi accusa di islamofobia. È un insulto immorale, un’inquisizione. In Francia è diventato troppo difficile esprimere le proprie opinioni».

«IMPOSSIBILE ESPRIMERE UN’OPINIONE». Nella terra che si vanta di essere Charlie, basta fare una minima critica all’islam per essere demonizzati e attaccati. «Ogni volta che scrivo qualcosa scateno reazioni eccessive, ricevo tonnellate di insulti e minacce e per fortuna anche manifestazioni di sostegno. Ma non mi trovo a mio agio, perché non sono un provocatore, sono solo un uomo libero che vuole esprimere la sua opinione. Questo non è più possibile». E a chi lo definisce xenofobo risponde: «La differenza fondamentale tra me e gli estremisti di destra è che loro criticano l’islamismo per rifiutare l’altro, io per accoglierlo. Il loro scopo è l’esclusione, il mio è la condivisione. Io non sono affatto islamofobo, dico che la religione deve essere una scelta, non un’imposizione. Ma la Francia è un Paese con molti tabù, e io adesso ne faccio le spese». Speriamo solo che Daoud ci ripensi e ricominci a scrivere, per non doverci privare di un autore che ha avuto l’acutezza di dare questa definizione dell’Arabia Saudita: «Un Isis che ce l’ha fatta».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

12 Commenti

  1. Susanna. Rolli scrive:

    Scusate, non andava forte le Lepen in Francia? Consiglierei al giornalista di attendere ancora un poco,v,enti nuovi iniziano a soffiare….

  2. Giovanna Jacob scrive:

    Molto bene: i musulmani che criticano i loro correligionari adesso ricevono “fatwe” non soltanto dai fondamentalisti islamici ma anche dagli intellettuali occidentali di sinistra. Quando leggo queste notizie, si rafforza in me il sospetto che lo scontro di civiltà non sia lo scontro fra occidente e islam, ma lo scontro fra l’occidente cristiano e i mostri anticristiani partoriti dall’occidente stesso (comunismo e relativismo). Se infatti non ci fossero marxisti e multiculturalisti a difenderli, i musulmani non potrebbero nulla contro di noi. A partire dall’assedio di Vienna, l’Europa ha sempre schiacciato il serpente islamico senza fatica. Ci volevano i marxisti a salvare e nutrire il serpente e a farlo entrare direttamente nelle viscere dell’Europa. Dopo avere occupato con gramsciana ostinazione tutte le università e tutti i mezzi di comunicazione, i marxisti ci buttano addosso i tagliagole per “punirci” di non avere voluto il comunismo. Dopo il 1989 sono diventati cani rabbiosi affamati di vendetta. Quindi non potremo liberarci dalla morsa mortale del serpente o anche solo addomesticarlo se prima non faremo fuori i cani rabbiosi che lo nutrono dagli scranni delle università e di tutti i mezzi di comunicazione.

    • Menelik scrive:

      Parole molto forti, Giovanna, ma io le condivido.
      E’ vero quello che hai scritto, vero al 100%.

    • Susanna. Rolli scrive:

      Ripeto, ne so poco di politica ma da recenti risultati elettorali sparsi qua e là in Europa pare che la destra o centrodestra vinca e stravinc; cioé la non sinistra

      • samuele scrive:

        Mi consola che Lei consideri la destra come la “non sinistra”; molto meglio che chiamare la sinistra come “non destra”…….

        • Susanna Rolli scrive:

          Allora, vediamo se ci riesco. Ho rimarcato la destra e contro destra con “cioè la non sinistra” come a dire che se vince la destra o il centro io sono tranquilla perchè i valori della sinistra mi fanno ca……dere le braccia; viva la destra !(cioè la non – sinistra). La sinistra di un tempo non esiste più. Punto.

    • Susanna. Rolli scrive:

      Ripeto, ne so poco di politica ma da recenti risultati elettorali sparsi qua e là in Europa pare che la destra o centrodestra vinca e stravinc; cioé la non sinistra

    • Edo scrive:

      Grande, Gio!

    • Giovanna Jacob……..anche quello che hai scritto è verissimo…..ciao….buona giornata….

  3. Ermete scrive:

    L’asse islam-sinistra viene confermato, nulla di nuovo sotto il sole.
    E’ a causa di questi atteggiamenti che tempo qualche lustro e anche da noi comanderà l’imam, con buona pace dei sinistri tanto amanti della laicità dello Stato!

    Citaz.
    “La pacifica integrazione di decine di milioni di musulmani in una futura Europa multiculturale, è un’utopia non diversa da quella della globalizzazione.”
    (Roberto De Mattei, Vice Presidente CNR, il 6/4/2011 su La Repubblica)

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L'abbinata Q+ composta da ruote Qurano 46 e tubolari Corsa Speed ha fatto bella figura: scorrevolezza, efficacia, feeling e comfort si trasformano in piacere di guida. E il tutto orgogliosamente tricolore

Le calzature top della gamma Road e Mtb si apprestano ad affrontare la nuova stagione con una serie di migliorie che ne alzano ulteriormente il livello tecnico e le prestazioni

Al Motor Show di Bologna debutta la smart forfood, che gioca a fare il piccolo ristorante stellato su ruote. Padrino dell'operazione è lo chef Davide Oldani

L’annuncio-shock di Nico Rosberg fa quasi storia a sé: come lui solo Mike Hawthorn, Jackie Stewart e Alain Prost

500 km in otto giorni, fra la vigilia di Natale e Capodanno. È la sfida che, dal 2010, Rapha organizza per invitare ogni ciclista a celebrare il proprio impegno per la causa.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana