Google+

La vera storia di papa Francesco, dall’infanzia in Argentina al soglio di Pietro

maggio 26, 2013 Redazione

Il libro di Stefano Filippi ripercorre la vita di Bergoglio, dall’infanzia a Buenos Aires alla fede religiosa, passando per gli studi in Cile, Germania e Spagna, fino alla rapida ascesa tra i gesuiti

Si intitola La vera storia di papa Francesco (Barbera editore, 9,9 euro, 138 pagine) l’ultimo libro di Stefano Filippi, il giornalista veronese che ha scritto l’appendice di Falce e carrello, il libro di Bernardo Caprotti che racconta i rapporti tra Esselunga e le Coop rosse. Il libro ripercorre la vita di papa Francesco, dall’infanzia a Buenos Aires alla fede religiosa, passando per gli studi in Cile, Germania e Spagna, fino alla rapida ascesa tra i gesuiti argentini. È la storia di un uomo colto e intelligente che ha insegnato letteratura, filosofia e psicologia e ha cercato di capire e interpretare i sentimenti del suo continente.

Francesco ha la responsabilità di guidare la Chiesa cattolica in uno dei periodi più delicati della sua storia. «Sono convinto – ha detto il Papa – che, al momento attuale, la scelta fondamentale che la Chiesa deve operare non sia di diminuire o togliere precetti, di rendere più facile questo o quello, ma di scendere in strada a cercare la gente, di conoscere le persone per nome. E non unicamente perché andare ad annunciare il Vangelo è la sua missione, ma perché se non lo fa si danneggia da sola. È ovvio che se uno esce in strada gli può succedere di avere un incidente, ma preferisco mille volte una Chiesa incidentata a una Chiesa malata».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Pistaiolo” o crossover ecco le due nuove interpretazioni del mondo tre ruote secondo Yamaha

115 kg più leggera della sorella maggiore 650S, la nuova “piccola” McLaren adotta il medesimo V8 3.8 biturbo, depotenziato da 650 a 570 cv. Scatta da 0 a 100 km/h in 3,2 secondi. Confermato il telaio monoscocca in carbonio.

Interpretazione estrema della roadster tedesca, s’ispira alle spider degli Anni ’50 e ’60. La capote in tela è ad azionamento manuale, il peso contenuto in 1.315 kg e il 6 cilindri boxer 3.8, di derivazione Cayman GT4, eroga 375 cv.

L'azienda francese lancia la replica del casco del pilota MotoGP Scott Redding in due versioni: Race-R PRO Carbon e Speed-R Carbon Serie 2

Sulla sua pagina web si definisce "vetetiste de l'extreme"... Per dare concretezza al soprannome, Eric Barone ha stabilito l'ennesimo record sulla neve di Vars, in Francia, superando il suo precendente limite di 222 km/h

Speciale Nuovo San Gerardo