Google+

Ancora violenze in Nigeria. Jihadisti Boko Haram uccidono venti persone per strada

ottobre 22, 2015 Redazione

È frequente che i fondamentalisti uccidano i viaggiatori che incontrano sulla strada e diano fuoco ai villaggi nel corso delle loro scorrerie

Articolo tratto dall’Osservatore romano – Ancora violenza e terrore in Nigeria. Miliziani di Boko Haram, in fuga da una vasta offensiva delle truppe nigeriane, hanno ucciso oggi venti persone su una strada poco fuori il villaggio Jingalta, a settanta chilometri da Maidiguri, capitale dello Stato nord-orientale di Borno. Gli islamisti di Boko Haram, che stavano fuggendo dopo che le truppe di Abuja avevano preso d’assalto il loro campo nella provincia di Nganzai, hanno aperto il fuoco contro quattro veicoli dove si trovavano le vittime.

I membri di Boko Haram hanno in seguito bruciato tutto il villaggio di Jingalta dove la popolazione era già fuggita dopo aver avvertito i primi spari. Jibir Hassan, un camionista arrivato sul luogo del massacro dopo la fuga degli uomini di Boko Haram, ha dichiarato — come riferisce l’agenzia Afp — di aver visto i corpi di almeno venti persone uccise e il villaggio di Jingalta completamente bruciato.

È purtroppo frequente — sottolineano gli analisti — che i fondamentalisti di Boko Haram uccidono i viaggiatori che incontrano sulla strada e diano fuoco ai villaggi nel corso delle scorrerie di fronte alle offensive militari contro le loro roccaforti. Lunedì scorso i terroristi hanno ucciso cinque persone nei pressi del villaggio di Mile, a circa quaranta chilometri da Jingalta. Giovedì e venerdì della scorsa settimana diversi attentati suicidi compiuti da militanti islamisti hanno provocato decine di vittime a Maiduguri.

E intanto ieri, i gruppi di autodifesa nigeriani, costituiti dai civili nei villaggi nel nord-est del Paese, hanno reso noto di aver ucciso, combattendo al fianco dell’esercito, circa 150 miliziani di Boko Haram e di aver liberato 36 tra donne e bambini che erano stati catturati dai jihadisti. L’assalto è stato condotto ieri sera nelle aree di Madagali e Gwoza, dove gli estremisti stavano preparando un attacco su larga scala.

L’insurrezione di Boko Haram ha causato almeno 17.000 morti dal 2009. Il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, ha fatto della lotta ai terroristi la priorità del suo mandato iniziato lo scorso maggio. Buhari, che si è dato quale termine il dicembre 2015 per arrivare allo sradicamento del terrorismo dal Paese, ha dichiarato lo scorso 14 ottobre si stanno facendo progressi.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

12 Commenti

  1. Leo scrive:

    Il maggio scorso in un suo discorso il Colonnello-Generale Igor Sergun, capo del Primo Direttorato dell’Intelligence (GRU) dello Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Russia, in una delle pochissime occasioni in cui il Generale Sergun ha accettato di parlare in pubblico, ha scelto di concentrarsi sui rischi del cosiddetto estremismo “islamico”, e in una relativamente breve presentazione ha indicato per quattro volte che tali terroristi “islamici” sono fondamentalmente una creatura dell’occidente. Si potrebbe essere tentati di dire “niente di nuovo, lo sappiamo tutti”, ma si mancherebbe il punto, e cioè che il capo dell’intelligence militare russa dichiara apertamente che il cosiddetto “terrorismo islamico” non è un fenomeno originale o indigeno, ma uno strumento dell’imperialismo occidentale utilizzato per sovvertire i Paesi che osano opporsi all’egemonia mondiale dell’impero anglo-sionista.

    • underwater scrive:

      I terroristi islamici amano così tanto gli occidentali, gli ebrei ed i cristiani in genere che quando li trovano gli fanno mille carezze. Al tritolo.

      • Ambra scrive:

        Mentre flirtano con gli estremisti, certi Paesi occidentali sembrano essere sicuri che la cosiddetta politica del caos controllato in regioni lontane, non avrà conseguenze tragiche, almeno nel medio termine, ma credo che tale parere non convinca. Non è un segreto che su istigazione di ‘partner occidentali’, dagli anni ’80 l’estremismo islamico abbia rapidamente guadagnato slancio.

  2. Raider scrive:

    Il nazi-troll islamico ritorna al nickname d’origine e alle vecchie ossessioni filo-naziste, ripetendole a pappagallo per voce di un generale o qualche altro pezzo grosso del terzomondismo a un tanto al chilo – di propaganda e idiozia.
    Allora: chi è il nemico contro cui combattono Boko Haram – che, ricordiamolo, significa “L’educazione occidentale è peccato”: vorrà pur dire qualcosa e effettivamente, dice esattamente ciò che pensano e dicono i deliranti sostenitori dell’Islam di ogni osservanza e della guerra! all’Occidente -, Isis e jihadisti assortiti? L’Occidente.
    Chi ha combattuto l'”egemonia anglo-sionista”? Il nazismo e gli islamici, quando lo Stato di Israele era di là da venire:
    e i nazi-islamici – che ogni 25 aprile sfilano per le strade d’Europa festeggiando la sconftta del nazi-islamo-fascismo: falsi, come sono sempre gli islamici – chi li ha sconfitti? Gli Occidentali, certo: e anche i sovietici, che la loro parte la fecero contro il nazi-islamo-fascismo.
    Il nazismo è stato sconfitto: gli islamo-nazi-fascisti, compresi quelli di osservanza sciita-iraiana, non se ne danno pace: e ne continuano l’opera: utilizzando gli stessi metodi di falsificazione complottarda e paranoica e a parte il ricatto petrolifero e quello finanziario – a breve, anche quello nucleare: e grazie alla Russia che lotta contro l’Occidente a fianco dell’Islam – puntando sull’immigrazione per dhimmizzare l’Occidente.
    NO ALL”ISLAM!

    • Leo scrive:

      “Succede abbastanza spesso che le azioni di Washington e dell’occidente in generale in varie regioni del mondo, contribuiscano a creare gravi problemi, tra cui traffico di droga, estremismo religioso e terrorismo, dopo che Washington mobilita “eroicamente” la comunità internazionale per neutralizzare tali problemi. (Generale Igor Sergun)

      • Raider scrive:

        Toni e discorsi da guerra fredda esaltano il nazi-troll islamico propalatore di guerra! guerra! guerra! all’Occidente e così, dell'”Islam, religione di pace”, con tutto quello che regimi comunisti, islamici, populisti – vedi i governi andini alla Evo Morales – hanno fatto e fanno quanto al traffico di droga. La droga ideologica è dannosa quanto le altre: e gli effetti che produce sul nazi-troll islamico lo dimostrano.

  3. Raider scrive:

    Per la serie nickname per A-llah, il nazi-troll multinick ne spara un’altra raffica, la Libia, giusto per la precisione, venne attaccata per volere di Uk e di quel bulletto di Sarkò: quello della “politique arabe” come versione pro-dhimmitudine della perduta “grandeur de France”, della “exeception française” e del métissage, il meticciato a cui i Francesi devono rassegnarsi, altrimenti, li ha minacciati – che leader autorevole, eh? – il governo francese ricorrerà “alle maniere forti.”
    Detto questo,
    – i jihadisti operano al di là delle contiguità terrritoriali, contano quelle ideologiche, politiche e le converngenze di interesse con chicchessia, che giurino su al-Baghdadi o chi per lui:
    – sulla destabilizzazione dell’Africa Centrale – Ciad e Repubblica Centrafricana – e non solo di essa, be’, Gheddafi ci aveva messo del suo, non facciamolo diventare una mammoletta, ora, Colunnello era e lo faceva a casa e in trasferta:
    – Goodluck Jonathan era aspramente attaccato e criticato per non fare abbastanza per arginare Boko Haram” proprio dai complottisti e dietrologici paranoici nazi-filo-islamici, che ora dimenticano quante gliene dissero accusandolo di essere un fantoccio degli Occidentali, manco a dirlo, da cui ricevette aiuti e anche offerte di interventi di truppe, rifiutati proprio come volevano i nazi-filo-islamici che gli rinfacciano l’inazione così da addebitarla non c’è bisogno di dire a chi:
    – come non c’è bisogno di dire che l’Africa è importante come fonte di materie prime non per i soli Occidentali: che estraggono senza guerre e pagandolo come gli altri il petrolio nigeriano:
    – dunque, non dimentichiamo la cosa più importante, macchine da guera ne girano tante, ma le guerre in corso vedono combattere sempre e comunque jihadisti e cioè, gente che, esattamente come i nazi-filo-islamici, combatte e ammazza in nome dell'”Islam, religione di pace.”

  4. Leo scrive:

    Nel maggio 2014 African Renaissance News pubblicò un dettagliato reportage su Boko Haram e la possibilità che questa organizzazione fosse un’altra operazione segreta della CIA per assicurarsi il controllo della Nigeria.
    La più grande vittoria dell’AFRICOM per imporre una Pax Americana in Africa sarebbe raggiungerla nel Paese africano più strategico, la Nigeria. È in questo quadro che entra in prospettiva la questione di Boko Haram, che causa furore, e la previsione dell’Intelligence Council degli Stati Uniti della disintegrazione della Nigeria nel 2015, della quale si è parlato molto – (Atheling P. Reginald Mavengira, Humanitarian Intervention in Nigeria: Is the Boko Haram Insurgency Another CIA Covert Operation? Wikileaks, African Renaissance News, 8 de mayo de 2014).

  5. Raider scrive:

    Boko Haram è attivo in Nigeria da ben prima che questo o quel gruppuscolo scoprisse qualunque sciocchezza, l’Occidente – e solo esso: perché? Gli altri, Brics o non Brics,sono superiori a certe bassezza come il contollo delle risorse strategiche? Sono autosufficienti, Russi, Cinesi, Indiani? – non ha bisogno di controllare Paesi con cui commercia e è in affari: e certo, senza dove mettere su gruppi jihadisti – è questo il punto: e ci arriviamo -:, quando basterebbero, se lo scopo fosse il contollo di ciò che è sotto controllo e cioè, regolato da transazioni basate sulle leggi di mercato, metodi meno “clamorosi” e cruenti:
    E intanto, il paranoico nazi-troll filo-islamico con le sue proiezioni digitali di contorno trova modo di scantonare dal merito e cambia discorso e carte in tavola ignorando quanto sosteneva – copincollando e mistificando alla grande anche allora, certo – nel corso delle precedenti sedute del suo psico-dramma:
    Goodluck Jonathan era aspramente attaccato e criticato per non fare abbastanza per arginare Boko Haram” proprio dai complottisti e dietrologi paranoici nazi-filo-islamici, che ora dimenticano quante gliene dissero accusandolo di essere un fantoccio degli Occidentali, manco a dirlo, da cui ricevette aiuti e anche offerte di interventi di truppe, rifiutati proprio come volevano i nazi-filo-islamici che gli rinfacciano, ora, l’inazione, così da addebitarla non c’è bisogno di dire a chi.
    E soprattutto, com’è che in guerre, guerriglie e guerricciole in tutte le parti del mondo sono sempre i musulmani al centro dell’azione bellica?
    Com’è che, sia dove sono maggioranza – Nigeria, Niger, Egitto, Maghreb, Somalia, Indonesia, Caucaso – sia dove sono minoranza – Filippine, Thailandia, Cina – sono sempre gli islamici a guerreggiare e mai gli altri, meno di tutti i cristiani?
    E comè che gli islamo-nazisti rovesciano accuse, sospetti, insulti di ogni genere su Aiuto alla Chiesa Che Soffre, che documenta il martirio – vero! Non quello, fasullo, millantato e assassino degli shaid, dei kamikaze musulmani che si fanno saltare in aria per “eliminare” donne, vecchi e bambini: ma donne, vecchi e bambini macellati perché cristiani! – dei cristiani a opera, nella stragrande maggioranza dei casi, di islamici: e poi, prendono per oro colato tutto ciò che trasuda odio per l’Occidente?
    Semplice: perché sono fanatici esattamente come quegli islamici che usano i loro stessi metodi e argomenti – delirantemente complottistici e falsi.

  6. Raider scrive:

    Potreste sbloccare il post che ho inviato ieri? Grazie.

  7. Ambra scrive:

    @Leo

    Giulietto Chiesa si pone giustamente una domanda : chi paga i vari gruppi di tagliagole ? Facendo i conti non può che essere l’Arabia Saudita, grande alleato di USraele, i cui servizi segreti sono delle filiali della CIA.

  8. Raider scrive:

    Giulietto Chiesa: il nazi-troll multinick torna a uno dei suoi tormentoni preferiti. E che domandone! Visto che i filo-nazi-islamici i conti se li fanno e se li contano da soli, i jihadisti hanno modo di trovare quello che gli occorre perché la materia prima ce l’hanno già: il fanatismo islamico, siccome nessun gruppo armato cristiarno minaccia pace e stabilità in nessuna parte del mondo.

    N.B. Sbloccate i miei post, grazie.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana