Google+

Nell’esercito Usa è in atto una nuova guerra. Contro Dio

giugno 23, 2012 Benedetta Frigerio

Da un anno e mezzo aumentano le denunce dei cappellani, dei soldati cristiani e delle loro famiglie contro gli episodi di discriminazione. Anche durante i funerali è meglio non menzionare Dio.

Ci sono voluti quattro mesi prima che il giudice Lynn Hughes risolvesse la controversia tra l’ufficio veterani dell’esercito degli Stati Uniti e un soldato a cui era stato impedito di pronunciare il nome di Dio nelle sue preghiere. A rivelarlo è la piattaforma internazionale Lifesitenews.com che riporta altri esempi di intolleranza religiosa.

Non era mai successo, ad esempio, che a un cappellano dell’esercito fosse negato di indire una giornata di preghiera e digiuno. E nemmeno che gli fosse proibito di non citare certi passaggi della Bibbia. Né che fosse negata a un soldato la celebrazione di una funzione religiosa in suo ricordo. O di essere minacciati per le proprie posizioni in tema di morale.

Invece è accaduto a Douglas Carlver, cappellano generale dell’esercito degli Stati Uniti, che ha invitato a pregare e digiunare «per la salvaguardia delle nostre radici religiose». La Fondazione religiosa militare americana ha chiesto il suo licenziamento perché il richiamo poteva «sembrare offensivo agli ebrei». A Lisa Ward, invece, è stato proibito di celebrare il funerale del marito morto nell’esercito: «Quando ho presentato la mia richiesta a un ufficiale mi ha detto che ora era proibito farlo. Perché nel funerale si menziona la parola Dio», ha dichiarato la donna. Un altro ufficiale ha costretto invece un veterano a consegnargli la preghiera che aveva deciso di recitare perché fosse visionata prima di essere ascoltata dal pubblico. Mentre un cappellano che, dopo l’abolizione da parte di Obama della legge “don’t ask, don’t tell” che impediva agli omosessuali di esternare in pubblico le loro tendenze, aveva chiesto di mantenere la cappella uno spazio sacro, si è sentito rispondere che «nonostante il tuo desiderio la cappella diventerà un luogo neutrale in cui sarà ammessa qualsiasi unione». Un altro cappellano, invece, per aver semplicemente domandato al generale dei comandati, Mike Mulle, «se potevano continuare a parlare dell’omosessualità come di un atto disordinato, e quindi di un peccato, come dice la Bibbia», si è sentito rispondere: «Cappellano, se non ti allinei farai meglio a dare le dimissioni!».

Per questo, durante un convegno di tutti i cappellani militari degli Stati Uniti, è stato sottolineato il rischio seguito all’abolizione della norma “don’t ask don’t tell” in nome della non discriminazione: «Di fatto per noi è diventato spesso difficile, se non punibile, leggere certi passaggi della Bibbia, come il Levitico, o del Vangelo, pregare forte il nome di Dio a un funerale, o celebrare pubblicamente il nostro culto». Lo studio legale di Shackelford, fra i maggiori per la difesa della libertà religiosa in America, ha contato «troppi casi da seguire tutti insieme: su un arco di dieci anni, negli ultimi diciotto mesi abbiamo assistito a un’escalation enorme di denunce».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Mappo scrive:

    Se anche lo US Army affonda nella correttezza politica siamo proprio fritti.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana