Google+

Moschea a Milano: è un’enigma anche per la giunta. Una? Due? O una “provvisoria”?

aprile 2, 2014 Redazione

Majorino, assessore alle politiche Sociali della giunta Pisapia: «Escludo che si riesca a costruire una moschea entro expo 2015». E propone una moschea “a tempo determinato”

La moschea a Milano si farà? Dopo le indiscrezioni degli ultimi giorni, esponenti della giunta del Comune parlano di una nuova possibile strada. Sarebbe allo studio della giunta l’ipotesi di una “moschea provvisoria” per l’Expo 2015. Questa opzione si aggiunge alle altre due, già vagliate dalla giunta guidata da Giuliano Pisapia, che prevedono la costruzione di una grande moschea al Palasharp, voluta dal Caim, l’associazione islamica vicina ai Fratelli musulmani, e un’altra in zona Viale Certosa, finanziata e gestita dai governi di Marocco e Giordania.

LA MOSCHEA PROVVISORIA. Il dibattito sulla costruzione della moschea milanese, dopo tre anni di trattative con le associazioni islamiche, non è ancora approdato a un risultato. L’assessore alle Politiche Sociali, Pierfrancesco Majorino, in una dichiarazione di ieri ha escluso infatti «che si riesca a costruire una moschea entro il 2015». L’obiettivo del Comune era quello di dotare la città di uno spazio di culto per gli islamici in vista dell’Expo. «Per quella data – ha aggiunto Majorino – bisognerà comunque trovare un luogo di culto dignitoso». L’assessore alle politiche Sociali è impegnato, insieme al vicesindaco Ada De Cesaris, nelle trattative con le associazioni musulmane di Milano, divise sul progetto del Caim e sulla necessità di avere una o più moschee. Vista la difficoltà di trovare una risposta al problema la giunta ha ventilato l’ipotesi di una moschea “a tempo determinato”, «una soluzione provvisoria, solo per la durata di Expo», ha specificato Majorino.

GLI ALTRI PROGETTI. Le altre due soluzioni non sono state accantonate ma il loro studio richie più tempo di quello necessario per la costruzione di una moschea in vista di Expo 2015. Come già riportato da tempi.it, la giunta non ha ancora affrontato il nodo di una delibera in favore del progetto del Caim e della demolizione del Palasharp. «Siamo ancora al passaggio precedente – ha spiegato Majorino -: mi hanno illustrato il progetto, lo stiamo valutando». Quanto al Palasharp, ha proseguito, il Caim dovrà «accollarsi i soldi dell’abbattimento della vecchia struttura. Noi non la butteremo giù a spese nostre». Se è tutt’altro che scontato il via libera del Comune al progetto dell’associazione vicina ai Fratelli mussulmani, prosegue più agevolmente la collaborazione fra giunta e membri dei consolati di Giordania e Marocco per la costruzione di una moschea in zona Viale Certosa. La moschea sarebbe gestita e finanziata dai due regni, ritenuti da Palazzo Marino e da altre comunità islamiche non affiliate al Caim, più affidabili dell’associazione vicina ai Fratelli musulmani.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana