Google+

Monza, scuola cattolica annulla la Messa di Natale. Il prete: «Atto di culto troppo forte»

dicembre 3, 2015 Redazione

Il parroco motiva al Corriere la scelta come forma di attenzione «non solo per chi professa una fede diversa, ma anche per chi non è solito frequentare la chiesa»

natale-gesu-bandito-tempi-copertinaSi chiama “Ente cattolico di formazione professionale”, nella sua sede di Monza sfoggia crocifissi in tutte le aule e «una vistosa statua della Madonna in fondo al corridoio di ingresso», come osserva il Corriere della Sera, ma non offre agli alunni la possibilità di partecipare a una Messa di Natale: il rito infatti non verrà celebrato. La decisione, concordata con il coordinatore delle scuole parrocchiali don Marco Oneta, è stata presa «per non discriminare gli studenti di altre fedi», per dirla con le parole del preside Adriano Corioni che l’ha comunicata ai docenti mercoledì.

DA DUE ANNI. La notizia di per sé non è nuova. Infatti l’istituto – per altro recentemente già strapazzato dai giornali per la vicenda di uno studente “discriminato perché gay”, diffusa a fine settembre da organi di stampa locali, subito cavalcata da qualche politico frettoloso e poi rivelatasi una montatura – aveva raggiunto la medesima risoluzione anche nel 2014. Sono due anni dunque che l’Ecfop annulla la tradizionale Messa di Natale, e solo a Monza, visto che nelle succursali di Desio, Carate Brianza, Vimercate e Milano la Messa si celebra ancora.

SACRAMENTO EXTRASTRONG. La sorpresa quest’anno sta nelle motivazioni della scelta offerte al Corriere della Sera da don Oneta. Per spiegare in che senso il gesto possa risultare “discriminatorio” per gli studenti non cattolici, e anche per rispondere alle critiche degli insegnanti dell’istituto che vedono nella rinuncia alla Messa «un passo indietro rispetto all’identità cattolica della scuola», il sacerdote dice:

«Non si tratta di una rinuncia alla nostra identità, in vista del Santo Natale ci troveremo coi ragazzi per un incontro di preghiera cristiana, accompagnato da un momento di riflessione collettiva; è pur sempre una atto liturgico. La Messa, e il sacramento dell’eucaristia, per alcuni può essere un atto di culto troppo forte, non solo per chi professa una fede diversa, ma anche per chi non è solito frequentare la chiesa».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

70 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Sto male…
    Poi, io avrei scritto S. Messa, Sacramento dell’Eucarestia, con le maiuscole.
    Che dire…..

    • gipo scrive:

      Parto da questo post per rispondere all’egregio Bellelli (così lo leggerà subito) con una semplice domandina: “ma lei fa parte di quei cattolici adulti che erano più avanti di tutti i Papi che lo Spirito Santo ha voluto al soglio di Pietro dal Concilio in poi?

      Talmente più avanti che alla fine non hanno più avuto bisogno della Sua Chiesa .

      Purtroppo per lei, della genia di miscredenti che alberga (purtroppo anche tonacata – i preti che vivono i valori dimenticando il Valore) i lidi cattolici (quelli, in particolare della scelta religiosa), ben aveva anticipato le gesta il grande Eliot “Un cittadino europeo può non credere che il cristianesimo sia vero e tuttavia quello che dice e fa scaturisce dalla cultura cristiana di cui è erede. Senza il cristianesimo non ci sarebbe stato neppure un Voltaire o un Nietzsche. Se il cristianesimo se ne va, se ne va anche la nostra cultura, se ne va il nostro stesso volto.”
      Buon Natale

      PS: nella laicissima e statale scuola superiore frequentata dal mio figliuolo (preciso: non in una chiesa vicina ma in aula magna) ci sarà la Messa di Natale chiesta dagli studenti e dal corpo docenti!

      • SUSANNA ROLLI scrive:

        Dai!!, che bello! Uniti ai piedi della croce, possiamo risollevarci.Buona Santa Messa!

  2. Carla scrive:

    per le stupidaggini fatte e dette da questo parroco non esiste la sospensione a divinis? che bene può fare alla Chiesa e a se stesso un parroco che ormai la pensa come il mondo?

  3. To_Ni scrive:

    E’ difficile riuscire ad immaginare il verificarsi di roba simile. Spero che il “don”preso da tanta tolleranza non collochi i crocefissi e le statue della Madonna in una stanza, aperta ai solo i cattolici, per evitare che i ragazzi,nell’incrociare i simboli nelle aule e nei corridoi,svengano per il turbamento. Spero pure, a questo punto, che tale “genio” della fede non insonorizzi la chiesa per evitare che l liturgia trafigga qualche passante laicista o d’altra religione che passeggi l’esterno.

    • To_Ni scrive:

      all’*esterno.

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Trovare il modo, far sì che anche la natura -madre natura- non ne venga a contatto, sì che possa essere preservata dall’influenza del non cruento Sacrificio di Cristo, morto e Risorto per noi (sobh!).
      PS: la recentissima storia del preside laico anti-presepe paragonata a questa è uno zuccherino!
      Andèn pù ben acsè!!

  4. Xyzwk scrive:

    Ma che notizia è? Si tratta di una scuola non di una Chiesa. La Messa mi risulta si celebri in Chiesa e solo per i credenti!

  5. malta scrive:

    “un incontro di preghiera Cristiana”, chiamano così anche I superpipponi terzomondisti,e facezie del genere con una ritualità tutta stravagante secondo le inclinazioni del celebrante. Tengono in ostaggio I genitori e gli studenti con discorsi funesti sul sincretismo e l’accoglienza irrazionale. Di preghiera neanche l’ombra. Iniziassero a fare il loro lavoro: la messa!

  6. Pollonio scrive:

    La scuola non è certo un chiesa! Il Concordato sancisce la separazione tra Stato e Chiesa.

    Oggi i cattolici praticanti sono appena il 30% e ancora meno quelli che credono nei dogmi.

    A che titolo uan scuola pubblica (qella cattolica è ovvio che faccia le celebrazioni) deve imporre
    i riti della religione cattolica a tutti?

    La scuola veicola i messaggi piu importanti attraverso la storia e la cultura, mentre per fare festa va benissimo la Festa D’Inverno, che richiama le nostre piu antiche origini.
    Il Natale del resto è una festa importata.

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Giovanna!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Fabio scrive:

      E perché bisogna imporla ai cattolici e ai musulmani nella scuola pubblica statale assieme a tutte le minchiate della mentalità marxista e laicista ?

      • Fabio scrive:

        Rispondevo a Pollonio sulla festa del solstizio invernale…

        • SUSANNA ROLLI scrive:

          @ Fabio
          AAAAaaaaaaaahhhhhhhhh!!!!!!, mi pareva!!, ero in apnea…..

          • Pollonio scrive:

            Perchè la festa del solstizio invernale celebra un evento astronomico valido per tutti, e richiama le nostre tradizioni italiche piu antiche e quindi piu autentiche.

            La laicità non è una verita o una falsità ma un tipo di comportamento teso a non privilegiare nessuno.

            Perchè siete cosi acidi? Cosa vi ho fatto?

            • To_Ni scrive:

              Pollonio,

              non hai fatto nulla, solo che a partire dal Concordato fino alla festa importata, hai dimostrato una conoscenza superficiale comune a tutti gli troll che circolano di mestiere qui.
              Superficialità ben evidente nel tuo richiamo alle ” tradizioni italiche piu antiche e quindi piu autentiche” insensibile all’eventualità che se un mongolo e un abitante delle isole Figi si trovassero in Italia la loro sensibilità ne potrebbe risentire in maniera traumatica..

            • Pente scrive:

              La festa del solstizio è una trovata degli atei nella loro sete isterica di cancellazione del cristianesimo (illusi…). Che importanza ha che migliaia di anni fa i latini la celebrassero? Chi se ne frega! È una festa sepolta dai secoli e dalla storia, e non c’è neanche un motivo logico per tirarla fuori adesso che il paganesimo non esiste più, tranne la sete isterica di cui sopra. Il Natale è una festa tradizionale, non antica, sono due cose diverse: è antico ciò che ormai appartiene al passato (come la festa d’inverno), è tradizionale ciò che dal passato continua a vivere nel presente. Infatti in Italia le scuole chiudono a Natale e le strade vengono addobbate, con i soldi pubblici. Gli addobbi natalizi si trovano in quasi tutti i negozi e le case private, e le persone si scambiano regali, anche se non sono cattolici. Nella mia comitiva da ragazza c’era una ragazza ebrea, e partecipava come gli altri allo scambio dei regali natalizi: mica lei sola restava senza, a guardarci!

    • Pente scrive:

      Perché non leggi l’articolo, prima di argomentare in maniera incongrua?

  7. Claudio scrive:

    E il gallo cantò tre volte…

  8. Menelik scrive:

    A quel don Abbondio farei leggere i commenti lusinghieri degli anticristiani che frequentano questo sito.
    Glieli sbatterei sul muso.
    Giusto per fargli capire quanto il suo gesto porti acqua al mulino degli atei cristianofobi e sia contro i Cristiani.
    In ultimi gli direi:
    Senti, don Abbondio, sturrati le orecchie. Vuoi bene alla Chiesa Cattolica? Senti la causa del Cristianesimo come la tua causa? La condividi? Se la tua risposta è si, ascolta il consiglio fraterno: GETTA LA TONACA ALLE ORTICHE, TORNA ALLO STATO LAICALE !
    Non c’è nessun bisogno per la Chiesa Cattolica di un fifone come te !
    Credo davvero che le risposte date dai troll qui siano la miglior credenziale per….come cavolo si chiama?….(purtroppo)don Marco Oneta.

    (L’antivigilia di Natale di solito la scuola finisce prima dell’usuale e non ci sono le lezioni pomeridiane. Allora perché non fai la Messa natalizia le ultime ore del mattino, e chi non la vuole se ne va via prima, alle 11, per esempio? E dopo la Messa, in pizzeria con i professori per un momento conviviale?
    Ci vuole tanto ad arrivarci?)

  9. leo aletti scrive:

    C’è sempre il solito cretino.

  10. Damiano scrive:

    Signore e Signori è inutile girarci intorno. Questa è la Chiesa Cattolica oggi. È la chiesa del non disturbare i laici, è la Chiesa dell’Abate di Montecassino, del Teologo con il suo compagno, di chi sono io per giudicare è la chiesa che Papa Francesco ed Eugenio Scalfari. È la chiesa dell’unica udienza privata negli usa è con la coppia Gay. Questo è ció che succede ad allontanarsi dalla tradizione. Non è un caso che gli ultimi custodi della Cristiantá gli Ortodossi non soffrano di questa crisi relativista. In conclusione una Chiesa che emargina chi difende la tradizione (San pio x per es.)e che invece elogia la buona coscienza dei non credenti (Scalfari) è destinata a morire Bisogna pregare.

    • underwater scrive:

      Quelli ortodossi sono popoli che hanno subito il comunismo nella forma più totalitaria ed oppressiva. I nostri giovani di allora o se ne sono innamorati, o lo hanno subito come forma di terrorismo. La Chiesa di oggi ha tanti problemi, ma non vengono dalla dottrina e neppure dal Papa, che parlano chiaro, ma da cosa enfatizzano i media. Un esempio: mercoledì il Papa ha parlato della denatalita europea, facendo confronti con l Africa. I nostri media, Avvenire compreso, hanno ridotto tutti al solito ricchi-poveri. Purtroppo la gente non ha più capacità critiche, dopo decenni di scuola statale, e subisce una immagine di Chiesa precostituita e falsante. Molti vescovi contribuiscono, fortunatamemte non tutti.

  11. Fedro scrive:

    Essendo un “ente cattolico”, e quindi privato, non ci vedo niente di male se organizza una messa, ovviamente sempre che si dia la facoltà di non parteciparvi almeno a chi non è cattolico.

  12. sheppard scrive:

    Se è una scuola cattolica non capisco perché non fare la messa di Natale, chi non vuole mica sarà obbligato ad andarci.
    Comunque per la storia del ragazzino omosessuale, sempre nella stessa scuola, ho letto che si andrà a processo.

    • Ennio scrive:

      Perché avendo l’accreditamento in quella scuola ci si va a studiare e non a pregare. E perché in fatto e in diritto anche una scuola che si fregi dell’aggettivo “cattolica” non può assolutamente discriminare su base religiosa Non siamo in Pakistan, abbiamo altre regole. Valgono anche per le due note teste di caz.o che vengono qui a offendere e a minacciare,credendo che la pagina di “tempi” sia il loro porto franco.

      • To_Ni scrive:

        Ho un commento moderato, quindi lo ripropongo attenuando in modo civile i toni:

        Caro Ennio,
        Minacciare no, mai, dire che sei un deficiente si! Ne dai prova con il chiamare in causa il Pakistan che invece manifesta il tuo estremismo (basta cambiare Islam con laicismo). Che chiama “discriminazione” l’essere cattolico addirittura in una scuola cattolico quando in quella pubblica ci entrano cani e porci per dire quello che vogliono.

        Prima di parlare di “insulti” lamentati dei tuoi degni compari (Shiva, Heveticus, Antonio, Sganarello, e laidi simili) o quelli il porto franco lo devono avere di diritto.

        • Ennio scrive:

          Vai a dare del “deficiente” a tuo padre, vigliacchetto da quattro soldi.

          • To_Ni scrive:

            Lo do a te perché hai meritato con titoli sul campo (Leggiti) . Non sono le mie parole a caso ti devi una medaglia

            • To_Ni scrive:

              In ogni caso non darei mai dell’inbecille a tuo padre, mio caro mister Pakistan, ma solo dello “sfortunato”

  13. LG scrive:

    …vien da dire come l’amico trollateo…

    …questo qui sì che è il binario morto :-(

    che tristezza

  14. EquesFidus scrive:

    Tradimento: non ci sono altre parole. Che un ministro consacrato tutto all’unico, vero Dio dica certe cose è una cosa che genera solo disgusto e terrore.

    • Polidoro scrive:

      Perchè siete cosi astiosi? Questo è l’anno della Misericordia non dell’odio, vi invito a ritrovare la pace nel vostro cuore.

      xENNIO

      Sai che in Inghilterra lo Stato consente l’esistenza delle “faith school” scuole religiose che discriminano deliberatamente favorendo i cristiani o i musulmani a seconda dell’appartenenza.

      Questo non deve accadere in Italia.

      Stranamente altre religioni come il buddhismo (che è una religione nel senso ampio del termine) non sentono il bisogno di aprire scuole.

      Qualcuno sospetta che per cristiani e islamici le scuole siano fondamentali per fare proselitismo, infatti il concordato fascista tra i punti fondamentali chiesti dalla Chiesa vi era proprio la garanzia dell’obbligatorietà dell’insegnamento religioso in tutte le scuole.

      Ma sono solo malelingue in odio a Cristo Signore.

      Gesù Cristo non vorrebbe mai imporsi con la forza, dobbiamo lavorare per una società laica dove ognuno possa coltivare liberamente la propria spiritualità, non dobbiamo avere paura dell’altro.

      Lasciamo che la scuola sia scuola e non una parrocchia.
      Lasciamo che sia Cristo a chiamarci.

      Se non favoriamo una società laica in cosa saremmo diversi da chi impone la religione con la forza?
      Se non favoriamo il dilaogo sincero con l’altro finiremo su un binario morto.

      • SUSANNA ROLLI scrive:

        “Gesù Cristo no nvorrebbe mai imporsi per forza”.
        Infatti, esistono tanti tipi di scuole proprio per questo, nessuno è obbligato a frequentarle.

        • Ennio scrive:

          Quello che non hai ancora capito è che in italia non puoi aprire nemmeno una polisportiva o una bocciofila,per far entrare “solo cattolici”. E non l hai capito perché sei una cialtrona ignorante che non conosce nemmeno le regole del paese in cui vive e per cui (presumibilmente ) paga le tasse. Continua a offendere e a diffamare, te la cavi meglio.non appena azzardi un tentativo di ragionamento i risultati sono miserandi, come si vede.

          • EquesFidus scrive:

            Non nutrite questo troll, che oltre che volgare è pure ignorante come una capra. Invito la Redazione a verificare IP e DNS di questo individuo.

          • SUSANNA ROLLI scrive:

            Infatti, superintelligentone Ennio, nelle scuole cattoliche ci sono ragazzi di TUTTE le religioni, per esempio nelle scuole fondate da Don Bosco ci sono tanti ragazzi musulmani ; e per rispetto di questi ragazzi daresti un calcio nel didietro a chi dico io?
            Tu sì, certamente!, senz’ombra di dubbio.
            Ciao, stella del firmamento, vai, vai su a brillare, fai vedere alle stelle chi è chebrilla di più di tutti.
            Però fammi un favore: stacci (rimanici, forever).
            Maleducato no limits.

      • SUSANNA ROLLI scrive:

        Ultimo Messaggio di Medjugorje, 2 dicembre 2015 [O] – Apparitions to Mirjana

        “Cari figli, io sono sempre con voi, perché mio Figlio vi ha affidato a me. E voi, figli miei, voi avete bisogno di me, mi cercate, venite a me e fate gioire il mio Cuore materno. Io ho ed avrò sempre amore per voi, per voi che soffrite e che offrite i vostri dolori e le vostre sofferenze a mio Figlio e a me. Il mio amore cerca l’amore di tutti i miei figli ed i miei figli cercano il mio amore. Per mezzo dell’amore, Gesù cerca la comunione tra il Cielo e la terra, tra il Padre Celeste e voi, miei figli, la sua Chiesa. Perciò bisogna pregare molto, pregare ed amare la Chiesa a cui appartenete. Ora la Chiesa soffre ed ha bisogno di apostoli che, amando la comunione, testimoniando e dando, mostrino le vie di Dio. Ha bisogno di apostoli che, vivendo l’Eucaristia col cuore, compiano opere grandi. Ha bisogno di voi, miei apostoli dell’amore. Figli miei, la Chiesa è stata perseguitata e tradita fin dai suoi inizi, ma è cresciuta di giorno in giorno. È indistruttibile, perché mio Figlio le ha dato un cuore: l’Eucaristia. La luce della sua risurrezione ha brillato e brillerà su di lei. Perciò non abbiate paura! Pregate per i vostri pastori, affinché abbiano la forza e l’amore per essere dei ponti di salvezza. Vi ringrazio! ”

        Più chiaro di così!!

        • EquesFidus scrive:

          Non rispondergli, men che meno citando Medjugorje: è sempre il solito troll volgare e blasfemo Shiva101 che si diverte a prendere per il c..o i cattolici, non una “semplice” pseudo-cristiana. Non nutrire il troll e non rispondergli, per cortesia, altrimenti continuerà con queste pippe (e prima o poi passerà agli insulti aperti, come la bambina de “L’Esorcista”), grazie.

          • SUSANNA ROLLI scrive:

            Equefides,
            ma da dove lo riconoscete voi, dall’odore?
            io, proprio, fiuto ZERO!

            • EquesFidus scrive:

              Basta vedere il suo stile (sempre il solito, indipendente dal nick) e l’uso dell’espressione “binario morto” in chiusura al suo pippone inutile, realmente diabolico (dato che fa uso di espressioni apparentemente cristiane per propagandare un messaggio che in realtà non ha niente di cattolico).

            • To_Ni scrive:

              Susanna,
              citare i messaggi della Santa Madre in un contesto dove circola un sozzone come Shiva101 è dare perle a porci.
              Non capisce assolutamente nulla in nessun campo del sapere umano.
              Prenderlo sul serio è come dare valore pedagogico ad un film con Maciste.
              Ha 4 neuroni, tre blasfemi ed uno che assolvere alle altre funzioni del suo corpo cn risultati modesti.

              • SUSANNA ROLLI scrive:

                Carissimi To-Ni, EquesFdus (scusami!!!)
                Vi ringrazio, cercherò di fare come dite.
                Ci terrei a precisare, però, che postando il messaggio da Medjugorje volevo rivolgermi a Damiano, che ha postato all’inizio…. Meglio sarebbe stato mettere @ Damiano, come di solito faccio.
                4 neuroni!! :)

      • SUSANNA ROLLI scrive:

        Ultimo Messaggio di Medjugorje, 2 dicembre 2015 [O] – Apparitions to Mirjana

        “Cari figli, io sono sempre con voi, perché mio Figlio vi ha affidato a me. E voi, figli miei, voi avete bisogno di me, mi cercate, venite a me e fate gioire il mio Cuore materno. Io ho ed avrò sempre amore per voi, per voi che soffrite e che offrite i vostri dolori e le vostre sofferenze a mio Figlio e a me. Il mio amore cerca l’amore di tutti i miei figli ed i miei figli cercano il mio amore. Per mezzo dell’amore, Gesù cerca la comunione tra il Cielo e la terra, tra il Padre Celeste e voi, miei figli, la sua Chiesa. Perciò bisogna pregare molto, pregare ed amare la Chiesa a cui appartenete. Ora la Chiesa soffre ed ha bisogno di apostoli che, amando la comunione, testimoniando e dando, mostrino le vie di Dio. Ha bisogno di apostoli che, vivendo l’Eucaristia col cuore, compiano opere grandi. Ha bisogno di voi, miei apostoli dell’amore. Figli miei, la Chiesa è stata perseguitata e tradita fin dai suoi inizi, ma è cresciuta di giorno in giorno. È indistruttibile, perché mio Figlio le ha dato un cuore: l’Eucaristia. La luce della sua risurrezione ha brillato e brillerà su di lei. Perciò non abbiate paura! Pregate per i vostri pastori, affinché abbiano la forza e l’amore per essere dei ponti di salvezza. Vi ringrazio! ”

        Più chiaro di così!!

  15. diabolik scrive:

    Bellelli è l’ennesimo troll onnisciente che fa volontariato negli anfratti di Tempi…. ah ah ah.

  16. Francesco scrive:

    Gesù sapeva che tutto questo sarebbe accaduto. Sapeva che prima o poi ci saremmo dovuti confrontare con una realtà e un mondo totalmente opposto alla Sua logica. Quando venne a salvarci forse le cose non erano tanto diverse da ora. La differenza tra ieri e oggi è la velocità deflagrante con la quale pensieri e ideologie, spesso nefaste, si diffondono nel mondo. Da cristiano cattolico penso che questi tempi ci sconvolgono fin nel profondo e talvolta sembra davvero che la luce di Cristo si affievolisca fino a spegnersi. Tuttavia siamo chiamati a rispondere con coerenza alla domanda che il Signore ci ha posto: <>. Dunque la sfida per noi cristiani è nella risposta di Fede in Lui. Per noi è Lui la salvezza, è Lui che ha proclamato che le forze del male non prevarranno sulla Sua Chiesa/sposa; è Lui che ci ha detto che neanche un capello potranno torcerci; è Dio il Signore della Vita e della storia in un percorso misterioso di salvezza e redenzione di cui solo Lui è artefice e custode. Non dimentichiamo quando Pietro rispose all’invito di Gesù a camminare sulle acque per raggiungerlo; a quando cominciò a dubitare sfrofondando lentamente. Soltanto fissando lo sguardo al nostro Re, affidandoci a Lui incondizionatamente avremo certezza che l’opera di salvezza avrà successo nella nostra vita e in quella del mondo intero. Questi tempi sono come il tempo della croce, dove molti di quelli che lo seguirono poi, lo mandarono al martirio. In quei momenti anche gli apostoli erano smarriti e senza speranza, ma Cristo abbracciò la croce e si avviò a compiere il supremo gesto d’amore, da solo, contro quasi tutti. Sembrava sconfitto ma resuscitò e tornò a rincuorare i suoi fedeli promettendo loro di non lasciarli mai più soli. Chiediamo la Fede al nostro Re.

  17. Sebastiano scrive:

    Beh, immagino che se ritiene che la messia sia un “atto di culto troppo forte”, fra non molto toglierà anche i crocifissi, considerato che quell’Innocente appeso al legno dell’infamia potrebbe disturbare (e turbare) le giovani menti a lui affidate. E in futuro si preoccuperà di dire messa (si fa per dire, magari leggerà qualche brano dei libercoli di Mancuso e sodali) in qualche asettico garage, non sia mai che qualcuno entrato per caso venga scosso dalle immagini sacre troppo forti, o svenga durante la Consacrazione.
    Che dire, un altro utile idiota per la causa della obliterazione catacombale in ossequio al pensiero unico del “siamo tutti un nulla identitario”.

  18. federica scrive:

    Non ho parole . Gli altri anni se non venivamo a Messa nota e giustificazione bah non li capisco proprio a questi

  19. Franceschiello scrive:

    Sacerdozio ed Eucaristia sono intimamente legati. Se un sacerdote si vergogna di celebrare l’eucaristia, rinunci all’assegno che gli passa la CEI e vada a fare quello che vuole, purché la smetta di spacciarsi per sacerdote.

  20. To_Ni scrive:

    Caro Ennio
    Ho letto attentamente i tuoi post ed ho ammirato il “ragionamento”. Ho sbagliato a darti del semplice imbecille e le valutazioni al minimo che ti ho rivolto. Sicuramente la “redazione” valuterà il post che ho inoltrato e lo invierà alla polizia postale , ma questa, di sicuro, dopo aver letto i tuoi autorevoli, profondi interventi e la mia replica dedurrà che si tratta di un confronto intellettuale proporzionato alla tua bella persona.
    Ti chiedo solo di pazientare, se non lo pubblicano ne farò un altro, … poi un altro, poi un altro … perché tu meriti :-)

  21. To_Ni scrive:

    Shiva101 … Ennio, cavolo, non ti avevo riconosciuto. Per fortuna la tua insolente bestialità emerge . Ho fatto un post sopra dove ti ho detto che contemporaneamente non capisci nulla di “religione” “scuola” – “costituzione” – “legge”. Hai chiamato “ragionamento” una farneticazione che recitato e messo come video su youtube avrebbe sfondato in visualizzazioni. Nomina “l’imbecille dell’anno” . Chiudevi il 2015 con il botto.

  22. EquesFidus scrive:

    Ma tacere, invece di parlare cose di cui non si sa nulla e di fare minacce che non spaventerebbero neanche un neonato, è troppo difficile? Ma voialtri troll vi sentite investiti da una missione divina, per sparare queste idiozie?

  23. SUSANNA ROLLI scrive:

    Io non capitò nulla ma tu non sai nemmeno scrivere Gesù con la maiuscola! Cmq de coccio, veramente…. nessuno obbliga nessuno, va solo chi vuole; già, ma che ne puoi sapere tu di quello che succede nelle scuole cattoliche!!
    oh oh oh!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana