Google+

Pisapia a tutto campo su Tempi: «Formigoni Commissario Expo? Mi sembra una scelta istituzionale, logica e corretta»

luglio 28, 2011 Redazione

In un’intervista rilasciata al settimanale Tempi in edicola a partire dal prossimo 21 luglio, il sindaco di Milano Giuliano Pisapia afferma che sarebbe «giusto e corretto sul piano istituzionale» nominare Formigoni Commissario Expo. Sulla giustizia avverte: «Basta con il penale ovunque». E sulla possibilità di governo tecnico: «Sarebbe bene ma è impossibile»

«La legge dice espressamente che uno dei commissari dell’Expo dev’essere il sindaco di Milano. Quindi, per il primo commissario non ci sono dubbi. Quanto all’altro, quello che ha il compito di tenere i rapporti con l’estero – l’ambasciatore insomma – il fatto che la nomina riguardi Formigoni mi sembrerebbe giusto e corretto sul piano istituzionale. Ci sono tra noi divergenze su alcune scelte specifiche. Ciò non toglie che la collaborazione tra Comune e Regione è la premessa indispensabile per la buona riuscita dell’Expo». E’ quanto afferma il sindaco di Milano Giuliano Pisapia in un’intervista rilasciata al settimanale Tempi in edicola a partire dal prossimo 21 luglio.

Ancora a proposito di Expo, Pisapia replica alle accuse di essersi piegato a sottoscrivere l’accordo di programma voluto Moratti. Accordo di programma che il neosindaco anticipa a Tempi «verrà approvato nella seduta del consiglio comunale di giovedì 28 luglio». Pisapia dichiara in proposito: «Io non ho alcun problema a sottoscrivere tutto ciò che mi sembra buono e giusto per Milano. Poi, se ci sono cose da cambiare – e ci sono – le cambieremo. La mia giunta è al lavoro per promuovere tutto ciò che è bene per la città. Qualunque cosa faccia il bene di Milano, io la sottoscriverò». Nel profilo del nuovo sindaco “arancione”, come è noto c’è un passato di forte impegno sui temi della giustizia. Che nell’intervista a Tempi conferma nella denuncia dell’eccesso di invasività della magistratura nella politica. «Sì, il problema c’è ed è serio. Pensiamo alle questioni inerenti all’amministrazione pratica, quotidiana, di una città: come si fa a rimanere sistematicamente alla mercè – ogni volta che c’è un appalto, un lavoro urgente, un problema che richieda decisioni immediate – di un ricorso, fondato o infondato, che blocca tutto? Bisogna trovare altri strumenti. Se uno ha “barato” pagherà i danni, ma non si può sempre e comunque fermare tutto».

Per Pisapia non ci sono dubbi: «L’errore fondamentale è pensare di dare risposte giudiziarie a problemi che possono nascere non da volontà di compiere un reato, ma da valutazioni sbagliate nate in condizioni magari obbiettivamente complesse, equivoci, incomprensioni. Lo dice uno che non è e non si sente un politico: l’idea di risolvere i problemi della politica col ricorso al dispositivo penale è una scelta profondamente sbagliata. Gli errori politici si pagano con la perdita del consenso nella società». Il sindaco di Milano (che ha avviato un dialogo con la Provincia guidata dal centrodestra sul tema della città metropolitana) resta convinto della necessità di abolire le province, soluzione che «in teoria trova d’accordo tutti, poi, nei fatti è respinta a destra e a sinistra». «E comunque – prosegue Pisapia – niente come la “città metropolitana” contiene in sé la logica dell’abolizione delle province che solo un governo tecnico può avere la forza di decidere».

Quanto all’ipotesi di un governo tecnico che faccia le riforme necessarie all’Italia, Pisapia dice: «La necessità di un governo che sappia compiere scelte coraggiose, la vediamo tutti, c’è e si sente. Però non è il momento di un esecutivo tecnico. O meglio, non vedo come politicamente sia possibile».

Leggi l’intervista integrale

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.