Google+

Milano, Pisapia sgombera due campi rom. De Corato attacca: «Li ha trasferiti a cento metri»

novembre 27, 2013 Francesco Amicone

L’ex vicesindaco denuncia: seicento abusivi spostati nel centro della Protezione Civile. «Grazia alla sinistra buonista i nomadi vengono in Italia per stanziarsi»

Lunedì, il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, ha fatto sgomberare due campi rom abusivi in zona Certosa. Per Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano, è stato più un trasferimento che uno sgombero: «Quei seicento rom sono ancora lì, trasferiti a cento metri da dove erano accampati, nel centro della Protezione Civile di Milano in via Barzaghi», spiega il consigliere regionale di Fratelli d’Italia. «Si può parlare di sgombero? Chi li manterrà? Cosa succederebbe se, in caso di emergenza, i milanesi avessero bisogno di quella sede?».

Servirà a qualcosa lo sgombero di Pisapia?
Quando ero vicesindaco, la giunta non si limitava a far spostare i rom da un posto all’altro: stavamo loro addosso per impedire che si installassero nuovamente nei campi abusivi. Usavamo la deterrenza per impedire che costruissero altre favelas. Nel 2010, la Prefettura certificò che ne avevamo allontanati più di 6 mila. Ora invece, grazie alla sinistra buonista, stanno ricevendo soldi attraverso il terzo settore. Oltre a non mettersi in regola non se ne vanno, anzi, chiamano parenti e amici dalla Romania, dalla Bulgaria, dalla Serbia. I rom oggi vengono in Italia per restarci. Non si può più chiamarli nomadi, come l’Europa si ostina a fare.

Non esiste più il nomadismo?
Se i rom vengono in Italia per restarci, come si fa a chiamarli nomadi? Non fanno il giro d’Europa. Le faccio un esempio: dopo lo sgombero di Pisapia, al Tg3 ne hanno intervistati alcuni. Questi non avevano nessuna intenzione di andarsene da Milano, e anzi gridavano “casa”, “vogliamo una casa”. Ecco perché vengono in Italia. Perché vogliono stanziarsi. Adesso la situazione è più grave di qualche anno fa: i rom occupano anche gli stabilimenti: case popolari e di privati.

Ma perché espellerli? In Europa c’è la libertà di spostamento.
Dalla Francia, dove sono al governo i socialisti, ne sono stati rimpatriati ben 12 mila. Hanno potuto farlo perché c’è una direttiva dell’Unione Europea che lo consente: un cittadino europeo per risiedere in un paese dopo tre mesi deve poter assicurare di avere un domicilio, l’assistenza sanitaria e un lavoro. Quasi tutti i rom a Milano non rispettano alcuna delle tre condizioni. Inoltre sappiamo bene che è diffusa la delinquenza nei campi abusivi, dove quando va bene si tratta di accattonaggio e di piccoli furti.

Come risolvere il problema?
Non è facile. Innanzitutto bisogna attivare la normativa europea e smettere di fare i buonisti: una quota molto alta dei cosiddetti nomadi non ha né un domicilio né un lavoro. Poi vanno identificati, e verificate le loro fedine penali. Bisogna fare accordi bilaterali con i paesi di provenienza per rimpatriarli. L’Italia ha poche risorse, quindi deve interrogarsi se ha la disponibilità per offrire loro migliaia di posti per dormire oppure se è meglio rimandarli nei loro paesi.  

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. peppe66 scrive:

    Ma non avete ancora capito quale è la politica della sinistra? riempirci di tutta la feccia del mondo sperando di farli diventare presto loro elettori, povera italia in che mani…..e Alfano e soci continuano a far sopravvivere un governo inetto e pasticcione…..il potere delle poltrone…..

  2. Antonio scrive:

    Quelli di pisapia e buonistume simile sono solo provvedimenti “di facciata”, per ingannare il proprio elettorato arcistufo di rom ed immigrati di infimo livello. Fanno finta di sgomberare, poi tollerano che si spostino poco più in là… rimpatri non se ne parla, li proteggono più delle opere d’arte! Se si volesse veramente seguire la volontà del popolo, oramai palesemente contrario all’immigrazione della feccia e della disperazione del globo, si rimpatrierebbero tutti i clandestini, i comunitari balordi e nullafacenti ed i rom non italiani. Anche a costo di pagare una nuova accisa (si avete capito bene), sarebbero soldi ben spesi invece di sperperare risorse per mantenere in albergo beoni africani di vent’anni alla faccia degli italiani in difficoltà. Se non ci sono le leggi, si facciano. Non se ne può più di questa gentaglia, rom e terzomondisti, che tutto sono tranne che risorse. Non si sa poi come campano, se non di delinquenza e stato sociale regalato da decenni! Degrado, delinquenza, scrocco di risorse sociali, malattie importate, svalutazione dei quartieri ecc ecc Ecco le risorse della società multiculturale. Ma che ricchezza possono rappresentare orde di analfabeti, straccioni, despecializzati, bisognosi di tutto (gratis!), delinquenti piccoli e meno piccoli? Possiamo davvero sopportare un’infinita immigrazione di tali soggetti, che poi sono quasi impossibili a rimpatriare? Lo sapete che il 40% dei detenuti nelle carceri italiane è una risorsa multietnica? Pensiamoci, quando votiamo. Pubblicatelo, per favore.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana