Google+

Matteo Renzi è un leader nuovo, positivo, vincente. Soprattutto non ha alternative: deve “fare cose”

dicembre 16, 2013 Luigi Amicone

È fatale: se il governo Renzi-Letta-Napolitano non vara entro gennaio almeno un paio di riforme che diano ossigeno e speranza alle famiglie italiane al segretario del Pd per primo converrà andare a votare

E adesso vediamo se, come promesso, davvero «dopo l’8 dicembre cambia tutto». Intanto, nel giro di pochi mesi il “Rottamatore” ha portato a compimento una missione (quasi) impossibile. Ha straripato nelle roccaforti rosse dove non più di un anno fa aveva trionfato Bersani. Ha polverizzato l’ultimo pallido erede del fu Partito comunista italiano.

Matteo Renzi è un vincente dall’aura irresistibile. Un leader autentico. E all’opposto di Grillo, spirito furioso e giocatore col fuoco, ha il vantaggio di rappresentare una novità positiva, schietta, ragionevole. Decisionista nel terminare il vecchio apparato consortile. Sfrontato quanto basta a far presentire al popolo della sinistra un destino politico maggioritario, non solo per “vocazione” ma, finalmente, per trionfo alle urne. Insomma, un bel carisma fiorentino che ha imparato, messo da parte ed è sul vivo di praticare l’arte di un innominabile Cavaliere.

Così a Matteo Renzi adesso tocca di governare. E per adesso (anche alla luce del delirio golpista del genovese) provando a governare la stabilizzazione di Letta. Ma può farlo senza “fare cose”? E può il Quirinale continuare ad assicurare che le polemiche sono «dannate», le «elezioni sono lontane», se non succedono “cose”? È fatale: se il governo reale, cioè il Renzi-Letta-Napolitano, non troverà volontà ed energie per non farsi risucchiare nella palude dei rinvii e non vara entro gennaio almeno un paio di riforme che diano ossigeno e speranza alle famiglie italiane (comprese ovviamente la legge elettorale e una messa in fuori gioco del “partito delle procure”) a Renzi per primo converrà andare a votare. Sperando che, nel frattempo, l’Italia non finisca cappottata in un ’48.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Piero scrive:

    Quanto vecchio apparato è parsa ieri,all’arena di Giletti, la responsabile giustizia dello staff di Renzi! Giovane di età ma vecchia per tutto il resto!

  2. francesco taddei scrive:

    le unioni civili e lo ius soli che propone il nuovo renzi le voleva anche il vecchio bersani.

  3. Francesco Carbonchi scrive:

    Gentile direttore, quel che dice del neo eletto segretario del PD è senz’altro vero, ma la copertina del giornale è a mio parere piuttosto ambigua.
    Matteo Renzi sta cambiando il volto e il linguaggio del vecchio PD attingendo a man bassa dalla tradizione comunicativa del Cavaliere, ma i contenuti che porta non sono affatto diversi da quelli proposti negli ultimi anni dai vari Prodi, Bersani e co.
    I politici si votano con la pancia ma poi si giudicano sulla politica, sulle scelte e sui fatti. E sono i fatti ad aver inchiodato l’ultimo governo Berlusconi, ad aver bocciato il Professor Monti alle elezioni e a sgonfiare man mano la bolla di Grillo.
    Anche per Renzi vale lo stesso metodo: cosa sta proponendo? Riforma del Lavoro, abolizione della Bossi-Fini, Ius soli, unioni civili. Un programma degno di Nichi Vendola.

    Renzi non dice “arrendetevi” ai comunisti, lo dice ai moderati rubandogli le parole.

    Cerco di essere più chiaro nel mio commento: l’abito non fa il monaco.

    Cordialmente,
    Francesco Carbonchi

  4. beppe scrive:

    ma in italia per poter fare qualcosa di sensato bisogna avere ”la faccia giusta”? berlusconi è stato zavorrato da alleati schifosi. adesso arriva il bulletto che le spara più grosse di lui e tutti si devono arrendere. provi a rileggere il discorso di bossi a roma nel 1999 in cui prefigurava esattamente quel che sta succedendo ora: fine dell’economia a vantaggio della finanza, elites contro popoli, ateismo e massoneria contro il senso comune del popolo. LOTTA AI PARASSITI DI TUTTE LE RAZZE E COLORE.

  5. beppe scrive:

    le vicende del pd sono la conferma che a questi non gliene frega niente dell’italia e degli italiani, ma hanno traccheggiato finchè hanno risolto le lore beghe interne e continueranno ancora finchè farà loro comodo. chi deve FARE è il governo. se è un governo inutile se ne vada. a che titolo renzi detta la linea?

  6. Elena scrive:

    IUS SOLI & UNIONI CIVILI???? E che me ne faccio? Che se ne fanno i cittadini italiani???????

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana