Google+

Maltempo, Dio ci salvi dalla nutria (e dai suoi difensori animalisti)

gennaio 21, 2014 Emmanuele Michela

L’allarme di Coldiretti: l’esondazione del Secchia nel modenese è colpa delle tane dei roditori, che rendono friabili gli argini. Vallo a dire a chi ne vieta la caccia

nutriaMaltempo, moriremo tutti per colpa delle… nutrie. Eh sì, tutto vero. Nei giorni in cui l’Emilia si trova a fare i conti con danni e allagamenti, sul banco degli imputati per una volta non finiscono le speculazioni dell’uomo e il global warming, né le incapacità dell’amministrazione comunale di turno a far fronte al dissesto idrogeologico, bensì il simpatico roditore, le cui tane scavate negli argini dei fiumi rendono troppo friabili i muri naturali di contenimento dell’acqua, e avrebbero provocato le esondazioni del fiume Secchia nel modenese. L’allarme è stato amplificato dal leghista Roberto Caon, che ieri alla Camera ha rilanciato la proposta di legge che consentisse l’abbattimento di questi animali, e replica gli appelli già lanciati dalle associazioni degli agricoltori, Cia e Coldiretti in testa: oltre a rovinare gli argini dei fiumi con gallerie lunghe da 1 a 5 metri e larghe 30-50 centimetri, le nutrie si cibano dei germogli di piante erbacee e arboree che trovano direttamente nei campi di cereali, e ad esse i contadini imputano danni fino a 20 milioni di euro l’anno nelle campagne attorno ai fiumi.

È ANIMALE ALLOCTONO. Troppa enfasi sul problema? Forse. O forse no, perché, per quanto gli animalisti parlino di attacco all’ambiente e ai suoi equilibri, la nutria è un animale alloctono, non originario delle nostre terre. Nasce in Argentina, da dove è arrivato negli anni Trenta, importato per fare pellicce. Negli anni Sessanta ha iniziato a colonizzare i fiumi delle nostre campagne, dove non trova contrasti naturali alla sua moltiplicazione: in Sud America è il caimano a cacciarlo, da noi ci provano le volpi, ma con risultati esigui visto il crescente numero di roditori. E visti i continui danni che provocano: qualsiasi contadino lo sa, e sarebbe pronto a difendersi nella maniera più semplice, ossia compensando lui ciò che la natura non riesce a fare, limitando questi animali con quel che può. Gli unici che non lo sanno, o che non vogliono vedere il problema, sono gli animalisti: i roditori, poveri, non hanno colpe. Se gli argini crollano non è per le gallerie delle nutrie, bensì per colpa dell’uomo, che come al solito arriva con prepotenza e sconvolge gli equilibri, magari privando di vegetazione argini pericolosi, oppure continuando a cementificare corsi d’acqua.

CONTRO OGNI ORDINE NATURALE. Tutto ciò fa sì che la nutria diventi sacra, praticamente intoccabile nonostante i danni che provoca. Se una Provincia prova a mettere reti lungo gli argini viene accusata di sconvolgere l’habitat naturale del roditore. Quando i comuni tentano di risolvere il problema armando i cacciatori, ecco che vengono etichettati come assassini. Il tutto in nome di una difesa dei diritti degli animali ormai ideologica e nauseabonda, sovvertendo qualsiasi ordine logico la natura abbia realmente creato. Dare la colpa dell’esondazione dei fiumi solo alle nutrie è parziale, ma la polemica mette in luce quanto impazzito sia diventato il dibattito in Italia quando si parla di natura e animali. Scrive bene sul Foglio di oggi Camillo Langone: «La religione, proprio come la natura, non tollera vuoti, e l’arretramento dell’antropocentrismo cristiano ha coinciso con l’avanzata del geocentrismo neopagano di ambientalisti e animalisti. Un fenomeno all’inizio quasi impercettibile e ora evidentissimo a chiunque non abbia gli occhi foderati di fotografie di cani e di gattini. “Siamo a quella sorta di indistinzione metafisica e fisica fra uomo e natura che caratterizza il buddismo”, ha detto monsignor Luigi Negri, uno dei pochi ad aver capito subito. E, come ha scritto Hal Herzog della Western Carolina University, “se ci si rifiuta di tracciare una qualsiasi linea morale tra le specie, si finisce in un mondo in cui le termiti hanno tutti i diritti di divorarti la casa”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

21 Commenti

  1. Veronica scrive:

    quanto pressapochismo, quanta tendenziosità, quanta ignoranza becera in questo articolo.

    • nelia scrive:

      La “deriva” animalista e “company” parte dalla becera ideologia sessantottina! (liberismo sfrenato, allontanamento spirituale e fisico dalla chiesa, complici i nemici della chiesa che ci usavano, tutto e tutti contribuivano ad “esaltare” nel senso negativo la nostra giovinezza) Poi c’e’ stata una continua “discesa” nella voragine malefica della scristianizzazione operata dai media al servizio dei “padroni del vapore” di quel nefasto periodo storico! Io faccio parte di quel periodo, perche’ sono del ’48. Eravamo ingenui e creduloni. Avevamo pochi anni e pochissimo cervello! Le “squame” dagli occhi son cadute quando si sono visti gli effetti morali odierni. Ora rifletto e penso che se avessimo letto “veramente” il vangelo e messo in pratica sul serio le parole di Gesu’ non avremmo fatto i molti e vergognosi errori che come virus continuano a infettare la nostra societa’!

    • nelia scrive:

      La “deriva” animalista e “company” parte dalla becera ideologia sessantottina! (liberismo sfrenato, allontanamento spirituale e fisico dalla chiesa, complici i nemici della chiesa che ci usavano, tutto e tutti contribuivano ad “esaltare” nel senso negativo la nostra giovinezza) Poi c’e’ stata una continua “discesa” nella voragine malefica della scristianizzazione operata dai media al servizio dei “padroni del vapore” di quel nefasto periodo storico! Io faccio parte di quel periodo, perche’ sono del ’48. Eravamo ingenui e creduloni. Avevamo pochi anni e pochissimo cervello! Le “squame” dagli occhi son cadute quando si sono visti gli effetti morali odierni. Se avessimo letto e messo in pratica il Vangelo!

    • nelia scrive:

      La “deriva” animalista e “company” parte dalla becera ideologia sessantottina! (liberismo sfrenato, allontanamento spirituale e fisico dalla chiesa, complici i nemici della chiesa che ci usavano, tutto e tutti contribuivano ad “esaltare” nel senso negativo la nostra giovinezza) Poi c’e’ stata una continua “discesa” nella voragine malefica della scristianizzazione operata dai media al servizio dei “padroni del vapore” di quel nefasto periodo storico! Io faccio parte di quel periodo, perche’ sono del ’48. Eravamo ingenui e creduloni. Avevamo pochi anni e pochissimo cervello! Le “squame” dagli occhi son cadute quando si sono visti gli effetti morali odierni.

    • sconoema scrive:

      Sei passata in Bassa? Com’è commentare dalla tua poltroncina all’asciutto?

    • claudio scrive:

      Quanto pressapochismo? Mia cara signora É un dato di fatto che questi animali NON abbiano competitori e quindi si moltiplicheranno senza limiti. Quando se li troverà in casa non si azzardi a toccarli, mi raccomando. Avete occhi per vedere e cervello per capire???

  2. VivalItalia scrive:

    E io che speravo de farme a pelliccia col rattone…

    • beppe scrive:

      ma nun te vergogni, cattivone, sempre a penzà rasoterra. vedi veronica come vola alto, come è istruita, precisina, fina fina, ‘sta topona.

      • paolo scrive:

        … accidenti abbiamo scoperto la vera causa dei dissesti … gli animalisti che proteggono la Nutria. E pensare che i comuni vorrebbero mettere le reti per proteggere gli argini ma non lo possono fare … e quindo cosa fanno asfaltano, danno concessioni edilizie improbabili etc poverini.

        dimenticavo che per “Tempi” …. Gesù è morto di freddo :)

      • Veronica scrive:

        oh beppe, che poveretto che sei. le topone al massimo te le guardi su internet. degno lettore di un magazine di totale prestigio come “tempi”.

  3. luca scrive:

    ma possibile che oltre i gay e il metodo stamina ora odiate anche gli animali?
    ma siete proprio matti figli miei, ma da bambini non avevate un cagnolino o un gattino? alla faccia della bontà dei cattolici.
    precisiamo, forse sta semplice de nutria causa veramente problemi e veramente va uccisa, ma il punto è che a leggervi voi odiate proprio chiunque difenda anche il minimo diritto degli animali…

    voi veramente pensate di essere migliori di un animale qualunque?
    io non credo, io sono sicuro che tra l’uomo e gli animali non ci siano differenze. un giorno, se la terra durerà a sufficienza ci saranno altre specie animali autocoscienti oltre l’uomo, e anche loro parleranno di dio… come ne sono sicuro? i processi biologici e soprattutto fisici negli animali sono uguali. sopratutto i processi fisici, perchè è la fisica che spiega le reti neurali e le loro evoluzioni. i secoli cambieranno la struttura topologica della loro rete neurale e allora alcuni diventeranno in grado di formulare pensieri coscienti.
    inoltre, c’è già stato il Neanderthal che era capace di pensieri coscienti (si vestiva e costruiva utensili) e non era assolutamente ne un uomo ne un suo antenato!

    detto questo per ora siamo la specie dominante e se per la nostra sopravvivenza è necessario uccidere un altro animale facciamolo, ma cavolo voi gli state dichiarando guerra!

    • Tommasodaquino scrive:

      quando non si crede più in Dio si finisce per credere a qualunque cosa

    • Alex scrive:

      Ecco, ci manca solo che in futuro nutrie e scoiattoli grigi bussino di porta in porta distribuendo volantini sulla fine del mondo e le parole del sacro Unicorno Rosa.
      Meglio buttarla sull’ironia perchè se si dice che gli animalisti sono la peggiore sciagura per gli animali, se la prendono a male.

  4. Livio scrive:

    io vorrei solo dire che mi sono rotto il cxxo di vedere cacciatori scorrazzare nelle mie terre a sparacchiare, perchè ciò gli è permesso, ma non lo dico.

  5. claudio scrive:

    Pressapochismo? Le nutrie NON hanno in Italia competitori naturali. Punto. Cara Veronica non venga a lamentarsi allora quando se le ritroverà in casa. E cosa diciamo degli altri animali autoctoni che vengono messi alle strette? Possibile che non riuscite voi animalisti a vedere oltre il vostro naso?

  6. Giannino Stoppani scrive:

    Francamente è ridicolo dare la colpa a un roditore dei disastri ambientali italici.
    Francamente è ridicolo prendersela con gli “animalisti” visto e considerato che il povero roditore è in Italia per colpa di chi ne voleva fare pellicce.
    Francamente è ridicolo lasciar intendere su queste pagine che il cristiano debba essere meno che rispettoso e responsabile del creato e delle creature di Dio.

    • claudio scrive:

      Allora non ci capiamo per nulla. L’articolo spiega ” dare la colpa alle nutrie per l’esondazione dei fiumi è solo parziale” e cito quasi testualmente. Se avete problemi di comprensione del testo scritto prendetevela con i vostri insegnanti di medie e superiori, non con Tempi. Grazie

    • claudio scrive:

      Allora non ci capiamo per nulla. L’articolo spiega ” dare la colpa alle nutrie per l’esondazione dei fiumi è solo parziale” e cito quasi testualmente. Se avete problemi di comprensione del testo scritto prendetevela con i vostri insegnanti di medie e superiori,
      non con Tempi. Grazie

  7. ricardo scrive:

    gioco in casa, conosco questo animalito di Dio, sono paraguaiano.La nutria sudamericana preda le piragne che faebbero razzie nei fuimi, qui preda pesci che si riproducono più lentamente, ed essendo più forte e più grande ha da prevalere su quella autoctona. Situazione simile con degli scoiattoli americani.Conclusione arreca danni.

  8. Maximilian scrive:

    ah ah ah ah questi articoli sono piuttosto divertenti

  9. max scrive:

    Piu facile prendersela con le nutri che con lo sciagurato uso del territorio.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana