Google+

Malala all’Onu: «Libri e penne più forti delle pallottole dei talebani»

luglio 12, 2013 Redazione

La sedicenne pakistana che lo scorso anno fu ferita dai fondamentalisti islamici ha parlato al Palazzo di Vetro di New York: «Il potere dell’istruzione fa loro paura»

Al Palazzo di Vetro dell’Onu oggi era il Malala Day: era attesa infatti a New York la giovane ragazza pachistana che nell’ottobre del 2012 era stata aggredita in un attacco armato operato da uomini talebani per la sua opposizione al fondamentalismo islamico. E nel giorno del suo sedicesimo compleanno, la sedicenne ha parlato ai rappresentanti delle Nazioni Unite: «Un bambino, un insegnante, un libro, una penna possono cambiare il mondo. L’istruzione è la sola soluzione. Mi hanno sparato, hanno sparato anche alle mie amiche. Credevano che quel proiettile ci avrebbe zittito. Ma hanno fallito. Dal silenzio, migliaia di voci si sono sollevate. Quello che hanno ottenuto? La debolezza, la paura, l’impotenza sono morte. La forza, il potere, il coraggio sono emersi», sono state le sue parole.

UNA PETIZIONE E 4 MILIONI DI FIRME. Malala è arrivata accompagnata dai suoi genitori, indossando un velo bianco appartenuto a Benzir Bhutto. Nelle mani, una petizione di 4 milioni di firme da consegnare al segretario dell’Onu Ban Ki-Moon: si sostiene il diritto all’istruzione per più di 57 milioni di bambini che non riescono ad andare a scuola. «Capiamo l’importanza della luce quando vediamo l’oscurità, della voce quando veniamo messi a tacere. Allo stesso modo nel Pakistan abbiamo capito l’importanza di penne e libri quando abbiamo visto le pistole. La penna è più forte della spada. È vero che gli estremisti hanno e avevano paura di libri e penne. Il potere dell’istruzione fa loro paura. E hanno paura delle donne: il potere della voce delle donne li spaventa. Per questo hanno ucciso 14 studenti innocenti, per questo hanno ucciso le insegnanti, per questo attaccano le scuole tutti i giorni. Gli estremisti hanno paura del cambiamento, dell’uguaglianza all’interno della nostra società».

«CHIEDIAMO L’ISTRUZIONE OBBLIGATORIA». La ragazza era stata ferita con una pallottola alla testa dai talebani, e in breve tempo era diventata simbolo della lotta in favore dell’istruzione delle donne nel mondo. A far partire la raccolta firme era stato, lo scorso 10 novembre, l’ex premier britannico Gordon Brown, ora inviato per l’Educazione delle Nazioni Unite. Anche lui oggi ha accompagnato Malala all’Onu: «Chiediamo a tutti i governi di assicurare l’istruzione obbligatoria e gratuita in tutto il mondo a ogni bambino», ha continuato la ragazza, «di lottare contro il terrorismo e la violenza, ai Paesi sviluppati di sostenere i diritti all’istruzione per le bambine nei Paesi in via sviluppo. Chiediamo a tutte le comunità di respingere i pregiudizi basati su caste, sette, religione, colore, genere…Chiediamo ai leader di tutto il mondo di assicurare la sicurezza di donne, perché non possiamo avere successo se metà di noi subisce torti. E chiediamo a tutte le sorelle di essere coraggiose, comprendendo il loro pieno potenziale e agendo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Enrico scrive:

    Anche noi, nel nostro piccolo, abbiamo i talebani … laici. Solo che da noi usano le penne, i libri e la disinformazione. Eh… il progresso…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana