Google+

Un avvenimento per rompere la logica sterile e mortifera del “buon diritto”

dicembre 19, 2015 Luigi Amicone

Nei primi sette mesi del 2015 in Italia si è registrata una mortalità eccezionale rispetto agli stessi mesi del 2014.

neonati-hArticolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Verrà la morte e avrà i tuoi occhi. Caro Cesare Pavese. Certo non pensavi a noi. Però è di noi che, su Avvenire dell’11 dicembre, parla il demografo Giancarlo Blangiardo. Nei primi sette mesi del 2015 in Italia si è registrata una mortalità eccezionale rispetto agli stessi mesi del 2014. «La cosa non è affatto marginale – scrive Blangiardo – se si pensa che ciò corrisponde ad un aumento che porterebbe a 664 mila morti nel 2015 contro i 598 mila dello scorso anno». Si tratta di un incremento «in gran parte concentrato sulla componente femminile (+40 mila)». Il dato «è impressionante». «Per trovare un’analoga impennata della mortalità si deve tornare al 1943 e risalire agli anni tra il 1915 e il 1918». Sono gli anni delle due grandi guerre. Domanda: «Ma in un’epoca come quella attuale, in condizioni di pace e con uno stato di benessere che, nonostante tutto, è da ritenersi ancora ampio e generalizzato, come si giustifica un rialzo della mortalità di queste dimensioni?».

Il sospetto corre ai tagli della spesa sanitaria. È un’ipotesi. L’unica certezza è che l’Italia continua a sprofondare in una spaventosa crisi demografica. Di paesi più vecchi c’è solo il Giappone… Eppure c’è anche questa stranezza: la Germania invecchia più di noi e di tutti gli altri paesi, nonostante indici di crescita e di benessere superiori alla media. Dunque: pochi figli, poca speranza. Perché? Può essere che la curva mortifera c’entri con lo speech di Solzenicyn dell’anno 1978, quando a Harvard il dissidente dell’est preconizzò la crisi dell’Occidente? «La società occidentale ha scelto la forma dell’esistenza che le era più comoda e che definirei giuridica… Ogni conflitto riceve una soluzione giuridica, e questa viene considerata la più elevata. Se un uomo si trova giuridicamente nel proprio diritto, non si può chiedergli niente di più. Provatevi a dirgli, dopo la suprema sanzione giuridica, che non ha completamente ragione, provatevi a consigliargli di limitare da se stesso le sue esigenze e a rinunciare a quello che gli spetta di diritto, provatevi a chiedergli di affrontare un sacrificio o di correre un rischio gratuito… vi guarderà come si guarda un idiota».

È così, siamo nella civiltà dove è più facile incrociare uno sguardo da idiota che un uomo che si elevi rispetto allo scudo del suo buon diritto. Il “buon diritto” che può traquillamente prescindere dal bene e decretare la chiusura di un’azienda in cui 15 mila operai cavano il pane per le loro famiglie (perché? «Perché l’Ilva ha inquinato»). Che gusto c’è a giocare in un mondo così, dove l’uomo è ridotto a fattore-malfattore giuridico? Si può dirlo con un filosofo chierico, il gesuita Teilhard de Chardin: «Il vero pericolo della nostra epoca è la perdita del gusto di vivere». O con la filosofa laica, l’ebrea Hannah Arendt: «È perfettamente concepibile che l’età moderna termini nella più mortale e nella più sterile passività che la storia abbia mai conosciuto». Buon Natale? Sì, buona irruzione della logica antigiuridica e antimortifera di Dio nel mondo.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. BIASINI scrive:

    L’INPS festeggia.

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Vero. Però se non ci sarà in futuro chi pagherà i contributi lavorando, l’INPS avrà poco da festeggiare…

  2. Xyzwk scrive:

    In realtá basterebbe lavorare tutta la vita, pagarsi i contributi (uomo o donna che sia) e non servirebbe che nessuno paghi la pensione per noi

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana