Google+

«L’Istat è fondamentale per lo Stato, ma deve darsi una mossa»

luglio 13, 2012 Carlo Candiani

L’Istat è a rischio chiusura causa tagli. Ma l’istituto serve o no? Intervista a Luca Pesenti, ricercatore di sociologia generale ed esperto di politiche pubbliche.

Il presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, lancia l’allarme: la spending review del premier Mario Monti rischia di azzerare l’istituto di ricerca, da gennaio non si produrranno più statistiche. «Un istituto nazionale di statistica è necessario e deve essere autonomo dalla politica» spiega a tempi.it Luca Pesenti, ricercatore di sociologia generale all’Università Cattolica di Milano e componente del Cies, che monitora per il ministero del Welfare la povertà e l’esclusione sociale. «Come analista delle politiche pubbliche, posso assicurare che per programmarle la statistica è decisiva».

Troppo spesso, però, i dati statistici sono spettacolarizzati e strumentalizzati da destra e sinistra.
C’è la tendenza dei media di utilizzare i numeri in modo spasmodico e di interpretarli a piacimento. Ma il compito dei numeri è produrre buona conoscenza, utile per delle buone politiche pubbliche. Giovannini sta facendo un ottimo lavoro, ha ridato freschezza, ad esempio, ai dati sulla povertà ma se proviamo ad andare sul sito dell’Istat oggi, 13 luglio 2012, in tempo di tagli alla spesa pubblica troviamo alcuni indicatori sulla Sanità che sono fermi al 2008 o anche al 2007. Per quanto riguarda la spesa per le pensioni, i dati sono fermi al 2009. Su alcuni grandi argomenti come la conciliazione famiglia–lavoro, non si muove niente dal 2009. Questo è il problema: l’Istat fa un lavoro egregio su molti dati di contabilità nazionale, come il mercato del lavoro, ma su altri fronti decisivi sia per la politica che per il cittadino non è sul pezzo ma offre numeri datati.

Quindi l’Istat deve darsi una mossa?
È chiaro che la ricerca sociale ha bisogno di tempo. Un buon lavoro non si può fare in un mese: qualche ritardo è comprensibile, ma non di tre o quattro anni. Quanto più i dati sono vecchi, tanto più la politica non li userà e metterò da parte quelli più “scomodi”. Dunque, quale ruolo lo Stato vuole che abbia l’Istat? Ci tiene all’indipendenza dei dati? E allora non deve tagliare i fondi per la ricerca, come denuncia Giovannini.

Si può parlare di tagli “boomerang”: lo stesso Giovannini ha dichiarato che l’Istat ha offerto molti dati ad Enrico Bondi.
Un altro taglio metterebbe l’Istat in seria difficoltà. I numeri sulla situazione reale del non profit, del privato sociale in Italia, sono fermi al 1999 e sono stati presentati nel 2011, in ritardo per mancanza di fondi.

Bisogna rivedere i meccanismi di produzione dati dell’Istat?
La gestione dell’Istituto, negli ultimi anni, è stata sempre più centralizzata. Un Istat “regionalizzato” con adeguati contrappesi, per garantirne l’autonomia dagli enti locali, potrebbe accelerare la fluidità dei dati. Purtroppo in questi anni si è andati nella direzione opposta, smobilitando le sedi regionali.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. paolo delfini says:

    CARLO CANDIANI PURTROPPO HA RAGIONE, I DATI STATISTICI SONO SPESSO STRUMENTALIZZATI E SPETTACOLARIZZATI, E SPESSO E VOLENTIERI ENFATIZZATI , DAI MEDIA DI OGNI ESTRAZIONE POLITICA O DA RAPPRESENTANTI DEI VARI GRUPPI DI INTERESSE, GRAZIE PER L’ARTICOLO,

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.