Google+

Libia. Tra i 21 cristiani martiri sgozzati dall’Isis c’era un musulmano convertito

febbraio 16, 2016 Leone Grotti

A un anno dalla strage, padre Greiche, portavoce della Chiesa cattolica in Egitto, ha confermato che un uomo del Ciad «vedendo i cristiani ha voluto diventare martire come loro»

taz-copti-cristo

Preghiere, incontri e Messe in suffragio culminanti in una liturgia solenne. Così questa settimana la Chiesa copto-ortodossa ricorda il primo anniversario del martirio di 21 cristiani egiziani, sgozzati dall’Isis in Libia. Il video della loro barbara uccisione è stato diffuso il 15 febbraio 2015 dai jihadisti.

GIÀ CANONIZZATI. Come ricordato l’anno scorso a tempi.it da Anba Macarius, vescovo copto-ortodosso di Minya, il governatorato egiziano da cui proveniva la maggior parte dei 21 cristiani assassinati, nel filmato degli islamisti si vede chiaramente che prima di morire i cristiani professano la loro fede pregando con queste parole: «Ya Rabbi Yasou, Signore Gesù Cristo». Per questo motivo sono già stati canonizzati dalla Chiesa copto-ortodossa e anche papa Francesco ha dichiarato: «Il loro sangue testimonia Cristo. Oggi la Chiesa è la Chiesa dei martiri».

«IL MARTIRIO PIÙ GRANDE». Il vescovo di Minya ha aggiunto: «Pronunciando il nome di Gesù Cristo prima di essere uccisi, hanno confermato di essere morti da cristiani, in nome della loro fede e fedeli fino all’ultimo secondo. Così hanno meritato il Regno dei cieli, come sta scritto nell’Apocalisse: “Sii fedele fino alla morte e ti darò la corona della vita”. Questo è il più grande caso di martirio cristiano del nostro tempo».

IL MUSULMANO CONVERTITO. Tra i 21, c’era anche un uomo musulmano proveniente dal Ciad, che si è convertito al cristianesimo prima di morire «vedendo la fede testimoniata dai cristiani copti». La notizia si era diffusa ad aprile dell’anno scorso, ma ora è stata confermata da padre Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana: «Ha trovato la fede quando ha visto la faccia degli altri cristiani egiziani, che lui non voleva abbandonare. Ha voluto diventare un martire come loro».

CHIESA DEI MARTIRI. Lo scorso ottobre è cominciata la costruzione di una chiesa a loro dedicata: la chiesa dei Martiri. Verrà costruita nel villaggio di Al-Awar, nel distretto di Samalout, a 25 chilometri da Minya, dove i cristiani sono stati pesantemente perseguitati dagli estremisti islamici soprattutto nel 2013. La prima pietra del tempio, che costerà in tutto 10 milioni di lire egiziane (1 milione di euro circa), era stata posata l’1 aprile.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Fabio says:

    Come tra gli 800 martiri di Otranto canonizzati da Papa Benedetto XVI nel giorno delle sue dimissioni. : c’era un musulmano , uno dei boia, convertitosi vedendo la fede dei martiri cristiani.
    Battesimo di sangue.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

Dal 2019 la Dorna organizzerà la Moto-e World Cup, primo Campionato mondiale con mezzi ad alimentazione elettrica. Le moto saranno le italianissime Energica

L'articolo Moto-e World Cup il mondiale è elettrico proviene da RED Live.

3.500 km dalla Finlandia all’Italia accompagnati da una costante tormenta di neve insegnano qualche trucco su come affrontare il bianco manto invernale. La tecnologia moderna applicata alle auto aumenta la sicurezza ma la differenza la fa sempre chi guida.

L'articolo Guida sulla neve – Consigli per guidare in sicurezza proviene da RED Live.

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download