Google+

Libia. Tra i 21 cristiani martiri sgozzati dall’Isis c’era un musulmano convertito

febbraio 16, 2016 Leone Grotti

A un anno dalla strage, padre Greiche, portavoce della Chiesa cattolica in Egitto, ha confermato che un uomo del Ciad «vedendo i cristiani ha voluto diventare martire come loro»

taz-copti-cristo

Preghiere, incontri e Messe in suffragio culminanti in una liturgia solenne. Così questa settimana la Chiesa copto-ortodossa ricorda il primo anniversario del martirio di 21 cristiani egiziani, sgozzati dall’Isis in Libia. Il video della loro barbara uccisione è stato diffuso il 15 febbraio 2015 dai jihadisti.

GIÀ CANONIZZATI. Come ricordato l’anno scorso a tempi.it da Anba Macarius, vescovo copto-ortodosso di Minya, il governatorato egiziano da cui proveniva la maggior parte dei 21 cristiani assassinati, nel filmato degli islamisti si vede chiaramente che prima di morire i cristiani professano la loro fede pregando con queste parole: «Ya Rabbi Yasou, Signore Gesù Cristo». Per questo motivo sono già stati canonizzati dalla Chiesa copto-ortodossa e anche papa Francesco ha dichiarato: «Il loro sangue testimonia Cristo. Oggi la Chiesa è la Chiesa dei martiri».

«IL MARTIRIO PIÙ GRANDE». Il vescovo di Minya ha aggiunto: «Pronunciando il nome di Gesù Cristo prima di essere uccisi, hanno confermato di essere morti da cristiani, in nome della loro fede e fedeli fino all’ultimo secondo. Così hanno meritato il Regno dei cieli, come sta scritto nell’Apocalisse: “Sii fedele fino alla morte e ti darò la corona della vita”. Questo è il più grande caso di martirio cristiano del nostro tempo».

IL MUSULMANO CONVERTITO. Tra i 21, c’era anche un uomo musulmano proveniente dal Ciad, che si è convertito al cristianesimo prima di morire «vedendo la fede testimoniata dai cristiani copti». La notizia si era diffusa ad aprile dell’anno scorso, ma ora è stata confermata da padre Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana: «Ha trovato la fede quando ha visto la faccia degli altri cristiani egiziani, che lui non voleva abbandonare. Ha voluto diventare un martire come loro».

CHIESA DEI MARTIRI. Lo scorso ottobre è cominciata la costruzione di una chiesa a loro dedicata: la chiesa dei Martiri. Verrà costruita nel villaggio di Al-Awar, nel distretto di Samalout, a 25 chilometri da Minya, dove i cristiani sono stati pesantemente perseguitati dagli estremisti islamici soprattutto nel 2013. La prima pietra del tempio, che costerà in tutto 10 milioni di lire egiziane (1 milione di euro circa), era stata posata l’1 aprile.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Fabio scrive:

    Come tra gli 800 martiri di Otranto canonizzati da Papa Benedetto XVI nel giorno delle sue dimissioni. : c’era un musulmano , uno dei boia, convertitosi vedendo la fede dei martiri cristiani.
    Battesimo di sangue.

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

È una ribelle per tradizione. In un mondo dove tutto viene racchiuso e catalogato entro rigidi schemi, la nuova Suzuki Swift non tradisce lo spirito del precedente modello e scardina, ancora una volta, l’esistente. Non è infatti una city car, dato che con una lunghezza di 3,84 metri risulta più grande rispetto a una Fiat […]

L'articolo Prova Suzuki Swift 1.0 BoosterJet SHVS proviene da RED Live.

COSA: MADESIMO FREERIDE FESTIVAL, tutto il bello del FR   DOVE E QUANDO: Skiarea Valchiavenna di Madesimo, 24-26 marzo Un finale di stagione dedicato ai puristi del freeride così come a tutti gli appassionati di montagna a 360 gradi, che potranno essere protagonisti di una grande festa a base di proiezioni video, après ski, freeride clinics […]

L'articolo RED Weekend 24-26 marzo, idee per muoversi proviene da RED Live.

Théoule-Sur-Mer (Francia) – Voglia di moto? Il nuovo Ducati Monster 797 sembra fatto apposta. Progettato per chi delle due ruote ama il senso di libertà, l’approccio facile, il peso contenuto e la facilità di guida. E ispirato senza mezzi termini ai primi Monster “piccoli”, a partire dal 600 lanciato nell’ormai lontano 1994. Il 797 deve […]

L'articolo Prova Ducati Monster 797 proviene da RED Live.

L’inversione di tendenza è sotto gli occhi di tutti. Dopo un periodo di splendore, in cui sono state scelte da una gran quantità di famiglie, le monovolume stanno inesorabilmente passando di moda. Per molti potrebbero essere ancora una scelta valida – a volte anche la migliore – ma SUV e crossover hanno messo da tempo […]

L'articolo Vista e toccata – Opel Crossland X proviene da RED Live.

Ci sono le moto da gara derivate da quelle di serie e le moto di serie derivate da quelle da gara. La differenza non è sottile, implica una filosofia progettuale completamente diversa. Il secondo caso è quello che ha dato vita alla Aprilia RSV4, moto studiata prima dal Reparto Corse per correre nella Superbike con […]

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF 2017 proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana