Google+

Libia. Tra i 21 cristiani martiri sgozzati dall’Isis c’era un musulmano convertito

febbraio 16, 2016 Leone Grotti

A un anno dalla strage, padre Greiche, portavoce della Chiesa cattolica in Egitto, ha confermato che un uomo del Ciad «vedendo i cristiani ha voluto diventare martire come loro»

taz-copti-cristo

Preghiere, incontri e Messe in suffragio culminanti in una liturgia solenne. Così questa settimana la Chiesa copto-ortodossa ricorda il primo anniversario del martirio di 21 cristiani egiziani, sgozzati dall’Isis in Libia. Il video della loro barbara uccisione è stato diffuso il 15 febbraio 2015 dai jihadisti.

GIÀ CANONIZZATI. Come ricordato l’anno scorso a tempi.it da Anba Macarius, vescovo copto-ortodosso di Minya, il governatorato egiziano da cui proveniva la maggior parte dei 21 cristiani assassinati, nel filmato degli islamisti si vede chiaramente che prima di morire i cristiani professano la loro fede pregando con queste parole: «Ya Rabbi Yasou, Signore Gesù Cristo». Per questo motivo sono già stati canonizzati dalla Chiesa copto-ortodossa e anche papa Francesco ha dichiarato: «Il loro sangue testimonia Cristo. Oggi la Chiesa è la Chiesa dei martiri».

«IL MARTIRIO PIÙ GRANDE». Il vescovo di Minya ha aggiunto: «Pronunciando il nome di Gesù Cristo prima di essere uccisi, hanno confermato di essere morti da cristiani, in nome della loro fede e fedeli fino all’ultimo secondo. Così hanno meritato il Regno dei cieli, come sta scritto nell’Apocalisse: “Sii fedele fino alla morte e ti darò la corona della vita”. Questo è il più grande caso di martirio cristiano del nostro tempo».

IL MUSULMANO CONVERTITO. Tra i 21, c’era anche un uomo musulmano proveniente dal Ciad, che si è convertito al cristianesimo prima di morire «vedendo la fede testimoniata dai cristiani copti». La notizia si era diffusa ad aprile dell’anno scorso, ma ora è stata confermata da padre Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana: «Ha trovato la fede quando ha visto la faccia degli altri cristiani egiziani, che lui non voleva abbandonare. Ha voluto diventare un martire come loro».

CHIESA DEI MARTIRI. Lo scorso ottobre è cominciata la costruzione di una chiesa a loro dedicata: la chiesa dei Martiri. Verrà costruita nel villaggio di Al-Awar, nel distretto di Samalout, a 25 chilometri da Minya, dove i cristiani sono stati pesantemente perseguitati dagli estremisti islamici soprattutto nel 2013. La prima pietra del tempio, che costerà in tutto 10 milioni di lire egiziane (1 milione di euro circa), era stata posata l’1 aprile.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Fabio scrive:

    Come tra gli 800 martiri di Otranto canonizzati da Papa Benedetto XVI nel giorno delle sue dimissioni. : c’era un musulmano , uno dei boia, convertitosi vedendo la fede dei martiri cristiani.
    Battesimo di sangue.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download