Google+

Le tre fasi della strategia Usa per «distruggere lo Stato islamico»

settembre 9, 2014 Redazione

Alcuni ufficiali hanno spiegato al New York Times cosa occorre fare per debellare la minaccia del califfato. Non può essere un’operazione a breve termine

«Siamo in grado di distruggere lo Stato islamico», ha dichiarato il segretario di Stato americano John Kerry la scorsa settimana al summit della Nato in Galles. In attesa del discorso alla nazione in cui Barack Obama mercoledì spiegherà che non ci sarà nessuna riedizione della guerra irachena ma che gli Stati Uniti si impegneranno per sconfiggere i terroristi islamici, alcuni ufficiali hanno spiegato in modo anonimo al New York Times cosa serve per debellare la minaccia del califfato.

BOMBARDAMENTI E ADDESTRAMENTO. La prima fase è già in atto: una campagna di bombardamenti aerei per proteggere le minoranze religiose ed etniche e il personale diplomatico, militare e di intelligence americano. Per costringere i soldati dello Stato islamico a indietreggiare, gli Stati Uniti hanno già condotto 145 attacchi nell’ultimo mese.
La seconda fase, che dovrebbe cominciare dopo la formazione di un nuovo ed inclusivo governo iracheno, prevede l’addestramento, la formazione e l’equipaggiamento dell’esercito iracheno, che dovrà comprendere anche soldati curdi e possibilmente membri delle tribù sunnite, molte delle quali oggi appoggiano il califfato.

LA FASE PIÙ DELICATA. Infine, sarà necessario distruggere le basi principali dei terroristi fino in Siria. Questa operazione, la più difficile e delicata, secondo ufficiali del Pentagono non riguarderà più l’amministrazione Obama visto che tutta la campagna dovrebbe durare non meno di 36 mesi. La scorsa settimana Antony Blinken, il vice consulente del presidente americano sulla sicurezza nazionale, ha dichiarato alla Cnn: «Servirà tempo per sconfiggerli, probabilmente l’operazione durerà più del mandato dell’attuale amministrazione».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Cisco says:

    Mi preoccupa la seconda fase, sia perché finora gli USA non sono mai riusciti ad addestrare il personale locale sia perché ci sono troppe divisioni sul campo. Ricostruire e’ sempre più difficile che bombardare, e senza un reale accordo per il controllo del territorio con i paesi più influenti dell’area temo che sarà dura.

  2. Valentina says:

    Ben venga qualsiasi soluzione che possa veramente sconfiggere la folle avanzata islamica.

  3. Filippo81 says:

    Sinceramente non credo più a quello che dicono i vertici americani,hanno imparato anche loro l’arte della dissimulazione, in perfetto stile islamista.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi