Google+

Le carte che scagionano Farina: ha salvato vite umane e non ha preso compensi per sé. La testimonianza giurata di Pollari

settembre 16, 2014 Redazione

Renato Farina non è l’agente Betulla, non è mai stato pagato dal Sismi, non ha mai svolto alcun servizio di intelligence. Ecco cosa ha detto il generale a capo del Sismi alla Camera dei deputati

Le carte dicono: Renato Farina non è l’agente o la fonte Betulla, non è mai stato pagato dal Sismi né da alcun servizio di intelligence; su richiesta delle autorità di governo ha svolto compiti umanitari per liberare ostaggi in Iraq essendo determinante in alcuni casi; non ha copiato o confezionato dossier con notizie atte alla disinformazione.
Presentiamo qui la testimonianza scritta del generale Nicolò Pollari, resa impegnando il proprio onore di uomo e di militare alla Commissione d’indagine della Camera dei deputati richiesta dallo stesso Farina (giurì d’onore) nel 2010, e oggi disponibile dopo che è stata depositata al Consiglio regionale lombardo dell’Ordine dei giornalisti, lo scorso 3 settembre, in concomitanza con l’udienza dove si è deciso all’unanimità di restituire la tessera di giornalista professionista all’ex vicedirettore di “Libero”.
Sono passati più di 8 anni dall’5 luglio 2006, quando esplose il caso Abu Omar. Per quella vicenda Farina fu incriminato per favoreggiamento personale e sospeso dall’Ordine dei giornalisti per un anno, quindi patteggiò 6 mesi di reclusione immediatamente convertiti in una multa di 6500 euro e si dimise dall’Albo. Poi fu radiato, pur non essendo più iscritto, e per evidente illegittimità questa sentenza fu cassata dalla Cassazione nel 2011.
Farina sostiene di aver deciso di patteggiare e di dimettersi non potendo chiamare a sua difesa chi conosceva perfettamente l’origine e i termini del suo coinvolgimento nella vicenda, essendo vincolato dal segreto di Stato. In particolare il direttore del Sismi, servizio segreto militare, generale Nicolò Pollari, poté esprimersi sotto segreto solo con il Copaco, l’organismo parlamentare di controllo dei servizi segreti. Richiesto di una testimonianza al Giurì d’onore, Pollari – senza uscire dai perimetri consentiti dalla legge – ha dunque depositato risposte precise a domande precise.
Le sue parole, finalmente attingibili, acquistano valore morale e storico dirimente sul caso Farina  dopo che il 14 gennaio 2014 la Corte costituzionale ha accolto il ricorso del Governo Italiano sul Segreto di Stato, riconoscendo che in ogni caso Pollari e il Sismi hanno agito per l’esclusivo interesse del popolo italiano, avendo salvaguardato la “salus rei publicae”. 

All’Onorevole Professor Rocco Buttiglione,
Presidente della Commissione d’indagine
richiesta dal deputato Renato Farina

Onorevole Presidente, mi pregio presentare all’autorevole Commissione da lei guidata le risposte alle domande postemi dall’onorevole Renato Farina, in merito a vicende di cui ho avuto ed ho contezza per diretta esperienza. Esse saranno necessariamente laconiche essendo molti di questi temi coperti dal segreto di Stato. Mi esprimerò, dunque, nei limiti in cui l’Autorità di Governo mi ha sempre autorizzato a riferire. Reputo, peraltro, che quanto comunicherò qui sia sufficiente a rappresentare la realtà dei fatti con una testimonianza sulla quale impegno il mio onore.

Domanda. Signor Generale! Lei è stato direttore del SISMI, può raccontare, nei limiti impostile dal rispetto del segreto di Stato, quale sia  stato il rapporto tra l’organo da lei diretto e Renato Farina a quel tempo vice direttore di “Libero”?
Risposta. Il dottor Renato Farina su invito dell’Autorità politica competente, dinanzi a problematiche drammatiche in cui erano coinvolti cittadini italiani sequestrati in scenari di guerra, ha accettato di fornire un contributo utile alla soluzione di questi casi, mettendosi disinteressatamente a disposizione di quell’Autorità ed esponendosi anche a gravi rischi. Non mi risultano motivazioni diverse da pure ragioni umanitarie. Ripeto: il coinvolgimento del dottor Farina nasce da una richiesta precisa delle Autorità perché mettesse a disposizione le sue conoscenze. Non mi risulta che in alcun modo ciò abbia potuto indurre alcun coinvolgimento né alcuna equivoca concezione della professione giornalistica. Soggiungo che il dottor Farina non è mai stato collaboratore del SISMI. Egli ha “fiancheggiato” talune iniziative per conto dell’Autorità di Governo. 

Domanda. Da quali intenti Renato Farina ritiene sia stato mosso, considerando i colloqui avuti con lui e i suoi comportamenti in relazione ai fatti per i quali è stato richiesto il suo coinvolgimento?
Risposta. Mi sono convinto, per i contegni tenuti in quelle contingenze, che lo spirito che lo ha animato – non sono in grado di entrare ovviamente nella sua mente – sia legato ai suoi intimi convincimenti e al suo modo di pensare in conformità all’articolo 52 della Costituzione dove si afferma che “La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino”.

Domanda. E’ corretto che Farina sia stato definito “meglio noto come agente Betulla”?
Risposta. No, Farina non è l’agente Betulla, e non è mai stato una fonte del SISMI. L’appellativo Betulla riguarda situazioni e soggetti diversi. Betulla dunque non è mai stato il dottor Farina. Ho già chiarito dinanzi al Parlamento sin dall’agosto del 2006 questi fatti (audizione COPACO), e le circostanze che hanno indotto a questa deformazione dei fatti. Sono pervenuto al convincimento che le dichiarazioni rilasciate dal dottor Farina in sede processuale siano state alimentate da una duplice esigenza. Innanzitutto e prioritariamente quella di non compromettere dal punto di vista etico e morale un’attività segreta, benemerita e nota ai competenti organi governativi, volta a conseguire obiettivi di sostegno e di solidarietà a cittadini italiani e non italiani in circostanze drammatiche. Per altro verso queste dichiarazioni  dipendenti invece da una volontà contingente di  attenuare conseguenze processuali assai verosimilmente probabili in un momento in cui l’alta suggestione mediatico-giudiziaria avrebbe potuto arrecare nel breve-medio periodo esiti non coerenti con la realtà dei fatti. Riferisco tale opinione considerando anche i successivi sviluppi giudiziari che lo hanno visto patteggiare accettando una pena per favoreggiamento esauritasi in una erogazione pecuniaria. Sono dell’avviso che solo la sua situazione famigliare, e il conseguente computo dei costi-benefici, lo abbiano indotto a risolvere il suo contenzioso con la giustizia nei termini noti.

Domanda. Farina può essere qualificato come “informatore dei servizi segreti da giornalista”?
Risposta. Come già detto, no, nel modo più assoluto. Non può essere definito così né nella forma né nella sostanza.

Domanda. Le risulta che il dottor Farina abbia “costruito e pubblicato dossier falsi”?
Risposta. Per quanto è a mia conoscenza posso sicuramente riferire di no – rigorosamente di no! Non ha né costruito né ha propalato dossier falsi.

Domanda. A Lei risulta che il coinvolgimento di Renato Farina abbia avuto per motivo e/o si sia risolto in un “attentato alle istituzioni democratiche”?
Risposta. Per quanto a mia conoscenza, rigorosamente no. È esattamente vero il contrario. Sia nelle vicende dei sequestri in Iraq sia successivamente, l’intento è stato quello di salvaguardare vite umane e tutelare istituzioni democratiche.

Domanda. Corrisponde al vero che Farina sia stato “a libro paga” del SISMI o comunque abbia ricevuto compensi dalla struttura da Lei diretta?
Risposta. Il dottor Farina non ha mai ricevuto compensi in denaro. Le evidenze documentali che gli sono state contestate non riflettono erogazioni a lui dirette.

Domanda. La collaborazione di Farina ha contribuito alla liberazione di sequestrati in scenari di guerra?
Risposta. Sicuramente, anche sulla base di prove documentali, devo rispondere di sì. Ciò è perfettamente noto anche alle competenti Autorità di Governo.

Domanda. Questa attività lo ha esposto e lo espone tuttora a rischi per l’incolumità sua e della sua famiglia?
Risposta. In piena coscienza sono convinto di sì.

In fede
Generale Professor Nicolò Pollari
Magistrato del Consiglio di Stato

Roma, 17 febbraio 2010

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

13 Commenti

  1. Leo Aletti scrive:

    Caro Renato, il testimoniare la verità si paga e molti anche amici di defilano. Io sono convinto che hai guadagnato “punti paradiso”.

  2. Leo Aletti scrive:

    Caro Renato, il testimoniare la verità si paga e molti anche amici si defilano. Io sono convinto che hai guadagnato “punti paradiso”.

  3. Ennio scrive:

    Toghe Rosse cercherà cmq di annientare Farina e tutti quelli non allineati al pensiero unico…povera Italia, in balia di magistrati militanti e di un’ideologia che pensavamo fosse caduta insieme al muro di Berlino.

    • giuliano scrive:

      caro Ennio, l’ideologia rossa è ufficialmente caduta con il muro di Berlino (1989), ma in Italia gli adepti della setta sono la maggioranza della popolazione e sono stati abituati a vivere con il voto di scambio e non con il lavoro (da loro sempre aborrito e combattuto). Pertanto prima che gli effetti della ideologia scompaiano dall’orizzonte, questa generazione deve scomparire ma ciò non basterà perchè la generazione seguente avrà il germe della setta inoculato ai giovani di oggi dalla scuola. Basta leggere i post di persone come Filomena per rendersene conto

  4. Orazio Pecci scrive:

    “Hurrah!” said Coggan, with a swelling heart. “God’s above the devil yet!”

  5. giuliano scrive:

    se anche uno fosse a libro paga dei nostri servizi segreti al fine di collaborare per incastrare un mortale nemico terrorista, ebbene costui dovrebbe essere ammirato, ma poichè il nemico terrorista era islamico allora Farina diventa uno da criminalizzare poichè ne consegue che il terrorista islamico è amico della sinistra, e siccome questa collabora con gli islamici e comanda in Italia allora la magistratura rossa fa inchieste e condanne e l’ordine dei giornalisti (a trazione rossa) fa altrettanto. Risultato finale: un cittadino onesto viene incastrato e incriminato. Colpevoli di questo schifo sono certamente i vermi rossi ma anche quel 40% di popoli italiano che continuamente li vota

  6. beppe scrive:

    a furia di sentire ripetere le accuse contro renato farina anche un simpatizzante di tempi finirebbe per convincersi. è vergognosa la ragnatela di menzogne che avvolge chi non è gradito al vero potere che soffoca il nostro paese.

  7. luca scrive:

    Toh, guarda guarda che prima o poi la Verità esce allo scoperto.

    Che begli anni sereni deve aver passato il Dottor Farina…

    C’è bisogno di gente così, disinteressata e pervasa da un altissimo senso dello Stato.

    Chissà cosa ne pensano quelli di Repubblica: loro preferiscono mandare gente come la Sgrena
    e poi pretendere che lo Stato magicamente le salvi( e passi se poi qualcuno dei servizi muore…)

    L’ordine dei giornalisti ha perso l’ennesima volta la faccia di fronte a queste parole di Pollari.
    Mi chiedo che senso abbia nel 2014 avere ancora questa corporazione

  8. Kan63 scrive:

    Effettivamente manca il post di tale FILOMENA assidua commentatrice di questo sito (ma non in questo caso) che tanto si é premurata di incollare come commento al primo articolo di rientro ufficiale di Renato Farina in questo giornale, una vistosa sintesi di tutte le accuse (alla luce di questa testimonianza finalmente false) che in questi anni gli sono state mosse.

  9. viccrep scrive:

    il problema è che nessuno paga per queste scellerate azioni compiute contro Farina.
    Si quelli dell’ordine dei giornalisti è bene che cambino coscienza e mestiere

  10. recarlos79 scrive:

    mi ricordo all’epoca uno scontro televisivo tra farina e il giornalista e professore roidi, uno di quelli che dall’alto della commissione dell’ordine dei giornalisti puntava il dito e lo accusava di chissà quali nefandezze.

  11. beppino scrive:

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana