Google+

Lavorare sì, ma non in agosto

giugno 23, 1999 Lauzi Bruno

Lettera a tempo

Il Comune di Bollate, alle porte di Milano, è disperato: deve sistemare due sue scuole, la scuola elementare e l’asilo, che hanno bisogno di interventi urgenti; c’è da rifare i bagni, abbattere le barriere architettoniche, rifare gli impianti igienici e rinfrescare gli intonaci. Un lavoro di tre mesi, a detta dei tecnici, ovviamente fattibile solo nel periodo di chiusura, tra la fine di un anno scolastico e l’inizio del successivo. Ma il bando relativo alla gara è caduto nel nulla: un lavoro da un miliardo e mezzo non interessa nessuno! O meglio, letto il bando, le imprese da tutte le parti d’Italia si sono fatte vive, ma appena hanno saputo le condizioni, si sono ritirate. Già, le condizioni: nei tre mesi necessari per completare il contratto c’è purtroppo anche il mese di agosto, e nessuno vuol lavorare ad agosto, né i muratori, né gli idraulici, né gli elettricisti, nessuno. In quanto poi agli approvvigionamenti – così hanno obiettato alcune ditte – si troverebbero poi chiusi per ferie anche i fornitori. Insomma dal 12 giugno al 12 settembre l’Italia va in ferie, alla faccia della disoccupazione e della povertà crescente. Segnale chiaro di come andrà a finire. Andrà a finire che si avvererà quello che solo un bello spirito avrebbe potuto pensare: la barzelletta che racconta di quel corteo di disoccupati che sfila per le vie di una città coi soliti tamburi, fischietti e cartelli d’ordinanza con su scritto: “pane e lavoro”. Mentre il corteo sfila davanti a delle botteghe da una di queste il padrone apostrofa il primo giovane col cartello che gli capita a tiro e gli dice: “Giovanotto, se vuoi lavorare entra: il mio garzone è partito ieri per il militare e io non so come fare…”. E il giovane inviperito gli risponde: “Ma porca miseria, con tanta gente che stava sfilando lei proprio a me doveva venire a cercare?” – che finale divertente, ah, ah, ah! Parafrasando Aiazzone: “Aspettare per credere!”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 2018, come eravamo proviene da RED Live.

Anche i nobili, alle volte, sentono il bisogno di rinnovarsi. Si aggiorna così la Range Rover Sport, una delle SUV più blasonate e raffinate al mondo. A quattro anni dall’unveiling avvenuto al Salone di New York, la sport utility britannica beneficia di un profondo facelift estetico e di sostanza. Al punto da portare al debutto […]

L'articolo Range Rover Sport 2018: prima in tutto proviene da RED Live.

Sono universali, adatti alla guida d’estate e al tempo stesso a norma di legge ed efficaci anche d’inverno. Ecco quali sono, quanto costano e che vantaggi promettono i migliori pneumatici all season.

L'articolo Pneumatici quattro stagioni, la guida all’acquisto proviene da RED Live.

Dal 15 novembre è obbligatorio adottare pneumatici specifici per la stagione fredda. Ecco tutto quello che c'è da sapere per viaggiare in sicurezza e scegliere tra modelli invernali, quattro stagioni o chiodati.

L'articolo Pneumatici invernali, dieci cose da sapere proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download