Google+

La procura di Trani indaga sulla correlazione tra vaccini e autismo. La conoscono la storia del Dr Wakefield?

marzo 24, 2014 Emmanuele Michela

Il medico britannico studiò nel ’98 i legami tra vaccini trivalenti e disturbi dell’autismo, ma le sue ricerche risultarono sospette e la rivista Lancet ritirò l’articolo.

Da dove nasce la correlazione tra vaccino trivalente Mpr e l’insorgere dell’autismo? Il presunto legame che ci sarebbe tra le immunizzazioni che vengono somministrate ai bambini e l’insorgere di alcune patologie è finito sotto l’occhio della Procura di Trani, che ha aperto un’indagine sulla vicenda in seguito alle denuncia di una coppia di genitori: questi ultimi sostengono che i loro figli siano diventati autistici proprio in seguito a una vaccinazione. E così, l’argomento della reale sicurezza degli antidoti che rientrano nel piano di prevenzione nazionale torna d’attualità, stimolando, come negli Usa, le ansie di tanti genitori preoccupati per il futuro dei loro bambini.

LO STUDIO DI WAKEFIELD. Secondo le attuali conoscenze scientifiche non esiste un collegamento tra l’autismo e i vaccini. La psicosi è cominciata nel 1998 in Gran Bretagna, dove il medico Andrew Wakefield pubblicò su una delle riviste leader della medicina mondiale, Lancet, uno studio che metteva a fuoco le presunte connessioni. Il caso è ricostruito bene dal blog di Salvo Di Grazia, Medbunker: furono eseguite biopsie su 12 bambini con disturbi intestinali e del comportamento, di cui 10 di loro erano autistici, e si arrivò a trovare su di loro segni di infiammazione intestinale. Otto di loro, dichiararono i genitori, avevano sviluppato le rispettive malattie in seguito ad una vaccinazione per morbillo, parotite e rosolia. Insomma, nella ricerca era dichiarato chiaro e tondo che servivano ulteriori approfondimenti e che non esisteva un legame tra vaccini e autismo.

MANCAVANO I CONFRONTI. Ciò nonostante, Wakefield iniziò a sostenere che la correlazione era probabile e consigliò di sospendere le vaccinazioni sotto accusa. Il sasso era stato lanciato, lo stagno di giornali e tv amplificò le teorie del medico: nel giro di poco tempo le percentuali di bambini immunizzati scesero dal 93 al 75 per cento e, di contro, nel giro di dieci anni i casi di morbillo passato da 56 (1998) a 1348 (2008). Col tempo, però, emerse che il suo studio aveva numerose lacune: le biopsie fatte sui bambini malati non avevano avuto confronti con altre su soggetti non malati, né su bambini non vaccinati. Insomma, non c’era stata un’accurata analisi scientifica: nel 2002, poi, un assistente di Wakefield sbugiardò le sue analisi e chiese di rimuovere il suo nome dallo studio, e di lì a poco altri 10 dei 12 coautori fecero lo stesso. E quando anche altre ricerche tentarono di arrivare alle conclusioni del medico inglese senza riuscirvi, Lancet ritirò l’articolo di Wakefield, che si ritrovò soffocato dalle sue stesse ricerche e radiato così dall’ordine dei medici.

I BREVETTI PER I 3 VACCINI SEPARATI. Le indagini su Wakefield fecero emergere i contatti con un avvocato britannico, che rappresentava alcune famiglie con figli autistici: ciò che era stato chiesto a Wakefield era proprio scoprire correlazioni tra vaccini e l’insorgere di questi disturbi, poiché il legale stava per far partire una causa contro alcune case farmaceutiche. Dietro a questo accordo, 500mila sterline versate dall’avvocato al medico: Wakefield, davanti alla pistola fumante, fu costretto ad ammettere. Con un ulteriore particolare che emerse col tempo: quando il medico se ne uscì nel ’98 con il suo studio che incolpava le vaccinazioni, l’invito che rivolgeva alle famiglie era di evitare le immunizzazioni trivalenti o, in alternativa, di procedere attraverso i singoli vaccini. Questi non erano in commercio in Gran Bretagna, né in produzione: ma Wakefield aveva già brevettato un sistema per colmare la lacuna.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. mike scrive:

    la procura di trani spero non sia in malafede. è bene vigilare sui vaccini e sulle cose che si mangiano. cose su cui qualche perplessità ce l’ho. non si deve favorire il morbillo ma evitare che i vaccini oltre ad essere utili possano essere dannosi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana