Google+

La Francia studia una nuova legge per vietare i simboli religiosi anche nelle aziende private

maggio 30, 2013 Leone Grotti

Il nuovo disegno di legge permetterebbe ai datori di lavoro privati di impedire ai dipendenti di portare addosso simboli religiosi

Il disegno di legge del partito Ump sarà discusso settimana prossima e ha come obbiettivo di rendere ancora più aggressiva la laicità in Francia. Il testo depositato da Christian Jacob, e firmato da oltre cento deputati del gruppo parlamentare di destra, vuole modificare il Codice del lavoro e permettere ai datori di lavoro privati di impedire ai dipendenti di portare addosso simboli religiosi, facendo così rispettare una rigida interpretazione del concetto “neutralità religiosa”.

CROCIFISSI VIETATI. La Francia ha già vietato l’esposizione di simboli religiosi in tutti gli uffici pubblici e alle donne musulmane, ad esempio, è vietato di portare il velo in pubblico così come i cristiani non possono indossare catenine con il crocifisso. Ora si vuole permettere anche alle aziende private di imporre le stesse regole.

NEUTRALITÀ O ELIMINAZIONE? Molti deputati dello stesso Ump hanno protestato: «Si rischia di sbandare e arrivare a una stigmatizzazione non solo dell’islam ma anche di tutte le altre religioni», ha dichiarato Jean-Frédéric Poisson. Secondo altri la «neutralità religiosa non deve coincidere con l’eliminazione di tutti i simboli religiosi».

PARIGI COME ISLAMABAD. Che la laicità in Francia sia troppo «aggressiva» è stato già constatato quest’anno perfino dagli Stati Uniti, che per la prima volta hanno inserito proprio il paese guidato da Francois Hollande tra quelli che violano la libertà religiosa. In compagnia di Cina, Arabia Saudita, Iran, Pakistan e altri, Parigi è stata accusata di «non permettere alle persone religiose di esprimere a pieno la propria fede». La Francia rientra inoltre tra quei 15 paesi europei che, con diverse leggi, violano la libertà di espressione e coscienza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. giuliano says:

    l’unico simbolo religioso ammesso sul pianeta è il logo di Che Guevara

  2. Dado says:

    Aaaaah cara redazione, vedo che per fortuna non guardi quegli stupendi programmi di intrattenimento della nostra cara Rai (è italiana la Rai, non te ne fossi accorta). Altrimenti avresti potuto ammirare che già da qualche anno gli intrattenitori dei giochi televisivi ( ce n’è uno in particolare con barba e baffi ) quando lanciano la sorte con la monetina chiedono ai concorrenti:” …… testa o non testa?” ….. Non testa? A Roma direbbero ” … se son magnati aa croce!”
    Eh si! Noi in Italia siamo più avanti!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download