Google+

La Francia non vuole più mamma e papà, ma genitore 1 e 2

ottobre 18, 2012 Redazione

Il 31 ottobre sarà presentato un progetto di legge per permettere il matrimonio e l’adozione alle coppie omosessuali. Un articolo di Giorgio Israel sulla questione

Francia. Il 31 ottobre sarà presentato nel Consiglio dei ministri un progetto di legge su “matrimonio e adozione per tutti”. un modo, nemmeno troppo nascosto, per permettere il matrimonio e l’adozione anche alle coppie omosessuali. Al suo interno, infatti, sono contenuti gli articoli III “Disposizioni che mirano a rendere coerente il vocabolario del codice civile”, V “Marito e moglie sono sostituiti dal termine sposi” e VII “Padre e madre sono sostituiti dal termine genitori”. Inosmma, non ci sarà più “mamma” e papà”, ma genitore 1 e 2.

L’idea del premier francese Hollande ricalca quella di qualche anno fa dello spagnolo zapatero. Anche allora il progetto era quello di sostituire ai termini “papà” e “mamma” i più generici “genitore A e B”. A questo proposito, depurato degli inevitabili riferimenti alle cronache di allora, ripubblichiamo un articolo del professore Giorgio Israel, cha apparve sul settimanale nel marzo 2007.

Disprezzano la “famiglia Mulino Bianco” e ne fanno una uguale (ma contro natura)

Nelle discussioni sul disegno di legge Dico, ogni tanto esce fuori qualcuno che, con un sorrisino supponente, ironizza sulle “famiglie del Mulino Bianco”. Se però si parla delle coppie di fatto la solfa cambia. La faccia si ricompone in un atteggiamento serio che ammonisce a portare rispetto. E allora lo voglio dire chiaro e forte alla faccia del cretino di turno: la “famiglia del Mulino Bianco” mi piace, magari con altri biscotti, ma mi piace, e non c’è proprio niente da fare i sarcastici. La “famiglia del Mulino Bianco”, magari con qualche strillo tra un biscotto e l’altro, è una delle cose che danno più senso alla vita; e non invidio chi non lo capisce.

Non mi piace affatto quel che c’è dietro questa snobistica puzza sotto il naso. Mi fa venire in mente una persona che difendeva la riforma di Zapatero – quella che abolisce padre e madre a favore dei “genitori A e B” – dicendo che si tratta di una conquista di giustizia e di uguaglianza che non mette in discussione la libertà di farsi chiamare papà e mamma in casa. Tante grazie per la generosità. In altri termini, la famiglia tradizionale viene trasformata in istituzione clandestina, da coltivare in casa: una sorta di marranismo familiare. Fate pure le parti di mamma e papà in casa, all’aperto siete genitore A e genitore B. Così, prima o poi verrà fuori qualcuno che, in nome del politicamente corretto, se sente per strada un bambino chiamare “mamma” una signora, la denuncerà per discriminazione razziale.

Scorre un fiume di ipocrisia attorno a questo ipocrita e mediocre disegno di legge, che elude la vera questione in gioco: l’introduzione del matrimonio omosessuale. Se così non fosse, qualsiasi problema relativo alle coppie di fatto potrebbe essere risolto per vie ordinarie e senza introdurre nuove forme giuridiche familiari. Qui non si è avuta la forza di porre apertamente la “vera” questione, ma si è dischiuso l’uscio. E allora occorre precisare un paio di cose. La prima è che in una società civile non può essere ammesso che si nutrano sentimenti di ostilità omofobica e di discriminazione sotto qualsiasi forma. La seconda è che non si vede perché chi ha fatto le sue scelte debba pretendere di inquadrarle entro un’istituzione che è per sua natura fondata sull’eterosessualità e finalizzata alla generazione e all’educazione di figli. Dilagano montagne di sciocchezze in merito: che gli animali praticano l’omosessualità o che gli antichi Romani praticavano largamente omosessualità e pederastia. E allora? Non risulta che gli antichi Romani pensassero che si possa essere figli altro che di un padre e di una madre, maschio e femmina. Quel che si omette di dire è che l’umanità ha costruito se stessa sulle strutture di parentela, ovvero sulla discendenza secondo la generazione naturale. Il riconoscersi in una rete di parentela è l’unica forma di identità che l’uomo conosce dalla notte dei tempi. Il matrimonio è un’istituzione che riflette semplicemente questo dato di fatto. Ora si pretende di cambiare tutto questo con un tratto di penna legislativo, come se fosse uno scherzetto; come se i ruoli paterno e materno fossero una balla inventata dai reazionari. Non è in discussione la sacrosanta richiesta di rispetto e di diritti, ma la pretesa di ottenerli scardinando la forma matrimoniale e la struttura di parentela naturale. E non si venga a tirar fuori la storia dei divorzi in aumento. Certo. Ma nessuno parla di quanti si risposano. Alla fin fine la famiglia resta l’obiettivo supremo, anche di chi fa il sarcastico. Chi disprezza compra.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

16 Commenti

  1. gmtubini says:

    @Galvani e i suoi amichetti
    Tu hai finito di combattere la tua battaglia culturale quando hai raccontato la balla del panino “Gods hates Fags” di cui qui ancora ci ricordiamo con somma ilarità, specialmente quando rileggiamo i tuoi deliranti commenti che invii dal tuo auto-esilio su feisbuc, dove ritornano le tue frasette preferite “disonestà intellettuale”, “argomenti etici” e via vaneggiando che tanto ci hanno divertito un tempo.
    Da scompisciarsi, poi, sono i risolini e dal darsi di gomito in stile gay-pride dei tuoi rintronati tirapiedi.
    Non ci abbandonate mai, vi prego!

  2. gmtubini says:

    @Galvani e gaia compagnia
    Scusa caro, ma chi sarebbe lo sconosciuto? Il signor Carlo Gaetano Maria Martinelli che ha ben tre nomi e un cognome? Non credo!
    O forse tu ti rivolgi al sottoscritto (e in questo caso anche “soprascritto”)?
    No, vero? Perché altrimenti dovresti ammettere che finora hai bellamente fatto finta di non leggere i miei commenti e quelli degli altri che da mesi che ti prendono in giro su queste colonne per la tua accertata abitudine a contar balle!
    Eh sì! Sarebbe come ammettere pubblicamente di essere un PUSILLANIME e i tuoi gai ammiratori (che già sono talmente messi male da cliccare “mi piace” sulle panzane che scrive un BUGIARDO certificato come te) ci rimarrebbero male per l’ennesima volta.

  3. gmtubini says:

    Che è successo? Dove diavolo è finito il Galvani da feisbuc? Se l’è data a gambe?

    • carlo says:

      Ma no, è impegnato col nome maio a dare addosso a cl, nell’articolo formigoni, cl e il letame dei giornali, aggiungendo qualche palata di letame in proprio!

      • gmtubini says:

        Il Galvani si è volatilizzato eliminando tutti i suoi commenti inviati attraverso feisbuc…
        Intoniamo contriti il canto funebre:
        Gliè morto un bischero
        tapintapun
        all’ospedale
        tapintapun
        con l’orinale che si versò…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi