Google+

La Francia e il sogno di un islam repubblicano. Un anno dopo, «nessun passo avanti»

agosto 30, 2017 Redazione

Parigi sogna di conciliare la religione di Maometto con i valori della République, ma un anno dopo il lancio dell’ambizioso progetto è ancora al punto di partenza

burkini-ansa

È passato un anno da quando l’allora ministro dell’Interno francese, Bernard Cazeneuve, annunciò la creazione di due fondazioni – una culturale laica, l’altra religiosa – per fare ordine nel composito mondo musulmano francese e arrivare alla nascita di un islam di Francia, un islam repubblicano, che doveva essere la risposta del governo socialista di François Hollande a quanti accusavano la religione di Maometto di essere incompatibile con gli usi e i costumi occidentali. A un anno dal lancio dell’ambizioso progetto, «non è stato fatto nessun serio passo avanti».

Un articolo inviato all’Afp e pubblicato dal Figaro scritto dai senatori Corinne Féret (Ps), Nathalie Goulet (Udi) e André Reichardt (Lr), membri della missione d’informazione sull’organizzazione dell’islam in Francia, spiega che «ad oggi l’associazione del culto, che dovrebbe occuparsi dei finanziamenti, non è ancora uscita dalla fonte battesimale, mentre la fondazione dell’islam francese, a vocazione culturale, non ha degli obiettivi chiari e in ogni caso non ha i mezzi per raggiungerli».

Tra gli obiettivi del progetto socialista c’era quello di controllare l’entità, la regolarità e la provenienza dei fondi stranieri alle diverse comunità musulmane, ma non è stato ancora fatto nulla. Per quanto riguarda la formazione teologica degli imam, nessun corso è ancora stato creato e i 300 imam qualificati presenti sul territorio della République, sono stati formati all’estero. «Queste persone non sanno niente del contesto francese», continuano i senatori. «A Rabat, in Marocco, ci sono imam che affermano di non avere mai visto un ebreo in vita loro. E come si può, ad esempio, parlare di genocidio armeno con imam formati in Turchia?». Infine, la filiera halal non è stata ancora regolamentata con un sistema di tassazione.

Qualcosa in realtà le due fondazioni hanno fatto ma «è troppo poco»: è stata concessa una sovvenzione agli scout musulmani, da ottobre gli imam che entreranno negli ospedali o nelle carceri dovranno avere svolto un corso su quali sono i valori della Repubblica e, infine, sono stati allocati dei fondi a un’associazione che promuova corsi di francese tra migranti e imam. Ma non può bastare. «Dobbiamo dare i mezzi alle comunità musulmane di non essere più ostaggi dei terroristi che deviano l’islam», insistono i senatori, secondo i quali «anche chiudere i luoghi di culto estremisti non basterà a fermare la radicalizzazione».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download