Google+

La destra spiegata bene per una coalizione unita e vincente

giugno 23, 2017 Alessandro Giuli

Per i “patriofobici”, suggerisce Marcello De Angelis in Cosa significa oggi essere di destra, non vale il monito di Simone Weil: «La distruzione del
passato è il delitto supremo»

destra-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Questo numero di Tempi doveva intitolarsi “la Destra spiegata bene” e voleva essere un tentativo di rimettere in questione i fondamentali di una storia incompiuta che va dall’abbandono della casa del Padre (nascita di An nel 1995) alle macerie della casa finiana di Montecarlo (cronaca recentissima). L’occasione è offerta dall’arrivo in libreria di un pamphlet scritto da uno dei protagonisti della pubblicistica post missina, l’ex senatore Marcello De Angelis (Cosa significa oggi essere di destra?, Luigi Pellegrini editore). De Angelis è stato fondatore e direttore della più acuta e durevole rivista della componente sociale aennina, Area. A distanza di alcuni anni dal tramonto di quella esperienza, ha rimesso in fila fatti e misfatti politici e culturali che hanno impresso il marchio dell’incompiutezza al processo di maturazione definitiva d’una destra di governo. Ma che senso ha – ed è l’autore del libro a riconoscerlo per primo – indugiare in una retrospettiva lagnosa o autoassolutoria, oggi che una nuova e forse inattesa possibilità di vittoria si apre davanti a un centrodestra ben ripensato?

Come dimostrano i risultati delle elezioni amministrative, il tripolarismo italiano non nega la necessità di una dialettica tra destra e sinistra; anzi, induce a semplificare il messaggio politico e a modellarlo in una forma massimamente inclusiva. La sinistra (post)renziana già rimpiange i cespugli dell’Ulivo e sta puntando le sue ultime fiches sulla scommessa di strappare a Beppe Grillo quella parte di elettori pentastellati che milita per la cittadinanza globale, l’umanitarismo apolide con frontiere spalancate senza discernimento, il benecomunismo di risulta e l’indifferentismo etico. È la posizione dei “patriofobici”, ovvero coloro che temono e in cuor loro detestano anche soltanto l’idea d’una comunità nazionale radicata in un passato da proteggere, custodire e attualizzare ogni giorno. Per costoro, suggerisce De Angelis, non vale il monito di Simone Weil: «La distruzione del passato è il delitto supremo». E a costoro il centrodestra può ragionevolmente opporre una visione patriottica declinata in senso europeista ma senza complessi d’inferiorità rispetto alle tecnoburocrazie di Bruxelles. Una visione in cui il liberalismo popolare di ascendenza crociana respinge la tirannia dello Stato predatore e onnifacente, afferma “l’amor di Patria” senza cedere al “cinico e stolido nazionalismo”, s’incontra con una destra sociale che esprime un pensiero comunitarista e alimenta quell’orgoglio nazionale che Jean Jaurès definiva «il solo bene dei poveri» sconosciuti alla sinistra elitaria votata alla lotta di genere.

E qui entrano in campo i protagonisti principali: Silvio Berlusconi, che del bipolarismo inclusivo è stato l’artefice principale anche grazie alla originaria e fulminante intuizione chiamata Forza Italia; e Giorgia Meloni, che del post fascismo di governo sopravvissuto alla tempesta degli ultimi anni è l’effigie più credibile e promettente. Tempi li ha intervistati entrambi, ne è nato un dialogo a distanza che ha valicato i confini della “Destra spiegata bene” per diventare un inno-appello all’unità ritrovata, o per lo meno il suo prologo. E Matteo Salvini? Amministra con loro la Liguria e il Lombardo-Veneto, sfida le sinistre e i Cinquestelle nelle consultazioni locali, non dovrebbe temere di mettere i propri consensi al servizio di un progetto comune e vincente. La paura di sbagliare è già un errore.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.