Google+

Ivano Fossati annuncia il ritiro: «Decadancing sarà il mio ultimo disco»

ottobre 3, 2011 Carlo Candiani

Ivano Fossati, ospite della trasmissione tv “Che tempo che fa”, ha annunciato il suo ritiro dalle scene. Dopo quarant’anni di onorata carriera, il cantautore genovese dichiara conclusa la sua attività lasciando i fan nello sconforto. Ma c’è ancora un ultimo disco da promuovere, Decadancing, in uscita tra tre giorni

«Ho pensato, non negli ultimi giorni ma negli ultimi due o tre anni, che questo Decadancing sarebbe stato il mio ultimo disco e non ne registrerò altri e anche il mio prossimo tour sarà l’ultimo». Così ha annunciato la sua decisione di andare in pensione uno degli storici cantautori italiani, Ivano Fossati, ospite di Fabio Fazio nella trasmissione Che tempo che fa. Perché sorprendersi? Perché meravigliarsi se artisti, con quarant’anni di carriera sulle spalle, decidono di comunicare la loro voglia di vivere il resto della loro esistenza senza dovere continuamente confrontarsi con le esigenze dell’industria discografica? Non si può ingannare la storia, né un’inesorabile realtà: quella di musicisti che hanno vissuto una stagione musicale indimenticabile tra la fine degli anni 60 e la seconda metà degli 80 e che ormai da quasi vent’anni non riescono più a piazzare una canzone capace di suscitare l’immaginario collettivo e scalare le classifiche. 

 

Ai più attenti osservatori del panorama musicale nostrano non sono passate inosservate alcune dichiarazioni di colleghi storici dello stesso Fossati: scalpore hanno suscitato quelle di Vasco prima della tournee estiva. Il rocker di Zocca, annunciava la sua scomparsa dai grandi concerti negli stadi, Claudio Baglioni, tra le pieghe di un’intervista, ha confessato che il cantautorato non produce più nulla di memorabile da anni. Una situazione di prosciugamento creativo, che deve essere accettato dal pubblico dei fan come un normale segno del tempo che passa. Gli anni 70 sono stati testimoni di un’attività artistica irripetibile: uscite discografiche con scadenze annuali, collaborazioni e vivacità di ispirazione che hanno segnato, in diretta, la vita di chi ora ha cinquanta/sessant’anni, emozioni che hanno poi trasmesso ai propri figli e nipoti. E tutto questo rimane lì, indelebile nella memoria, nulla ci può togliere la bellezza di un tale catalogo canzonettaro. E adesso, i nostri attempati eroi, cosa stanno facendo?

 

Guccini, senza tanti clamori, si è dato alla letteratura
Baglioni, onnipresente nei “live”, non pubblica un disco di inediti da quasi dieci anni.
Dalla, in forte astinenza di novità, ha riesumato insieme a De Gregori “Banana Repubblic”, datato 1979
Vecchioni si è riciclato al Festival di Sanremo
Cocciante si è dato al musical teatrale
Venditti canta sempre la stessa canzone dal 1988
Ruggeri si è inventato conduttore televisivo
Edoardo Bennato non se lo fila più nessuno da quando, nel 1994, scrisse una canzone contro Di Pietro
De Andrè e Battisti sono assenti per motivi indipendenti dalla loro volontà
Zero è a un passo dal diventare Papa
Battiato è chiuso nella propria incomprensibilità
Vasco, Ligabue, Ramazzotti e Zucchero resistono solo perché di più recente carriera

 

Ecco perché non deve sorprendere l’annunciato passo verso la pensione di Fossati, che, scusate la malizia, ha pensato bene di proclamarlo a tre giorni dall’uscita del nuovo cd. Un’ultima considerazione: quando i grandi cantautori si mostrano al pubblico con i capelli ormai grigi (chi ne ha ancora) non dovremmo dimenticarci che, purtroppo, la giovinezza è passata anche per i loro seguaci della prima ora.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Irene27 says:

    Suscitare nell’immaginario collettivo una fascinazione.
    Fare breccia nell’immaginario collettivo.
    Colpire l’immaginario collettivo.
    Suscitare l’immaginario collettivo non vuol dire nulla. Essere una testata on-line non vuol dire che si abbia il permesso di non conoscere l’italiano.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.