Google+

Iraq. Tomasi: «Stato islamico è contro la famiglia umana». Serve uso della forza «per bloccare o prevenire un genocidio»

settembre 4, 2014 Redazione

Per l’Osservatore permanente della Santa Sede all’Onu è «urgente intervenire». E nel suo intervento di qualche giorno fa è stato esplicito: «Protezione senza efficacia non è protezione»

«È urgente intervenire, prima che sia troppo tardi». Lo dice oggi in un’intervista al Corriere della Sera l’arcivescovo Silvano Maria Tomasi, Osservatore permanente della Santa Sede all’Onu di Ginevra, riferendosi alla situazione in Iraq. Secondo Tomasi «quando i diritti fondamentali di una parte sono violati e le istituzioni locali non possono più proteggerla, allora scatta l’obbligo per la comunità internazionale di fare tutto ciò che può».
Nel corso del colloquio, l’arcivescovo ricorda le parole di papa Francesco su «una risposta umanitaria, che aiuti le popolazioni», ma anche «una risposta politica: per rimuovere le cause di sofferenza e di morte». E questa rimozione prevede l’uso della forza: «Quando si usa la forza per bloccare o prevenire un genocidio o un disastro annunciato – dice Tomasi -, non è che si dichiari guerra: si difende semplicemente il diritto fondamentale alla vita che ha ogni persona. Il cosiddetto Stato islamico si è messo contro la famiglia umana, non contro questo o quel gruppo. Non si tratta di diritti religiosi ma di diritti umani fondamentali. Siamo tutti figli di Dio e la Chiesa ricorda che la famiglia umana ha una responsabilità. I mezzi operativi li deciderà la comunità internazionale attraverso le strutture che si è data, le Nazioni Unite, il Consiglio di sicurezza…».
«Si tratta di cittadini, anche non cristiani», prosegue il diplomatico. «Ed è importante coinvolgere i Paesi della regione: sono loro ad avere l’interesse più immediato a fermare la minaccia di un fondamentalismo che decapita, vende le donne come schiave, uccide e distrugge l’evidenza della storia». «Il consolidamento sul terreno e politico del cosiddetto Califfato diventa una minaccia che va oltre la regione. Pensi alle migliaia di giovani che si sono arruolati da Paesi occidentali e altrove: se poi torneranno a casa, come si comporteranno?».

L’INTERVENTO ALL’ONU. Sul suo blog, il vaticanista dell’Espresso Sandro Magister ha riportato e tradotto l’intervento che lo stesso Tomasi ha pronunciato solo qualche giorno fa all’Onu. Magister lamenta che tale intervento sia stato ignorato dalla stampa. Non ha tutti i torti, anche se, per la verità, il Foglio ne ha parlato. In ogni caso, Magister ha certamente ragione nel segnalare che le parole di Tomasi sono state assai chiare, soprattutto quando, dopo aver descritto la situazione irachena, ha richiamato la necessità di un intervento: «La responsabilità della protezione internazionale, in particolare quando un governo non è in grado di garantire la sicurezza delle vittime, sicuramente si applica in questo caso, e bisogna fare passi concreti con urgenza e decisione per fermare l’aggressore ingiusto, per ristabilire una pace giusta e per proteggere tutti i gruppi vulnerabili della società. Adeguate misure devono essere adottate per raggiungere questi obiettivi».

PROTEZIONE SENZA EFFICACIA. Tomasi ha chiesto una corale condanna dei gruppi criminali e ha richiamato ad un’assunzione di responsabilità «nel quadro del diritto internazionale e del diritto umanitario», ma che non fosse ipocrita. «La società civile in generale, e in particolare le comunità religiose ed etniche – ha detto -, non dovrebbero diventare strumento di giochi geopolitici regionali e internazionali. Né dovrebbero essere viste come un “oggetto ininfluente” a causa della loro identità religiosa o perché altri attori le considerano una “quantità trascurabile”. Protezione senza efficacia non è protezione».
Per questo, oltre a chiedere aiuti umanitari e il blocco del traffico di armi e del mercato petrolifero clandestino, Tomasi ha chiesto che «gli autori di questi crimini contro l’umanità devono essere perseguiti con determinazione. Non deve essere loro consentito di agire con impunità, altrimenti esiste il rischio della ripetizione delle atrocità che sono state commesse dal cosiddetto “Stato islamico”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Beniamino Lori scrive:

    Sono molto perplesso, come uomo e come un pochino cristiano.
    Ci sono nel mondo numerosi conflitti religiosi, violazioni dei diritti elementari, crudeltà, persecuzioni. Dobbiamo intervenire? Sempre?
    Si dice che non è guerra. Ma è guerra!! Dobbiamo rassegnarci ad una guerra senza fine, fino all’annientamento dei cattivi?
    E chi ci dice chi sono i cattivi? Lo chiediamo agli Israeliani o ai Palestinesi ? Agli Islamici Sunniti o agli Sciiti? Ai Russi o agli Ucraini? Ai tagliatori di gole o a chi sgancia bombe su di loro con devastanti effetti collaterali e innumerevoli vittime civili?
    Dove sta la verità? Anche le prove sono spesso discutibili. Ricordate le armi di distrtuzione di massa di Saddam che non esistevano?
    Quando si è intervenuti, i risultati sono stati disastrosi: morti, feriti, profughi, destabilizzazioni e miriade di nuovi conflitti incontrollabili. Beato chi sa dare risposte sicure e convincenti!

    • Menelik scrive:

      Allora lasciamo tutto come sta andando e giriamoci dall’altra parte per far finta di non vedere e non sentire.
      Anzi, visto che ci siamo, a “lavoro” fatto, arruffianiamoci il califfo così ci darà il petrolio a prezzi stracciati.

    • Filippo81 scrive:

      Gentile Beniamino, la marea montante di terrorismo sunnita è un problema infinitamente più grave di quello che noi pensiamo, non si tratta di scegliere “romanticamente” chi è il buono o cattivo, ma di reprimere anche con le cattive una realtà, quella islamista, che è un pericolo non solo per il Medio Oriente, ma per il mondo intero.Non è questo il momento di filosofeggiare, di fare dispute ideologiche o dottrinali, o di dividerci.Non c’è spazio per il pilatismo , o si combatte l’islamismo o si sta, di fatto, dalla sua parte.I governi occidentali sottovalutano o fanno volutamente gli gnorri nei confronti degli sgozzatori barbuti,, quindi bisognerà vedere chi sono coloro che effettivamente vogliono abbattere davvero i vari “califfati”nascenti e fermare i loro alleati e simpatizzanti di tutto il mondo.

  2. Ale scrive:

    Comunque un altro modo per togliere loro potere e soldi, atti a sovvenzionare guerre, potrebbe essere la ricerca ed introduzione su mercato di automobili che possano funzionare senza derivati del petrolio. Penso che senza l’oro nero tornerebbero a fare i beduini invece dei taglia gola ..e quelli emigrati in Europa se ne guarderebbero bene dal tornarvi per mungere capre e viaggiare su cammelli.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana