Google+

Incredibili italiani:non si fidano ma votano

agosto 11, 1999 Tempi

Il grafico della settimana

In Italia, si sa, la fiducia nelle istituzioni politiche non è mai stata forte, ma adesso è addirittura al lumicino; e tuttavia gli italiani continuano ad essere il popolo che frequenta più assiduamente le urne elettorali. A confermare l’incorreggibile contraddittorietà dell’animo italico giunge ora uno studio americano corredato di dati e tabelle relativi ai principali paesi occidentali che apparirà all’inizio dell’anno prossimo. Si intitola What is Troubling the Trilateral Democracies? (“Cosa sta mettendo in crisi le democrazie trilaterali?”), è stato realizzato da tre studiosi dell’Università di Princeton e alcuni dei suoi grafici e delle sue tabelle sono già stati anticipati da The Economist. Dai raffronti comparati realizzati da Russell Dalton risulta che fra i paesi Ocse solo in Giappone la fiducia nelle istituzioni è più bassa che in Italia. Gli imperscrutabili giapponesi, che negli anni Ottanta precedevano l’Italia, negli anni Novanta si sono insediati all’ultimo posto della classifica sull’onda degli scandali politici abbinati a depressione economica che a partire dal 1993 hanno investito il loro paese. Ma è importante notare che anche in Italia la sfiducia è aumentata nel corso del decennio attuale rispetto a quello precedente; c’era più fiducia nelle istituzioni negli anni del socialismo craxiano, del CAF e del tardo impero democristiano che non negli anni Novanta di Mani Pulite, dell’Ulivo e della Seconda Repubblica: leggere le statistiche per credere. Se poi si assume come metro di misura la pura media statistica, si scopre che fra il ‘68 e il 1997 in Italia la fiducia nel governo è calata di oltre l’1% all’anno, e che la percentuale di italiani convinta che “ai politici non importa di quello che le persone come me pensano” è passata dal 68% del 1968 all’84% del 1997. L’unico conforto, se tale si può definire, di fronte a questo panorama di decadenza sta nel fatto che anche gli altri paesi evoluti conoscono una lenta erosione della fiducia nelle forme rappresentative della democrazia. Nei primi anni Sessanta i tre quarti degli americani giudicava che quello che il governo a Washington faceva era quasi sempre giusto, nel 1998 la percentuale si era ridotta al 40%; nel 1978 il 55% dei tedeschi esprimeva fiducia nei deputati da loro eletti al Bundestag, nel 1992 la pensava a questo modo soltanto il 34%; ancora più vorticosa la discesa della fiducia nell’istituzione parlamentare presso i britannici: nei dieci anni dal 1985 al 1995 si è dimezzata passando dal 48 al 24%. Un motivo di conforto più serio si può trarre dalla classifica dei paesi per percentuale di votanti alle elezioni: l’Italia, pur vedendo diminuire costantemente la partecipazione alle urne, continua a essere il numero due (dopo la minuscola Islanda) fra i paesi Ocde. Più in generale, qualche consolazione deriva da un altro dato dello studio americano: gli analisti hanno trovato che, mentre criticano sempre più governo e parlamento, i cittadini dei paesi occidentali continuano a credere nei princìpi della democrazia: in media, tre su quattro ritengono che la democrazia sia la miglior forma di governo. Ovvero, come diceva Winston Churchill, che “la democrazia è la peggior forma di governo, escluse tutte le altre”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

La SUV francese monta un nuovo turbo a benzina, capace di 300 Nm a 1.900 giri e di un consumo medio dichiarato di 5,9 l/100 km. Perfetto per i mercati di tutto il mondo

L'articolo DS 7 Crossback Puretech, 225 cv per il benzina top di gamma proviene da RED Live.

Molti avrebbero voluto vedere una Foxy con ruote da 29″, così da renderla più versatile ed esasperarne la capacità di tritare tutto ciò che le passa sotto, sia in salita sia in discesa. Detto, fatto. La Foxy Carbon 29 è arrivata, ma sbaglia che pensa che ci sia stato solo un banale cambio ruote perché […]

L'articolo Mondraker Foxy Carbon 29 m.y. 2018 proviene da RED Live.

   LIVE    Della più recente generazione di MINI Countryman abbiamo parlato con la prova della Cooper SD e della Cooper S E. Ora è il momento di guidare la MINI Countryman Cooper S, una versione indubbiamente ricca di fascino, che monta il quattro cilindri in linea di 2 litri, accreditato di 192 cv di potenza e […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper S proviene da RED Live.

La gamma Renault si rinnova e si semplifica; meno allestimenti ma più ricchi e tecnologici.

L'articolo Renault Megane, arrivano tre nuovi allestimenti proviene da RED Live.

Esemplare unico, s'ispira non solo alla leggendaria F40 ma anche all'iconica 308 GTB. Ha già girato con il suo nuovo proprietario a Fiorano ma il debutto ufficiale in società è previsto a Villa d'Este

L'articolo Ferrari SP38, la one-off su base 488 GTB proviene da RED Live.