Google+

«In tempi di spending review non intervenire a sostegno delle paritarie è antieconomico»

maggio 15, 2012 Carlo Candiani

Botta e risposta su “Avvenire” tra Giuseppe Colosio, direttore dell’Ufficio scolastico regionale lombardo, e il sottosegretario all’Istruzione Elena Ugolini sul ruolo delle paritarie nel sistema scolastico nazionale.

A chi segue con attenzione le vicende della scuola italiana, non possono essere passate inosservate le dichiarazioni che Giuseppe Colosio, direttore dell’Ufficio scolastico regionale della Lombardia, ha rilasciato ad Avvenire lo scorso sabato 12 maggio. «So bene che le mie parole potranno risultare sgradite a qualcuno, ma sono fortemente preoccupato per alcuni segnali negativi che arrivano dal mondo della scuola paritaria, in profonda sofferenza». Una dichiarazione decisamente inedita da parte di un funzionario dello Stato.

Ma a Colosio, non interessa soltanto «il prezioso ruolo delle paritarie nel sistema scolastico lombardo, dal punto di vista culturale e pedagogico», che realizza «pluralità di soggetti, articolazione di modelli pedagogici, armi vincenti nel campo delle innovazioni, dove le paritarie hanno molto da dire e da offrire». L’analisi del direttore regionale si allarga alla dimensione economica: «Oggi in Lombardia su un milione e mezzo di studenti, oltre 350mila sono iscritti a istituti paritari e un loro passaggio in blocco alle scuole statali costerebbe allo Stato un miliardo e 400 milioni di euro. Oggi per l’intero sistema paritario lombardo lo Stato sborsa 120milioni di euro e i conti del risparmio sono presto fatti: poco meno di un miliardo e 300 milioni». Insomma «in tempi di “spending review”, non intervenire a sostegno delle paritarie rischia di apparire antieconomico». Libertà di educazione e razionalizzazione della spesa statale, ecco gli argomenti di Colosio, gli stessi che da anni sentiamo enunciare solo dai responsabili delle associazioni di ispirazione cattolica operanti nella scuola.

Alle sue riflessioni
ha risposto il giorno dopo, domenica 13 maggio, sempre su Avvenire, il sottosegretario del ministero all’Istruzione, Elena Ugolini: «Voglio assicurare che al ministero dell’Istruzione siamo coscienti che il sistema scolastico pubblico è composto da scuole statali e paritarie, queste ultime gestite sia dagli Enti locali, sia dal privato sociale. E siamo consapevoli del valore pubblico che le paritarie svolgono all’interno del sistema, per il bene di tutta la collettività. L’aver proceduto in tempi più celeri del solito, nella ripartizione dei fondi stanziati per le paritarie, è un segnale dell’attenzione e della consapevolezza che abbiamo nei loro confronti. Intendiamo dare certezza e stabilità a chi gestisce le scuole paritarie e vorremmo aiutare le famiglie a poter esercitare il proprio diritto di scelta in campo educativo (…), superando l’idea che pubblico equivalga a statale, come dice chiaramente la legge 62/2000” dell’allora ministro, Luigi Berlinguer».

Colosio e Ugolini si trovano d’accordo nel porre fine alle rigidità presenti del sistema scolastico: «Spero si vada presto verso una vera autonomia della scuola statale – è l’affondo del sottosegretario – per questo è importante rivedere in modo profondo la governance della scuola, a tutti i livelli». E siccome «la differenza nella scuola la fanno i docenti e i dirigenti, è fondamentale cambiare le modalità di reclutamento e di formazione. I tirocini formativi di abilitazione, appena banditi, sono un percorso che dà alle scuole un ruolo importante nella formazione dei nuovi docenti». Forse, finalmente, una nuova stagione sta per iniziare per la scuola italiana? Il dibattito intanto continua.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana