Google+

«Il sesso selvaggio e il “gender” mirano a distruggere la famiglia e creare un nuovo ordine mondiale»

gennaio 11, 2014 Vito Punzi

Intervista alla sociologa e critica letteraria tedesca Gabriele Kuby: «Attraverso la rivoluzione sessuale globale le élite al potere attaccano l’ordine della creazione e, così facendo, tutta l’umanità»

La tedesca Gabriele Kuby, nata a Costanza nel 1944, è per formazione sociologa e autrice di saggi legati all’educazione e alla sessualità. Madre di tre ragazzi, si cimenta volentieri anche con la traduzione dall’inglese (per oltre vent’anni nell’ambito dell’esoterismo e della psicologia). A lungo impegnata nei movimenti studenteschi tedeschi sorti dal Sessantotto, Gabriele Kuby si è convertita ed è entrata nella Chiesa cattolica ricevendo il sacramento del battesimo il 12 gennaio 1997, festa del Battesimo di Gesù. Il suo primo libro (Mein Weg zu Maria – Von der Kraft lebendigen Glaubens, La mia strada verso Maria – Sulla forza della fede viva) è stato un best-seller.

Come pubblicista concentra il suo interesse sui vicoli ciechi intrapresi dalla società moderna, indicando la via d’uscita in una nuova coscienza dell’esperienza cristiana. L’unico suo libro pubblicato in Italia è Gender Revolution. Relativismo in azione (Cantagalli 2008) e rappresenta un grido d’allarme indirizzato a tutti gli Stati membri dell’Unione Europea: in ogni ambito del vivere pubblico va riconosciuta come fondamento della famiglia la differenza sessuale tra uomo e donna. A un anno fa risale il suo ultimo libro pubblicato in Germania, La rivoluzione sessuale globale. Distruzione della libertà in nome della libertà: «Era il 31 settembre del 2012 – ricorda Gabriele Kuby – quando ho avuto il privilegio di consegnare personalmente una copia del libro a Benedetto XVI, e per me è stato un grande incoraggiamento sentirgli dire “Ringraziamo Dio per quello che dice e scrive”».

Signora Kuby, partiamo dal suo ultimo libro denuncia: qual è il motivo che l’ha sollecitata a scrivere?
La constatazione che la liberalizzazione delle norme sessuali rappresenta la linea del fronte dell’odierna battaglia culturale. Io appartengo alla generazione del ’68 e a quel movimento ho partecipato attivamente. Dopo la mia conversione mi sono cadute le bende dagli occhi. Dopo il libro del 2006, dedicato alla rivoluzione del “gender”, ho continuato a raccogliere materiale e in seguito ho sentito la necessità di rappresentare l’evoluzione di questa ideologia, perché tutti percepiscono gli effetti del capovolgimento dei valori, come la distruzione della famiglia, ma sono in pochi a essere coscienti che dietro si cela una strategia delle élite di potere, dall’Onu all’Unione Europea, all’alta finanza.

Dunque qual è il messaggio che intendeva trasmettere?
La deregolamentazione delle norme sessuali conduce alla distruzione della cultura. La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo del 1948 dice che la famiglia è il nucleo della società e che essa ha bisogno, per esistere, di una regolamentazione morale. Con tutto ciò che aggredisce i bambini tramite i media, internet e l’educazione sessuale obbligatoria che viene insegnata nelle scuole, per loro è difficile diventare adulti maturi, cioè in grado di assumersi la responsabilità di essere madri e padri.

Perché nel sottotitolo del libro ha scelto di porre l’accento sulla libertà, o meglio sull’opera distruttiva che in suo nome si sta compiendo?
L’esaltazione filosofica dell’individualismo avvenuta al tempo dell’Illuminismo e le dittature impostesi nel XX secolo hanno portato a considerare come valore più importante la libertà, o meglio la libertà assoluta, che tuttavia nel nostro mondo, così condizionato com’è dai limiti, non esiste. La deregulation delle norme sessuali viene oggi spacciata all’essere umano come parte di quella libertà. Ma cosa succede in realtà quando l’impulso sessuale non è più sotto controllo? Che l’altro viene considerato semplicemente oggetto della propria soddisfazione sessuale. Il dato per cui nella nostra società una ragazza su quattro e un ragazzo su dieci subisce abusi sessuali mostra ciò che accade come conseguenza del fatto che non venga più insegnato l’autocontrollo. Il caos sociale che ne deriva sollecita un sempre maggiore controllo da parte dello Stato; che una situazione del genere conduca alla tirannia lo ha già indicato Platone nel suo Repubblica, 2.400 anni fa.

Perché nel libro si rifà spesso al romanzo di Aldous Huxley, Il mondo nuovo, pubblicato nel 1930?
È affascinante leggere oggi quell’opera profetica, nella quale gli uomini vengono prodotti in laboratorio e formati attraverso media e psicofarmaci per essere felici, i bambini si trastullano con il sesso alla pari degli adulti e tutto viene controllato da “Ford”, il “nostro Signore”. Originariamente Huxley aveva pensato che quella sua “fantasia” si sarebbe realizzata da lì a 600 anni, ma già nel 1949 quel futuro s’era ridotto a un centinaio di anni. Allora non era possibile tutto ciò che è consentito oggi (selezione prenatale, madre in affitto, manipolazione genetica, genitore 1 e genitore 2), ma Huxley era ben cosciente che la vera rivoluzione accade nel cuore e nella mente della persona.

Quali sono a suo parere i motivi della crisi della nostra civiltà?
Lo scarto decisivo c’è stato con la rivoluzione culturale sessantottina. Promossa da sazi studenti figli della borghesia, quella rivolta si fondava su tre impulsi: quei giovani si fecero ammaliare dalle teorie marxiste (nonostante il Muro di Berlino e i carri armati sovietici a Praga, contro la democrazia); in secondo luogo, c’è stato il femminismo radicale, che doveva liberare la donna dalla «schiavitù della maternità» (sono le parole usate da Simone de Beauvoir); il terzo impulso era quello della “liberazione sessuale”. Le parole d’ordine al proposito erano: quando la tua sessualità sarà “liberata”, cioè avrai abbattuto qualsiasi tipo di condizionamento morale, allora potrai costruire una società libera dall’oppressione. Quella generazione, la mia, fallito il tentativo di coinvolgere il “proletariato”, ha compiuto una vera e propria “marcia dentro le istituzioni”, tanto che, quello che ieri era un movimento d’opposizione, oggi rappresenta la politica ufficiale delle grandi organizzazioni internazionali, di molti governi nazionali, non solo di sinistra. E i media che determinano il mainstream seguono questa “agenda”.

Un altro riferimento interessante per le sue valutazioni è stato il libro della studiosa belga Marguerite A. Peeters, La globalizzazione della rivoluzione culturale occidentale…
Non interessante, fondamentale, perché mi ha aperto gli occhi. Da parte mia mi sono concentrata sul nocciolo di quella rivoluzione: la deregulation delle norme morali che regolano la sessualità. La rivoluzione sessuale globale viene promossa dalle élites al potere. Ho già detto di Onu e Unione Europea, ma con esse si deve intendere l’intera rete di impenetrabili sotto organizzazioni: di queste fanno parte gruppi industriali globalizzati, grandi fondazioni come Rockefeller e Guggenheim, persone molto ricche come Bill e Melinda Gates, Ted Turner e Warren Buffett, o grandi Ong come la International Planned Parenthood Federation e l’Unione Internazionale delle lesbiche e degli omosessuali (Ilga). Tutti questi soggetti lavorano nei livelli superiori della società avendo a disposizione enormi risorse economiche. E tutti hanno un interesse comune: ridurre la crescita della popolazione su questo pianeta. L’aborto, il controllo delle nascite tramite contraccettivi, la distruzione della famiglia: tutto questo serve lo scopo della creazione di un nuovo ordine mondiale.

Qual è dunque il ruolo del “Gender Mainstreaming” in questo contesto “rivoluzionario” globalizzato?
Il concetto di “Gender” presuppone che qualsiasi orientamento sessuale – eterosessuale, omosessuale, bisessuale e transessuale – sia equivalente e debba essere accettato dalla società. L’obiettivo è il superamento dell’“eterosessualità forzata” e la creazione di un uomo nuovo, cui lasciare la libertà di scelta e di godere della propria identità sessuale indipendentemente dal suo sesso biologico. Chiunque si contrapponga a ciò, singole persone o Stati, viene discriminato come “omofobo”. Si tratta di un attacco mondiale all’ordine della creazione e, così facendo, all’intera umanità. Esso distrugge il fondamento della famiglia e in questo modo consegna ai despoti di turno la persona che non riesce più a riconoscersi, se uomo o donna.

Nel suo ultimo libro attacca duramente la pornografia e chi la tollera.
Sì, perché la pornografia è una droga e come tale crea dipendenza. Una droga che distrugge la capacità di amare e di assumere la responsabilità di essere padre e madre. Inoltre costituisce un piano inclinato sul quale è facile scivolare verso quell’abisso della criminalità sessuale che finisce col coinvolgere anche i bambini e i giovanissimi. A proposito della Germania, esistono dati allarmanti: il 20 per cento dei ragazzi tra i 12 e i 17 anni “consumano” quotidianamente pornografia, il 42 per cento almeno una volta alla settimana. Che persone potranno formarsi in queste condizioni? Ed è difficile farsi una ragione del motivo per cui l’Unione Europea si dimostra essere così aggressiva contro il fumo ma non fa nulla per impedire l’imbruttimento provocato dalla pornografia.

In questa situazione di “rivoluzione sessuale globale”, qual è il compito dei cristiani?
Si tratta ovviamente di un tema che riguarda ciascuno di noi. Ci piaccia o meno, dobbiamo anzitutto mettere ordine nella nostra vita sessuale, così che la vocazione umana sia all’altezza del vero amore, l’amore che dona la felicità. Se non è così non è possibile neppure trovare le motivazioni per affrontare una battaglia del genere, che è per la dignità dell’uomo, per la famiglia, per i nostri figli, per il futuro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

134 Commenti

  1. mike scrive:

    è l’articolo migliore che avete pubblicato sull’argomento da luglio 2013. cioè da quando frequento il sito (prima ci capitavo occasionalmente). sono poche le precisazioni che, da parte mia, vorrei fare. ne faccio solo una: la kuby forse non è cosciente che Platone poteva far parte della stessa cricca che oggi governa il mondo. infatti “la repubblica” non è molto distante dalle cose che oggi si stanno facendo. orfici e pitagorici, e mettiamoci pure i seguaci del culto misterico di dioniso, forse sono l’antecedente storico. e neanche è detto che fossero cose originarie dell’india (dato che è comunque evidente che orfismo e pitagorismo sono il jainismo mentre il dionisismo il tantrismo). nel caso fosse così la rivolta anti-pitagorica del V secolo a.c. potrebbe indicare che gli antichi, pur coi loro difetti, avevano visto giusto nel giudicare male i pitagorici.

  2. luca scrive:

    oh, mamma mia, date voce alle persone più improbabili pur di continuare a sostenere le vostre tesi impossibili.

    • Rita scrive:

      Hai ragione Luca, e poi ancora a moraleggiare sin dal titolo sul “sesso selvaggio” quando oggi le coppie dello stesso sesso si battono per il riconoscimento delle loro unioni stabili e duratore, chiedendo non solo diritti ma anche doveri, come e’ giusto che sia. Le nefandezze paranoidi sul subdolo piano gay di destabilizzare addirittura l’ordine mondiale (un attacco all’intera umanita’, scrive qualche apocalittico commentatore) sono talmente campate per aria e risibili che si commentano da sole.

      • mike scrive:

        ma guarda che non c’è nessun piano gay per distruggere l’ordine mondiale. è che i gay e le lesbiche fanno parte di un piano per distruggere si qualcosa che è il cristianesimo. in parole povere sono usati. e visto che ho iniziato finisco pure, chiudo il cerchio: la chiesa e il potere laico (che da 2000 anni tenta di abbattere la chiesa come mostra la storia europea se ben interpretata) non si prendono su una cosa. ossia come evitare che la popolazione cresca troppo. le usanze pagane/laiche, sbagliate, a questo servono. leggi a riguardo, o basta che ti informi su quelle delle religioni attuali non cristiane. oggi sta riuscendo il ritorno al mondo pagano/pre-cristiano con le sue pratiche. alla fine dell’omosessualità sarà accettata solo la pratica, come era nel mondo pagano perlomeno per quanto si sa. ci sarà la poligamia ma il matrimonio sarà tra uomo e donna. a far questo in europa saranno i musulmani.

        • Vito scrive:

          Mike, vi sono tante congregazioni cristiane (i Valdesi, ad esempio) e anche un grande numero di cattolici che sulle coppie omosessuali, e i loro diritti, hanno posizioni molto piu’ avanzate e molto meno discriminanti e marginalizzanti di quelle delle frange piu’ conservatrici e retrograde che ci vengono quotidianamente presentate da queste illustri pagine.

          • EquesFidus scrive:

            Per quanto mi riguarda costoro non sono neppure dei cattolici, bensì degli eretici più o meno consapevoli che è bene si facciano un bell’esame di coscienza. Il Magistero è infallibile in tema di fede e di morale, inclusa quella sessuale; possono fare come vogliono, ma se non la condividono non sono cattolici. Per cortesia, smettiamola di spacciare per cattolici personaggi che si professano tali ma in realtà non lo sono e portano soltanto confusione e divisione.

            • mike scrive:

              sono d’accordo.

            • Anonimo scrive:

              EquesFidus,

              Infatti Vito parla di congregazioni cristiane, in risposta a Mike che sostiene che ci sia un progetto per distruggere il cristianesimo. Nessuno dei due usa la parola cattolico. Credo che la confusione sia da parte tua.

              • giovanna scrive:

                Anonimo ,toh, mi pareva che Vito avesse scritto “anche un grande numero di cattolici che sulle coppie omosessuali….”, sarà stata un’impressione !

              • EquesFidus scrive:

                No, invece, Vito parla di “un grande numero di cattolici che sulle coppie omosessuali, e i loro diritti, hanno posizioni molto piu’ avanzate e molto meno discriminanti e marginalizzanti di quelle delle frange piu’ conservatrici e retrograde che ci vengono quotidianamente presentate da queste illustri pagine”, e costoro io critico e contesto. Che poi anche i membri di altre “congregazioni cristiane” (ma sarà vero che si può essere cristiani rifiutando la Tradizione ed il Magistero?) siano degli eretici palesi mi pare ovvio, non c’è nulla di strano o di ripugnante in ciò.

                • Anonimo scrive:

                  Giusto, Vito parla anche di cattolici.
                  Quanto al magistero cattolico, mi pare sia vincolante solo per i cattolici e non per le altre confessioni, alcune delle quali sono comunque cristiane.

                  • EquesFidus scrive:

                    Esattamente: alcune, ed anche questi hanno dei problemi ermeneutici devastanti per dimostrare e chiarire con esattezza perché lo sono (uno su tutti: se i Vangeli sono il prodotto della Chiesa e si collocano in una ben precisa Tradizione e Magistero, rifiutando Ella come si può accerLi?). Poi che la Chiesa cattolica abbia tutto il diritto di definire chi è eretico (che non è un’offesa ma una definizione per indicare chi ha scelto, più o meno consapevolemente, di vivere al difuori di ciò che insegna la Sposa del Cristo) e chi no in virtù del proprio Magistero direi che è un’affermazione così pleonastica da non meritare di essere discussa, dal momento che il termine è stato inventato da alcuni Suoi membri.

          • mike scrive:

            secondo me dovreste abbandonare i vostri schemi mentali. servite solo a far distruggere il cristianesimo. sbrigatevi a capirlo!
            più passa il tempo più mi convinco che il problema principale, di quelli causati, della società occidentale attuale siate proprio voi. anche anzi soprattutto perché non capite ciò che dovreste capire, che cioè siete solo una marionetta rivolta contro la chiesa.
            mi spiego meglio: nell’ultimo anno le nascite sono calate in italia del 28%. un motivo forte, se non forse l’unico, è che mai prima d’ora l’italia è vicina a legalizzare le nozze gay. per cui gay e lesbiche non hanno pensato, nell’ultimo anno, a sposarsi (o con etero, ingannati, o tra di loro). infatti hanno pensato e tuttora pensano, a ragione, che tra poco si permetterà loro di sposarsi. il risultato è che le nascite nell’ultimo anno sono crollate (-28%). puoi discutere quanto vuoi ma questi sono fatti. uno dei modi per annientare una cultura è portarla, senza che se ne accorga, al collasso demografico. per inciso le nascite in italia è da anni che sono sempre meno, o il trend quello è. guarda caso negli ultimi decenni gli omosessuali sono usciti allo scoperto, e poi altro che omofobia…. giudica tu!

            • mike scrive:

              per “sposarsi” intendevo sposarsi e poi fare figli. o, se già sposati, fare figli. per la qual cosa neanche i gay oggi hanno problemi. c’è il viagra.

              • luca scrive:

                mike tu stai suggerendo che i gay dovrebbero sposarsi con una poveretta e poi prendere il viagra per riprodursi? e tutto questo per farti felice?

                • mike scrive:

                  stavo dicendo che non si sono sposati per copertura (con magari figlio o prima o dopo in arrivo) o che, se già sposati per copertura non fanno figli o altri figli. tutto ciò avveniva fino a poco fa. ora no, aspettano che si legalizzino le nozze gay. nel caso scommetto che, ad esempio, molte coppie si sfascerebbero e lui si sposa con un altro lui e lei si sposa con un’altra lei. scommettiamo?
                  anche in ambienti cattolici credo che accadrebbe così.

            • Mario scrive:

              Se i matrimoni calano e non si fanno figli è perché siamo disoccupati e stratassati.
              NON CI SONO I SOLDI.

              • mike scrive:

                è una cosa, ma non l’unica. per chi ha l’onestà di ammetterlo. ma tanto certe persone sono solo fissate con l’idea di essere odiate…

            • luca scrive:

              mike ho messo un sasso sul mio tavolo che scaccia i dinosauri, siccome non ho visto un solo dinosauro da che ho messo il sasso significa che il sasso funziona!
              la tua logica è da geni

      • beppe scrive:

        quali sarebbero i doveri che le coppie omosex si impegnano a rispettare? forse quello di non fabbricare i bambini come nel favoloso mondo prefigurato da huxley? sei disposta a sottoscriverlo? rispondi.

        • luca scrive:

          i bambini qualcuno pensa ai bambini.
          Beppe sei veramente… va be non mi viene la parola.
          cmq
          diritti come il mutuo soccorso, fedeltà, e reciproco rispetto? tanto per fare un esempio?
          ma hai idea che i diritti e i doveri nei confronti dei bambini non sono stabiliti dal matrimonio? (infatti un bambino nato fuori dal matrimonio ha pari diritti di un bambino nato nel matrimonio)… non fabbricare i bambini? vogliamo fare una lotta contro la fecondazione in vitro? sono con te.

          tornando ai diritti ma te tua moglie la vedi solo come strumento per partorire bambini? i tuoi doveri verso di lei sono solo confinati ai bambini? ammazza che maritino si ritrova

    • Luca scrive:

      E dire che io vi avevo avvisato: guardate i Simpson, qualcuno pensi ai bambini!

    • Carlo scrive:

      @ Luca: in questa sede l’ideale sarebbe discutere sulle questioni che pone la signora, ma dato che non hai tempo o voglia o capacità, almeno potresti chiarire perché la signora stessa dovrebbe essere “improbabile”. Quello che si dice “argomentare”. Do you understand? I repeat:”ARGOMENTARE”.
      Perché, di per sé, il fatto che Luca la ritenga una persona improbabile non è molto significativo per le moltitudini. Grazie.

      • Luca scrive:

        Argomentare? Carlo, ma non hai ancora capito che io sono un Cretinetti che guarda solo i Simpson e sa solo ripetere “qualcuno pensi ai bambini”? Io non so argomentare, sono un de-fi-cien-te!!!

        • domenico b. scrive:

          Luca, riguardo questa tua ultima affermazione, da queste parti potresti trovare molte persone d’accordo con te. Se ti vuoi atteggiare a vittima ti consiglio di rivolgerti al tuo compagno o futuro marito ( o moglio, o marita, non so)… il matrimonio non è solo questione di buchi…

          • luca scrive:

            dimenicoB, scusa ma mi sembri tu ad affermare che la cosa importante nel matrimonio è che ci siano il numero giusto di buchi non io.
            cmq quel luca è un troll, ebbene si, ho l’omore di essere trollato come la grane giovanna/viviana/moderatrice…
            capita…

  3. mike scrive:

    uno dei migliori articoli che fino ad ora ho letto qui. o forse il migliore.

    su Platone boh forse anche lui era della cricca che oggi domina il mondo. le idee della “repubblica” è in fondo quando si sta tentando di fare. e l’ateniese aveva idee orfico/pitagoriche. forse orifici e pitagorici furono i predecessori di quelli attuali. e magari c’è stata continuità. prima di nascosto poi non più.

  4. Rischia_mo scrive:

    La rivoluzione sessuale e’ la punta estrema dell’individualismo, con lei muore il sociale e diventiamo tutti fascistibili.

  5. Rischia_mo scrive:

    La rivoluzione sessuale e’ la punta estrema dell’individualismo, con lei muore il sociale e diventiamo tutti fascisti potenziali

    • luca scrive:

      la rivoluzione sessuale è il liberarsi di persone che come voi pensano che la mia vita personale li riguardi e che se io mi faccio una sco..ta gli sto facendo un torto a loro!

      • EquesFidus scrive:

        No, la rivoluzione sessuale è sbagliare con questa consapevolezza ma far comunque sia finta di nulla.

        • giovanna scrive:

          Un articolo molto profondo e interessante, incomprensibile, a parte gli evidenti limiti culturali, per chi i considera i figli del materiale da barzelletta. Io per i miei figli sono disposta a dare la vita e anche per i figli degli altri.

          • Luca_P scrive:

            Giovanna hai ragione un articolo assai profondo, difficile da capire, non tratta affatto di banali coppie gay, del banale sesso sfrenato e del libertinismo in generale. Il pensiero di Gabriele Kuby, vola ben più in alto, e son cose che vado pensando da parecchio tempo, anche se come la scrittrice ho collegato i vari tasselli che portano ad un livello superiore(quello di comando) solo da poco tempo. In effetti collegando le affermazioni, dei vari potenti, nei vari campi(politica, economia, letteratura, architettura, e per ultimo ma non meno importante militare) si arriva al nuovo ordine mondiale, di una società fondata su una massa informe costituità nella quasi totalità, da dipendenti di multinazionali dove lo spirito critico e la personalità identitaria di ciascun individuo viene annullata, rendendo l’uomo poco più che una macchina, i robot del futuro saranno gli stessi esseri umani, dove la famiglia si estinguerà, tutti i beni saranno in mano a grosse società, ai sudditi sarà giusto concesso un mini alloggio per dormire, un noto architetto italico a cui piace lanciare piatti quando va al ristorante, ha detto da Santoro, chiaro e tondo, che 35 mq sono l’ideale per l’abitazione del futuro, dove l’abitante può rientrare a dormire comodamente, dopo aver vissuto le ore di veglia fuori con i suoi simili.
            Insomma se sei un tipo solitario ti mettono al rogo nella pubblica piazza. Guai se vuoi riunire tutta la famiglia a cena.
            Il sesso libero non è altro che il grimaldello usato per scardinare un sistema di società, impostato sulla libera scelta della persona come individuo libero unico ed irripetibile, visto che al mondo siamo tutti diversi.
            Paradossalmente la “libertà sessuale” viene usata per ingabbiare l’essere umano e renderlo schiavo di un sistema che lo priva del libero arbitrio, della felicità interiore di sentirsi unico nell’universo, della consapevolezza di avere una coscienza critica e morale, uno spirito creativo, ormai l’obbiettivo non più nascosto è privare gli esseri umani di sentirsi protagonisti della “missione principale” ossia quella della sopravvivenza della specie attraverso la genitorialità, che esalta la vita ed il vero amore ossia quello che si ha per le nuove creature che vengono al mondo.
            Tutto ciò è ormai a forte rischio, un sistema economico giuridico ormai sempre più dipendente da forze esterne e sovranazionali si occupa scientemente di annullare le peculiarità specifiche di ogni essere umano e cerca con ogni mezzo di omologare tutti i dipendenti-sudditti ad uno standard comune di vita, di stipendio, di valori, di etica. Tutti uguali come le macchine, alla faccia delle sensibilità individuali, gli individualisti vengono visti come un pericolo per il “verbo” e per tale motivo sono osteggiati in tutte le maniere ma soprattutto colpendoli economicamente.
            Purtroppo spesso, anche chi a parole è contrario a questi disegni totalitari, poi si lascia andare a dileggiare e tacciare di ignoranza gli ultimi della catena produttiva, ossia gli Autonomi alias “Forconi”, dimenticando che il padre terreno di Gesù Cristo era un artigiano, tanti discepoli pescatori. Se il Signore ha scelto di far crescere il suo figlio prediletto in un ambiente fatto di contadini, pastori, pescatori, falegnami un motivo ci sarà? Eppure oggi queste sono tutte categorie a rischio estinzione causa tassazione pazzesca, qualcuno lassù in alto al vertice(mondiale), ha deciso che “devono morire”, perchè disturbano socialmente la piena affermazione del nuovo modello socio-economico.

            • luca scrive:

              secondo me il non fare sesso ti ha eroso le sinapsi…”Il sesso LIBERO non è altro che il grimaldello usato per scardinare un sistema di società, impostato sulla LIBERA scelta della persona”, ovvero essere liberi di fare sesso mina una società basata sulla libertà individuale…. CHIAMATE LA NEURO!

              • domenico b. scrive:

                a te invece col sesso libero ti han bucato anche l’orecchio e ti han fuso il cervello

                • luca scrive:

                  e ti pare che non difende il suo amichetto suonatello?

                  • domenico b. scrive:

                    il mio amico suonatello si sa difendere benissimo da solo. Se tu usassi quel minimo di cervello che ti è rimasto, sempre che a furia di sesso non ti sia scivolato nel c===, capiresti che le leggi che si stanno facendo in Europa stanno cercando di distruggere le persone, anche te caro, con lo specchietto per allodole della libertà, dell’uguaglianza, della felicità, dell’autodeterminazione. E i primi a bere questo brodo ideologico siete voi omosessuali, che siete persone sicuramente intelligenti, sensibili, generose, ecc. ma che a causa del vostro disagio vi aggrappate a chi vi promette chissacosa, ma in realtà vi sta usando per i suoi scopi. Non è con le leggi che risolvi i tuoi problemi, e con la forza si impongono solo dittature

                    • luca scrive:

                      il nostro disagio è provocato da persone come te, rimossa la causa…
                      complimenti per l’eleganza di aver messo i puntini, sei un vero gentleman…
                      state sempre a predire catastrofi voi cattolici, ogni minimo progresso per voi sancisce la fine del mondo, poi ritrattate quando 50 anni dopo quel progresso è stato digerito da tutti… ma cosa vuoi che distrugga il fatto che io possa sposarmi. il fatto che ci siano più forme di matrimonio non toglie proprio nulla a quelle esistenti.

                    • mike scrive:

                      Domenico B. condivido ma credo che sia tempo perso. hanno messo loro in testa che la chiesa è cattiva perché non li fa sposare. si fissano lì. però non comprendono questo: anche uno provi ogni tanto a pensare che omosessuali ci si nasca poi però pensa che beh in effetti non lo hanno ancora dimostrato, nessuno lo ha ancora dimostrato ed hanno solo una dichiarazione dell’APA, però vogliono imporlo con le leggi. e che così ci fa chi non vuole davvero bene agli omosessuali ma vuole usarli, altrimenti se fosse possibile avrebbe fatto capire al mondo intero cosa dimostri che omosessuali ci si nasca, in tal caso facendo veramente un favore a loro. e invece nulla.
                      poi osano pure parlare di logica (e qui penso “ma se si vuole aiutare gli omosessuali come mai fanno entrare i musulmani?” una logica elementare dice che chi persegue l’obiettivo A non può fare un’altra cosa che porta all’obiettivo -A. ma vai a spiegarglielo!).

            • mike scrive:

              mamma mia che discorso lungo! li faccio anche io ma qui mi superi. cioè sono alla fin e d’accordo su molte cose. su una no, e cioè sul discorso dell’individualismo e del piacere, così così. ti dico la mia facendo un po’ di probabile storia umana: in tempi antichi l’uomo ha perlustrato tutto il pianeta rendendosi conto che è una sfera che ovviamente sta nel cosmo. essendo quindi finita hanno capito che la popolazione non può crescere in modo infinito. anche perché fare figli è facile, progredire allo stesso ritmo (almeno in tempi antichi) con la scienza agricola no. e allora hanno creato le usanze cosiddette pagane, aborto infanticidio poligamia guerra prostituzione schiavitù pedofilia eccetera, che sono in fondo un cocktail per evitare che la popolazione cresca troppo. il problema di per sé non è il contenere la popolazione, ma come lo si fa. il paganesimo lo fa con metodi moralmente inaccettabili. chi ha cercato di arginare la cosa furono gli ebrei prima e i cristiani poi, per volontà dell’unico Dio incarnatosi in Gesù Cristo. oggi pare che il paganesimo stia risorgendo. manca solo che dichiarino il cristianesimo, ed in generale il monoteismo e quindi anche l’islam, fuorilegge. puoi riderci pure ma io credo che la storia umana sia questa in fondo.

              • domenico b. scrive:

                Mike, l’aborto è legge, l’eutanasia è legge, la pedofilia la vogliono per legge (in Italia c’è già stata una sentenza in tal senso), non c’è proprio niente da ridere, E hai ragione, in questo mondo gli unici fuorilegge siamo noi Cristiani e un po’ anche i musulmani, almeno quelli in buona fede, se cisono

                • domenico b. scrive:

                  Luca, tu dici che quelli come me sono la causa del tuo disagio, quindi giustamente ….basta rimuovere la causa del disagio e il problema è risolto. Ma ne sei sicuro? Io sono cattolico, ma con tutte le scemenze che sento in giro contro la Chiesa, comprese le tue, non mi sento a disagio. E tu sei sicuro di star meglio tappando a forza la bocca alle persone che non la pensano come te?

          • luca scrive:

            i bambini, qualcuno pensi ai bambini!!!!!!

            si certo, poi se vengono da te e ti dicono che sono gay e che vogliono anche sposarsi e sono perfettamente felici così li cacci di casa

        • luca scrive:

          il sesso non è sbagliato, o almeno non sempre (certo che uno stupro o cose così…)

        • luca scrive:

          il sesso oh mio dio, il sesso… morirete tutti perchè fate sesso.
          ma va, va.
          il continuare a dire agli altri come dovrebbero vivere, questo è sbagliato. se a te il sesso non piace mi dispiace per te, a me piace molto e ne faccio quanto ne voglio e con chi voglio… e visto che tanto siete dei gran impiccioni e volete sapere tutto voglio farlo solo con mio marito

      • domenico b. scrive:

        Luca, perché hai bisogno di sposarti per sco…rti il tuo compagno?

        • luca scrive:

          per farci sesso no, ma per difenderlo come mi sono impegnato dai pericoli della vita si!

          • domenico b. scrive:

            dove te l’hanno data questa bella definizione di matrimonio, ai corsi prematrimoniali dell’arcigay&c

            • luca scrive:

              dammela te, sentiamo quanto la spari grossa.
              prima che ripeti la stessa solfa, i diritti dei figli non sono sanciti dal matrimonio, avendo questi pari diritti sia se figli di sposati che non…

              • domenico b. scrive:

                Sei pronto, Luca?… vuoi la mia definizione di matrimonio? Vuoi che te la spari grossa? Guarda, il matrimonio è…………………………….”non gettate le vostre perle ai porci……………….”

      • Cisco scrive:

        Luca, la tua vita personale riguarda gli altri nella misura in cui chiedi agli altri un riconoscimento pubblico della stessa…

        • luca scrive:

          si cisco e nella misura in cui contribuisco in egual misura degli altri, tramite le mie tasse e il mio lavoro, nella vita degli altri… ovvero, a me lo stato la mia parte me la chiede e come… vorrei averne anche pari diritti e opportunità.

          e non dirmi che io ho pari diritti perchè posso sposare una donna.
          è come dire ad uno sulla sedia a rotelle, difronte ad una scala mobile, che non può lamentarsi perchè lui ha il permesso di usarla come tutti e se non la usa è colpa solo sua!

          • domenico b. scrive:

            se la sua malattia può essere curata, ma lui rifiuta le cure perché si trova a suo agio nel ruolo di vittima, la colpa è solo sua

            • luca scrive:

              si in quel caso si, ma visto che l’omosessualità non è nè una malattia ne una tendenza che può essere curata…
              è come curarsi dagli occhi azzurri, non porto tutta la vita le lenti a contatto colorate solo per far felice te

              • Davide scrive:

                Ancora con sta storia che omosessuali si nasce?? Ma basta santo cielo! NON E’ VERO! Non c’è alcun cromosoma gay, basta con ste menzogne! Lo dice la tanto idolatrata scienza, non è una opinione! Sto continuo rumore di fondo per distrarre continuamente dalla verità è insopportabile!

                • luca scrive:

                  davide ma tu sei omosessuale? allora che ne sai? io le mie pulsioni le avevo anche a 5 anni… volevo vedere il pisello dei miei compagni e delle mie compagne non mi interessava… che ci vuoi fare?

                  e anche se uno gay ci diventasse cosa cambierebbe?

                • Paolo scrive:

                  Se è per questo nessuno ha mai trovato neppure il gene “etero”. Non esiste neanche il “catto-gene”… Quindi basta con pretese di privilegi in merito facendoli passare per diritti

          • Cisco scrive:

            Luca, il fatto di pagare le tasse non dà il diritto a chiedere il riconoscimento di una unione che si basa sulla complementarietà uomo-donna, così come non dà il diritto a parcheggiare in divieto di sosta: non rende giusto qualcosa che non lo è. Dovremmo forse dare ai serial killer che pagano le tasse il diritto di vedersi riconosciuta e finanziata dallo stato la propria attività? Cerca di tenere distinti i due livelli, dare a Cesare quello che è di Cesare, e all’Arcigay quello che è dell’Arcigay…

            • Paolo scrive:

              Peccato che: a) due uomini o due donne possono essere benissimo complementari come un uomo e una donna, b) non è su questo che si basa un’unione, neanche tra uomo e donna, c) un serial killer è un assassino che commette reato mentre due persone dello stesso sesso che formano uno famiglia creano un’unione normale e naturale, d) cosa è giusto e cosa non lo è non lo stabilisce la sua ideologia sig. Cisco se ne faccia una ragione

              • VivalItalia scrive:

                Ah ah ah “complementari come uomo e donna”..! Ah ah ah!!

              • VivalItalia scrive:

                Ah ah ah “complementari come uomo e donna”..!

                Ah ah ah!!

              • VivalItalia scrive:

                Ah ah ah “complementari come uomo e donna”..!

                Ah ah ah!!
                Neanche cosa è complementare e cosa non lo è non lo stabilisce la sua ideologia, se ne faccia una ragione.

              • VivalItalia scrive:

                Ah ah ah “complementari come uomo e donna”..!
                Ah ah ah!!
                Neanche cosa è complementare e cosa non lo è non lo stabilisce la sua ideologia, se ne faccia una ragione.

              • Cisco scrive:

                Caro Paolo me ne farei volentieri una ragione se le tue argomentazioni fossero convincenti, e invece nulla. Ma ci riprovo: a) come fanno due uomini o due donne ad essere complementari come un uomo e una donna? b) su quale elemento oggettivo si basa un’unione? c) ho fatto anche l’esempio del divieto di sosta, non occorre commettere reati per non avere dei diritti; uno che paga le tasse non ha il diritto di svolgere una professione se non ne ha i titoli; un disoccupato non paga le tasse e non commette reati, ma ha dei diritti; ergo, il tema dei diritti non c’entra un tubo con quello delle tasse, come Luca ha affermato; d) cosa è giusto e cosa non lo è non lo stabiliamo io e te, ma purtroppo lo stabilisce la maggioranza, almeno finché resteremo in democrazia.

                • luca scrive:

                  cisco perchè la complementarità in questo contesto non è geometrica, ma è complementarità come anime, come spiriti e come carattere, ma che ne vuoi sapere tu!
                  b) la nostra unione si basa sull’amore
                  c) impedimenti di carattere tecnico come quelli che citi tu nel matrimonio non ne esistono (vedi il resto del mondo occidentale)
                  d)la maggioranza ha votato per barabba. gesù sarebbe fiero del tuo discorso!

  6. Jack scrive:

    Bellissimo articolo.
    Certo immaginare ci sia un accordo esplicito finalizzato a asservire gli esseri umani a chi detiene potere, è difficile da credere.

    Ma che il demonio trovi molti motivi e modi per contrastare Dio e la sua Chiesa, usando di coloro che negano Dio il suo amore e la sua universalità, appare evidente!

  7. antonio scrive:

    Scusate si puo’ dare dell’omosessuale o e’ ietato ? A me e’ capitato di dare dell’omosessuale a un cosiddetto gay e questo si e’ inferocito
    erche’ voleva essere chiamato gay . Insomma la parola omosessuale pare brutto

    • Giannino Stoppani scrive:

      Antonio, il fatto è che questi sono feroci di suo!

      • luca scrive:

        a gioannino ma se tu ti inalberi se ti scrivono male il nome, sei più feroce te allora!

        • Giannino Stoppani scrive:

          Poverino, non capisci neanche quando ti zimbello!

          • luca scrive:

            giovannino sei così furbo e simpatico, poi ridiamo assieme al mio matrimonio

            • Giannino Stoppani scrive:

              Se è per codesto ci riderei già da ora del tuo “matrimonio”, ma mi contengo perché la cosa mi pare poco da cristiani.
              Non è bello, infatti, ridere delle disgrazie altrui.

    • luca scrive:

      antonio, al massimo omosessuale suona un po di vecchio e gay sembra più moderno, personalmente non mi offendono le parole ma le intenzioni… se mi chiami gay dichiaratamente nell’intento di offendermi mi offendo, se non altro perchè tu ritieni che la parola gay sia offensiva… insomma, il punto non è che parola usi ma il discorso che fai

  8. antonio scrive:

    Scusate si puo’ dare dell’omosessuale o e’ ietato ? A me e’ capitato di dare dell’omosessuale a un cosiddetto gay e questo si e’ inferocito

    erche’ voleva essere chiamato gay . Insomma la parola omosessuale pare brutto

  9. Jack scrive:

    Bell’articolo.

  10. altro scrive:

    sembra il delirio delle torri gemelle abbattute dagli americani! Bill Gates,Obama (quello della riforma sociale sanitaria), ONU, Rocco Siffredi e gli omosessuali in una crociata contro la sovrappopolazione del mondo e la famiglia? quando in USA hanno da poco approvato il matrimonio tra persone dello stesso sesso?
    Ma per piacere!

    La civiltà si evolve e dà spazio a diversità sociali e idee che sono sempre esistite ma che sono scomode per una buona maggioranza. Si chiama storia dell’umanità: le donne prima non potevano nemmeno fiatare e ora sono a capo di Nazioni tra le più prosperose, per non parlare dei “Negri”.
    A me sembra civilizzazione: dalle incisioni rupestri al blog sul web

    • giovanna scrive:

      Certo, Altro, ma non mi risulta che i bambini li possano fare due uomini o due donne: questo cambiamento nella storia dell’umanità non c’è stato.
      Poi, si sa, la civiltà evolve, chi avrebbe mai detto conquant’anni fa che i bambini sarebbero stati ammazzati legalmente a milioni nel ventre della madre , sei milioni solo in Italia , o che dopo la tragedia della schiavitù in America oggi si potessero comprare dalla madre altri bambini con estrema tranquillità ?
      Delle tariffe parlano facilmente gli stessi acquirenti gay !
      E magari la società evolverà così tanto che sarà liberalizzato il sesso coi bambini ( ci sono associazioni attive in tal senso ) e ci si potrà sposare in tre o quattro o più…
      Il matrimonio è tra uomo e donna: riconoscerlo è la vera civiltà.

      • Giannino Stoppani scrive:

        Una volta ci trovammo tra le mani (leggasi “fregammo”) il testo del prossimo compito in classe preparato alla svampitissima prof di inglese.
        Svolgemmo il suddetto compito in modo collettivo in una ora di assemblea strategicamente richiesta e il giorno stabilito per la prova scritta ci presentammo tutti col nostro compito bell’e fatto.
        Qualche giorno dopo, una volta corretti i nostri elaborati, la svampitissima prof ci comunicò, con una certa preoccupazione, che avevamo “tutti le stesse lacune di base” visto che avevamo commesso gli stessi errori.
        Orbene, scusandomi per il noioso aneddoto, porrei a Giovanna la seguente domanda:
        Non le pare che questi difensori della causa gay, pur presentandosi con nomi diversi, abbiano “tutti le stesse lacune di base”?

  11. giuliano scrive:

    concordo con la Gabriele Kuby. Io ho vissuto il ’68 e ho vissuto questo incubo avverarsi nelle sue fasi, giorno per giorno. Ho visto crescere i mostri a poco a poco e oggi siamo arrivato a questo, al Gender, agli animalisti. La radice maligna di tutto ciò è stato il marxismo che non ha trovato ostacoli su persone abituate al benessere ma sempre più prive di morale cristiana

  12. Jack scrive:

    GET UP! STAND UP!
    Raduniamoci e facciamo sentire la ns voce!

    Proteggiamo i ns figli e il ns futuro da coloro che odiano e rendono sterile ogni aspetto fecondo della vita umana, dal concepimento dei figli, al dialogo, all’apertura e all’amore per il diverso da sé!!

    • luca scrive:

      jack se i tuoi figli fossero gay e tu non lo sapessi, ora staresti conducendo una lotta contro di loro

  13. Jack scrive:

    GET UP! STAND UP!R
    Raduniamoci e facciamo sentire la ns voce!

    Proteggiamo i ns figli – anche fossero omosessuali – e il ns futuro da coloro che odiano e rendono sterile ogni aspetto fecondo della vita umana, dal concepimento dei figli, al dialogo, all’apertura e all’amore per il diverso da sé!!

    • luca scrive:

      jack un giorno dovrai rendere conto del tuo odio e rancore… sarai solo un altro addendo nella somma delle tantissime atrocità messe in atto dai cattolici… hai presente la pese del 1300 e il movimento dei flagellanti? hai presente i migliaia di ebrei che voi cattolici avete scannato barbaramente sicuri di far piacere a dio? ebbene la storia la stai ripetendo.
      quello che mi duole è che un giorno non troppo lontano sosterrete che voi questa battaglia non l’avete mai combattuta

      • riequilibrio scrive:

        luca, stai perdendo – come me – un sacco di tempo (oltre a guastarci l’unico fegato che abbiamo) cercando di far capire a questi automi senza coscienza che stanno commettendo l’ennesima atrocità.

        se, come il loro papa, sono convinti che “un bambino battezzato e un bambino non battezzato non è lo stesso” – stilando una classifica di merito persino dei neonati – suppongo che siano disposti a suffragare qualunque tesi sulla pelle di chiunque, la mia e la tua comprese.

        se non hanno pietà e considerazione dei bambini, di cosa vuoi che l’abbiano?

        • domenico b. scrive:

          riequilibrio, se veramente credi che il Papa l’abbia sparata grossa, perché hai sentito il bisogno di farti sbattezzare?, e torno a chiederti: cosa ci fa uno sbattezzato da queste parti? Ha forse perso Qualcosa?

          • riequilibrio scrive:

            domenico, te lo confermo, credo che l’abbia veramente sparata grossa.
            non solo grossa, proprio infame.

            non ho perso nulla, né le chiavi né l’ombrello né, come voi, la ragione.
            e se sono da queste parti anche da (orgogliosamente) sbattezzato, lo faccio perchè senza una voce che “riequilibri” i vostri deliri, la nefanda influenza che la chiesa – e quindi voi, che dite di essere chiesa – esercita quotidianamente contro la convivenza civile non avrebbe limite.

            anche perchè immagino il fastidio che provate per ogni voce dissonante, e me ne compiaccio.
            contento?

            • domenico b. scrive:

              personalmente ogni voce dissonante non mi da fastidio, alcune mi confermano nelle mie convinzioni, altre mi stimolano ad approfondire le mie conoscenze. Mi sa che le voci dissonanti le volete eliminare voi per legge (Vedi le parole di Luca: Jack dovrai rendere conte del tuo rancore). Comunque non mi hai spiegato parchè ti “disturba” tanto il Battesimo che hai ricevuto da piccolo.Perchè non te la prendi con i tuoi genitori?

          • luca scrive:

            domenico ma sbaglio o voi i bambini li battezzate quando sono piccolissimi, commettendo una forte violenza imponendo con la forza la vostra religione ad una persona non in grado di intendere e volere

            • domenico b. scrive:

              Luca, tu parli per slogan, senza approfondire…. forse vorresti che li lasciassimo a te i bambini?

              • luca scrive:

                domenico io un bambino lo amerei per come è e non per come è se è etero come faresti tu!
                slogan? il battesimo lo date a pochi mesi, infatti l’ho subito anche io

                • domenico b. scrive:

                  cos’è che ti impedisce d amare un bambino per come è? perché usi il condizionale? Ah, è vero il matrimonio, o quella definizione ridicola di matrimonio che hai dato poco fa.

                  • domenico b. scrive:

                    Ti sarei grato se mi spiegassi i danni che ti ha procurato il Battesimo. Così ti posso consigliare quale avvocato per denunciare i tuoi genitori e il prete che ti ha battezzato

      • domenico b. scrive:

        “Jack un giorno dovrai rendere conto del tuo odio e rancore” Signori senatori che state approvando la legge sull’omofobia, segnatevi questa frase. Veramente volete scatenare la caccia al Cristiano? dove sono odio e rancore nelle parole di Luca? Signori senatori cattolici, lo sapete vero che un giorno noi dovremo rendere conto non a Luca, né a Lettanapolitano o chiccessia, ma a …. voi sapete Chi

  14. Paolo scrive:

    “L’ordine della creazione”? Di quale ordine si tratta? Non di quello scientifico che ha ben evidenziato da tempo l’esatto opposto di quanto sostenuto dalla sig.ra. E quale creazione poi? Per caso ciò sottintende qualche fantasiosa idea stile creazionismo??
    Bene poi a sottolineare che “l’ideologia gender” altro non è un’invenzione, ripetuta allo sfinimento, che sminuire chi lotta per diritti civili e per screditare le evidenze scientifiche che hanno dimostrato ampiamente come l’omosessualità sia una normale e naturale variante dell’affettività e sessualità umana, ossia uno sviluppo corretto e normale della persona al pari dell’eterosessualità. Come altresì è ben chiaro che le famiglie formate da due persone dello stesso sesso sono adatte a crescere prole quanto quelle formate da due persone di sesso diverso.
    Il resto è mera ideologia…che vorrebbe trovare riscontro in natura e nel diritto civile ai propri concetti campati per aria di “peccato”…e che di conseguenza viene smentita regolarmente.

    • domenico b. scrive:

      Paolo,…mera ideologia…concetti campati per aria di peccato…. che viene regolarmente smentita….,Eh sì, talmente campata per aria che se voi volete un figlio lo dovete far fare agli altri… Ah, ma scusa, voi siete gli Illuminati, quelli che detengono la verità, quelli che devono governare. Voi vi dovete godere la vita, gli altri devono fare i figli per voi

      • riequilibrio scrive:

        no, i figli li fanno quelle poverette che vi hanno sposato e che trattate come giovenche da riproduzione.

        • domenico b. scrive:

          te l’han detto, riequilibrio, che siamo nel 2014? Ma se tu sapessi come erano felici i miei nonni,(anche la mia nonna, sì). Non ti dico quanti figli avevano perché ti scandalizzeresti….ma la felicità dei miei nonni e di quel mondo arretrato io l’ho respirata. Vedremo voi adesso come saprete far felici le donne

          • luca scrive:

            a domenico in quei tempi le donne erano schiave che se aprivano la bocca erano botte, i tuoi nonni saranno pure stati diversi ma certo non erano la norma.
            le coppie stavano assieme perchè forzate dall assenza di divorzio, belle famiglie… e giù botte

            • domenico b. scrive:

              mi sa che di botte ne hai prese parecchie anche te, ma sulla testa, e a guardare tutte le scemenze che dici ti hanno sfasato parecchio

              • luca scrive:

                ammiro la tenacia con cui i cattolici negano ogni fatto se pur evidente complimenti!

                • domenico b. scrive:

                  Luca, allora secondo te, la norma era che i cattolici schiavizzavano le donne e le picchiavano per far figli? Ho capito bene? Non so chi sei, luca, ma vuoi solo demonizzare la famiglia inventando slogan e propinando luoghi comuni facili facili

      • luca scrive:

        a domenico, certo che voi cattolici quando parlate di scienza siete veramente comici, NUN CE CAPITE GNENTE!!!! lol

        • domenico b. scrive:

          ci capisci qualcosa te di scienza, Luca, che vuoi dei figli e non hai ancora capito come fare……. eh ma tu sei quello della rivoluzione sessuale, che basta che ci sia un buco…..

          • luca scrive:

            domenico siccome CHE io con la scienza CE MAGNO, evidentemente ne so qualcosa… almeno in fisica, matematica, informatica ed ingegneria… va be lascia perdere dai

            • domenico b. scrive:

              Sarai sicuramente anche molto istruito, ma conoscere tante cose non ti pone delle domande? Io avevo un insegnante di matematica che quando faceva lezione era così pieno di meraviglia per le cose che ci spiegava che aveva gli occhi che brillavano e quando parlava sembrava che cantasse. Non ha mai fatto una lezione di matematica noiosa. Tu invece, non so perché, mi fai ricordare l’Alessandro MAGNO di De Gregori, che quando fu di fronte al mare, si sentì un ………..

        • Giannino Stoppani scrive:

          Il dotto Luca scrive: “domenico siccome CHE io con la scienza CE MAGNO”…
          Chissà che digiuni!
          Neanche Pannella!

      • Paolo scrive:

        Il suo commento parà fantascientifico è quasi più campato per aria del suo furore ideologico. Nessuno le chiede niente caro sig. Domenico,…accetti però che le persone normali (etero e omo) non accettino di essere governati o condizionati dalla sua ideologia

        • domenico b. scrive:

          Paolo, io conosco tante persone (Punto), ognuna, compresa me, con i suoi problemi. Quale sarebbe questa mia ideologia che sta governando la tua vita? Perché dico quello che penso? Perché lavoro per mandare avanti una famiglia, con tutte le difficoltà che, forse, anche tu conosci? Perché penso che l’ideologia gender, che fino a poco tempo fa non esisteva e stavamo tutti meglio, compresi te e luca e altri, possa far male a te e a me? perché penso che un gruppo di fru-frufriendly seduti a bruxelles, non gliene importa niente di te e di me? perché forse sono le ultime volte che posso esprimere liberamente il mio parere, come stai facendo tu adesso,senza incorrere in minacce?Paolo, scendi dal fico, come si diceva una volta, e tieni i piedi per terra

    • Cisco scrive:

      Paolo, a me pare invece “ben chiaro” che le famiglie formate da due persone dello stesso sesso non sono capaci di mettere al mondo la prole quanto quelle formate da due persone di sesso diverso, tanto da doversi rivolgere a servizi di outsourcing (utero in affitto) che operano con gameti maschili e femminili. Il resto è ideologia e il vero “creazionismo” è quello di chi pretende di creare una famiglia senza basi biologiche, cioè scientifiche. Se poi la si vuole buttare sul sentimentale, tutto il mondo è una grande famiglia…

      • luca scrive:

        cisco sei un semplice, fattene una ragione. uno che non capisce che i gay non pretendono di fare i figli ma se mai crescere quelli che dei bravi etero hanno abbandonato e/o buttato via come spazzatura.
        il creazionismo è la balla adamo ed eva che ancora andate propinando neanche fossimo nel medioevo. esistesse una sola prova al suo supporto!!! siete ridicoli

        • Carlo scrive:

          Luca, sei un ignorante.
          Quando andrai alle scuole elementari, scoprirai che qualunque cattolico considera quello di Adamo ed Eva un racconto simbolico.

          • domenico b. scrive:

            Hai regione Carlo, ma devi metterti nei suoi panni. Lui ritiene che la Bibbia sia omofoba: se gli avessero detto che lui discende da adama e adama o da evo e evo ci avrebbe creduto

            • luca scrive:

              adesso voi rinnegate il creazionismo? me ne rallegro! ma non lo dite ad alta voce perchè in questo sito in molti lo sostengono a gran voce!!!!

              la bibbia? io l’ho letta, qui e li dice di lapidare i gay, ma non è omofoba!

              • domenico b. scrive:

                Luca, lo so che non ti interessa ma te lo voglio proporre lo stesso: ci sono corsi di studi biblici per adulti che sono aperti a tutti. Perché non provi a frequentarne qualcuno?

              • Carlo scrive:

                Luca, te l’ho già deto che sei ignorante?
                La chiesa cattolica OVVIAMENTE ritiene che tutto abbia origine da Dio. Ma il racconto biblico della creazione è simbolico. Così riesci a capire?
                Forse il problema è che tu ti ostini a parlare di religione e catechismo sapendone meno di me, il che è tutto dire.

        • Cisco scrive:

          Luca, io sono talmente semplice che ho capito benissimo che i gay non pretendono di fare figli (almeno questo limite naturale lo riconoscete), ma tu sei talmente complicato da non capire che ai gay dei figli abbandonati non gliene può importare di meno, dato che finora le coppie di gay famosi hanno sempre commissionato la fabbricazione di esseri umani dientro lauto compenso invece di adottare degli orfanelli buttati dagli etero, sia perché da un lato i gay più intelligenti capiscono che gli orfanelli in questione rimarrebbero tali almeno della figura materna o paterna, sia perché non hanno alcun interesse a farlo. Naturalmente mi auguro di essere smentito dalle statistiche dall’ultima ricerca dell’APA o dell’Arciuniversità del Libero Amore. Sul creazionismo giro la tua osservazione a un conoscente evangelico, dato che noi cattolici di questa stupidaggine non ci interessiamo.

          • luca scrive:

            cisco, i gay famosi i figli se li sono “fatti fare”, come milioni di coppie etero, d’altronde per via di una legge sull’adozione lenta e irrazionale. quindi invece di andare in piazza contro i matrimoni gay andate in piazza per “snellire” questa legge. ma vista la vostra perseveranza nel combattere i gay e il vostro concreto disinteresse per gli altri argomenti (vedere orfani), interesse solo ritrovato quando serve a creare lo spauracchio delle coppie gay, ne traggo le somme!

  15. Jack scrive:

    GET UP! STAND UP!
    Raduniamoci e facciamo sentire la ns voce!

    Proteggiamo i ns figli e il ns futuro da coloro che odiano e rendono sterile ogni aspetto fecondo della vita umana, dal concepimento dei figli, al dialogo, all’apertura e all’amore per il diverso da sé!!

    • luca scrive:

      bravo jack, e quanto tuo figlio ti verrà a dire che è gay o che vuole cambiare sesso perchè lui è una donna ammazzalo di botte e caccialo di casa, fagli vedere come deve comportarsi un bravo cristiano!
      oppure portalo a forza a fare terapie riparatorie che gli sconvolgeranno la vita fino a che non si ammazza da solo

  16. Jack scrive:

    GET UP! STAND UP!

    Raduniamoci e – senza alcun rancore nè odio – facciamo sentire la ns voce!

    Proteggiamo i ns figli – anche fossero omosessuali – e il ns futuro da coloro che odiano e rendono sterile ogni aspetto fecondo della vita umana, dal concepimento dei figli, al dialogo, all’apertura e all’amore per il diverso da sé!

  17. Mark scrive:

    L’omosessualità fino agli anni settanta era classificata dagli psichiatri come parafilia.
    http://www.treccani.it/enciclopedia/parafilia_res-1a589b7f-9b57-11e1-9b2f-d5ce3506d72e_(Dizionario_di_Medicina)/
    Attorno agli anni ’70 l’omosessualità è stata tolta da questo elenco di disturbi psichiatrici senza dare spiegazioni scientifiche (e ciò va contro lo stesso concetto di scienza). Recentemente alcuni psichiatri vogliono togliere dalla classificazione delle parafilie la transessualità e il travestitismo. Tra non molto diranno che se un bambino è consenziente non si puo’ punire un atto di pedofilia!!! Ci svegliamo?

  18. fiorenza balbi scrive:

    la teria di gender è una ideologia , le ideologie non possono entrare negli asili e nelle scuole.
    Con chi va a letto un adulto sono solo cavoli suoi e guarda un pò i dati dicono che l’Italia è uno dei Paesi in Europa dove l ‘omosessualità non è un problema …e lo confermano centinaia di omosex anche vip ……

    Però , per cortesia cari LGBTI , vi chiediamo , lasciate in pace i bambini , sensibilizzate , con garbo gli adulti sui vs problemi , lasciando da parte se vi riesce il carnevale di Luxuria ,che vi ha fatto fare una figuraccia con la storia della Russia , ma lasciate in pace i bambini , non aggrediteli con una sessualizzazione precoce , il sesso è importante nella vita ma , ve lo dico da laica, non è tutto …c’è di piu …, non credete che un bambino a cui viene insegnato precocemente il sesso meccanico e come diritto assoluto il piacere fisico non abbia la maturità per capire che c’è anche una dimensione spirituale LAICA che può essere importante per lo sviluppo di un undividuo ? A Voi uomini e donne di sinistra che difendete questa ideologia chiedo : Dove sono andate a finire tutte le idee della sinistra sull’importanza delle filosofie orientali , il buddismo , lo yoga, la meditazione i chakra ??? Non pensate per esempio ,come dice la filosofia orientale , che l’essere umano deve evolversi e per farlo si deve elevare oltre i primi 2 chakra ….ossia oltre il sesso , oltre gli istinti primari , ……e come fa un bambino catechizzato sin dai 4 anni al piacere sessuale a cercare da adulto altre soddisfazioni , tra l’altro molto più diffilcili da ottenere ?

  19. Bob scrive:

    Nell’articolo vi siete dimenticati di citare le scie chimiche, le tecnologie aliene di controllo della mente studiate nell’area 51, il terribile chupacabras e gli illuminati.

  20. Bob scrive:

    Nell’articolo vi siete dimenticati di citare le scie chimiche, le tecnologie aliene di controllo della mente studiate nell’area 51,il chupacabra e gli illuminati.

  21. Bob scrive:

    Bell’articolo! Vi siete però dimenticati di citare le scie chimiche, le tecnologie aliene di controllo della mente studiate nell’area 51,il chupacabra e gli illuminati.

  22. antonio scrive:

    Idiozie… il movimento LGBT si batte da sempre perché il concetto di famiglia sia esteso e diventi concetto di famiglie. Pensare per pluralità però non appartiene all’uomo vecchio e stantio, legato alle religioni monoteiste…Quando cominceremo a pensare per pluralità forse ci renderemo conto del resto del mondo e del vero senso della vita…

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta il 2.0 turbo benzina MultiAir da 200 cv dedicato alla berlina di Arese, disponibile solo in abbinamento alla trazione posteriore e al cambio automatico a 8 rapporti. Affianca in gamma il V6 2.9 biturbo da 510 cv e il 2.2 td da 150 o 180 cv. Prezzi da 40.500 euro.

È la versione più potente ed estrema mai realizzata della berlina bavarese. Il V8 4.4 biturbo eroga 600 cv anziché gli originari 560 cv, mentre le sospensioni beneficiano di una taratura decisamente hard. Sarà realizzata in solo 200 esemplari.

Il concept presentato a EICMA lo scorso anno pare proprio destinato a diventare realtà. Honda ne anticipa l’arrivo con un teaser che non svela molto ma che dice tutto

Quello elettrico si somma a quello umano, per garantire orizzonti più ampi e divertimento prolungato. Moterra sarà proposta in due versioni, di cui una con ruote 27+, dedicate a Trail ed Enduro.

Dopo il lancio del Disc Brake Project, nel 2016, ecco prendere forma la prima ruota specifica per freno a disco. Reattività, leggerezza e affidabilità sono gli obiettivi del r&d Campy.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana