Google+

Il misterioso inno alla vita dell’ateo De Filippo che non piace al Corriere

febbraio 23, 2017 Alfredo Mantovano

«Per combinazione mi ritrovai nel mio vicolo, davanti all’altarino della Madonna delle rose. L’affrontai così: “Cosa devo fare?”»

filumena-marturano

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Per il Corriere della Sera, Filumena Marturano è come il presepe per Natale in casa Cupiello: non gli piace. Lo scrive il 9 febbraio in una lunga recensione a una versione dell’opera – per la verità, ben costruita, con la regia di Liliana Cavani – che sta girando per i teatri italiani. Non gli piace non tanto l’interpretazione dei due attori principali, Mariangela D’Abbraccio e Geppy Gleijeses, che anzi valuta positivamente, e con ragione. Quel che non gli piace è proprio l’opera in sé.

Scrive il critico del maggior quotidiano italiano che quando Eduardo de Filippo la mise giù «pensava a porgere agli italiani stremati dalla guerra una qualche consolazione», e questo è il limite più forte della commedia, dal momento che «le consolazioni in arte sono l’orrore». Peraltro si tratterebbe di una consolazione senza fondamento, poiché non si sa chi fra i due protagonisti è il peggiore: “don” Mimì Soriano sarebbe ripugnante perché viziato, esibizionista e puttaniere, Filumena quasi peggio di lui perché finge di morire per farsi sposare, e poi si fa sposare validamente grazie allo stratagemma di rivelare a “don” Mimì quale dei tre figli di lei è stato concepito con lui.

È certo che se passiamo la commedia al vaglio della legge Severino e dell’Autorità anticorruzione, Soriano e Filumena meritano le sanzioni più pesanti. Al rigore del Corriere sfugge purtroppo la sostanza: Filumena si è ridotta a fare per anni il mestiere che ha fatto perché lo ha ritenuto il solo modo per sfuggire alla miseria; chi è autorizzato a scagliare la prima pietra contro di lei? Nonostante questo, quando resta incinta – per ben tre volte – tiene con sé tutti e tre i figli: avrebbe potuto disfarsene, come l’establishment di cui il Corriere è portavoce avrebbe, se consultato, caldamente raccomandato. Invece li fa nascere, li mantiene e li fa crescere con dignità, pur nel dolore di tenerli lontani da sé per non comprometterne la riuscita: orrore per chi è convinto che l’aborto sia un diritto costituzionale!

«’E figlie so’ ffiglie!»
«Mi tornavano in mente i consigli delle mie amiche: “Cosa aspetti! Ti togli il pensiero! Io conosco uno molto bravo…”», ricorda Filumena, che poi fa il contrario rispetto a quanto consigliatole. Non ha preferenze fra di loro: dire a Soriano che uno dei tre è figlio di lui, ma non indicare quale è, non è tanto il perfido trucco per farsi sposare, quanto l’espressione viva dell’amore materno, per il quale i figli non sono scelti sul catalogo, come qualche servizio del Corriere ogni tanto racconta in modo rassicurante che accade senza problemi in giro per il mondo con uteri in affitto, et similia: «’E figlie so’ ffiglie! E so’ tutt’eguali!».

Filumena spiega anche come mai questi figli se li è tenuti: la prima volta aveva deciso di dare ascolto alle amiche, poi «per combinazione, camminando camminando, mi ritrovai nel mio vicolo, davanti all’altarino della Madonna delle rose. L’affrontai così: “Cosa devo fare? Tu sai tutto… Sai pure perché ho peccato. Cosa devo fare?”. Ma Lei zitta, non rispondeva. “Tu fai così, è vero? Più non parli e più la gente ti crede?… Sto parlando con te! Rispondi!”. “’E figlie so’ ffiglie!”. Mi bloccai. Rimasi così, ferma. Forse se mi giravo avrei visto o capito da dove veniva la voce: da una casa con un balcone lasciato aperto, dal vicolo vicino, da una finestra… Ma pensai: “E perché proprio in questo momento? Che ne sa la gente dei miei problemi? È stata Lei, allora… È stata la Madonna!”».

È un mistero che l’ateo Eduardo componga un inno alla vita e all’amore materno, e leghi l’uno e l’altro all’amore della Madre. Un mistero non nuovo: un altro non credente, di nome Carlo Collodi, componendo Pinocchio ha scritto una delle parabole più belle sull’amore del Padre per me, figlio discolo e ribelle. Ce lo ha fatto capire tanti anni fa il cardinale Biffi, con quel capolavoro di esegesi che è stato Contro Mastro Ciliegia. Il cardinale Biffi non scriveva sul Corriere della Sera.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download