Google+

Il marito di Meriam, la donna sudanese condannata a morte perché cristiana: «Quel che posso fare è pregare»

maggio 20, 2014 Benedetta Frigerio

In un’intervista alla Cnn, Daniel Waniha mostrato tutto il proprio sconforto per la sorte della moglie. L’avvocato: «Meriam è molto forte e ferma. Crede che verrà liberata»

sudan-Meriam-Yehya-Ibrahim«Mi sento impotente. Posso solo pregare». Sono le parole di Daniel Wani, il marito della ventisettenne sudanese condannata a morte che si è rifiutata di abiurare la sua fede cristiana, intervistato dalla Cnn. Meriam Yehya Ibrahim, incinta di otto mesi e con un figlio di venti mesi, è stata accusata di apostasia settimana scorsa da una corte di Khartoum. La donna è stata condannata all’impiccagione e dovrà subire 100 frustate per aver sposato un cristiano, considerato dalla legge islamica come un vero e proprio adulterio. Ibrahim non sarà giustiziata finché non partorirà.

COSTI QUEL CHE COSTI. «Non so cosa accadrà… non so», è tutto quello che Wani è riuscito a rispondere alle domande sui possibili sviluppi della vicenda. Mentre Mohamed Jar Elnabi, il legale di Ibrahim che è ricorso in appello, ha raccontato al canale tv che la donna è «molto forte e ferma. Ha molto chiaro di essere cristiana e crede che verrà liberata», ma che l’attesa per il marito, in sedia a rotelle, è un’ulteriore pena perché «lui dipende totalmente da lei». A rischiare la vita è anche il legale, che mercoledì scorso, il giorno precedente alla sentenza, è stato minacciato di morte: «Ho paura – ha confessato Elnabi – ma non lascerò mai il caso. Devo aiutare chi ha bisogno, mi costasse la vita».

UN GRANDE SEGNO. Anche Chris Smith, presidente della commissione del Congresso americano che sovraintende i rapporti con l’Africa, è rimasto colpito dalla testimonianza della donna: «La volontà ferma della signora Ibrahim di affermare la sua libertà religiosa, anche di fronte alla morte, è un segno di grande forza e di un coraggio non comuni». Smith ha ricordato anche di un caso simile accaduto «18 mesi fa in Nigeria dove Boko Haram ha sparato a Habila Adamu, che si era rifiutato di tradire cristianesimo». Il presidente ha quindi condannato la «vergognosa lesione dei diritti umani fondamentali», per cui «gli stati Uniti e tutta la comunità internazionale devono pretendere che il Sudan ribalti immediatamente la sentenza». Aggiungendo che la guerra civile in Sudan è stata così lunga anche «per via del rifiuto del governo di proteggere la libertà religiosa».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.