Google+

Il governo Renzi è «un treno da non perdere»? Prima di saltare a bordo, meglio controllare i vagoni

febbraio 24, 2014 Alfredo Mantovano

Per Famiglia cristiana il nuovo esecutivo è un’occasione. Ma come la mettiamo, per esempio, con le questioni famiglia, gender e nuovi “diritti”?

Se lo scrive Famiglia cristiana è una garanzia: il governo Renzi è «un treno da non perdere». Con il rispetto dovuto al settimanale dei paolini, prudenza suggerisce di evitare sorprese di viaggio, quindi di dare uno sguardo ai vagoni che seguono la locomotiva.

Nel depliant del tour, distribuito in occasione del Congresso del Pd, c’erano anche la carrozza “anti omofobia” e quella sulle unioni civili all’inglese, assai prossima quanto ad arredo al matrimonio fra persone dello stesso sesso; mentre dai governi Monti e Letta l’esecutivo Renzi riceve in gestione i vagoni con le Linee guida per imporre l’ideologia del gender fin dalle scuole elementari e per fare giornalismo in modo “gendericamente corretto”. È necessario appesantire il treno con questa zavorra?

L’alta velocità che il premier incaricato ha annunciato per raggiungere le stazioni delle riforme del fisco, della burocrazia e del lavoro consiglierebbe di non porre ostacoli sui binari. Non sarebbe male se fra gli obiettivi fosse indicata anche una legislazione meno ostile alla famiglia vera, come propone il Forum delle associazioni familiari: magari per giugno, tanto le famiglie italiane aspettano da anni che qualcuno smetta di mortificarle, una settimana in più o in meno non cambia. Né sarebbe male se i compagni di viaggio non di sinistra di Renzi agganciassero quest’ultimo vagone, facendo lasciare in deposito gli altri, per dare alla loro adesione alla compagine un senso un po’ più dignitoso del tenersi stretti i ministeri gestiti finora.

Il treno non si può perdere, ma solo se garantisce un viaggio in sicurezza: se cioè si allontana dall’immagine del tratto ferroviario fra Savona e Imperia, triste metafora dell’Italia, e lascia perdere quei capricci ideologici che in altre nazioni (Francia in testa) stanno provocando più d’un incidente di percorso.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Filomena says:

    In effetti bisognerà essere prudenti. Anche Renzi purtroppo rischia di dover pagare un caro prezzo alla terribile ideologia del gender.

  2. Certo… era già noto che l'”autentica e fanciullina novità” Renzi (Tempi, editoriale n. 48/2012) avesse un “lato oscuro” piuttosto inquietante.

    Questa, una riflessione semiseria su Renzi, contenente un accenno sulla scuola…

    http://lafilosofiadellatav.wordpress.com/2014/02/23/riflessione-semiseria-sul-governo-letta/

  3. Enrico Z says:

    Anche perchè a tentare di non perdere in treno puoi anche prenderlo in faccia….

  4. valeria46v says:

    Per quanto riguarda Famiglia Cristiana, personalmente la rifiuto ormai da anni anche se la “buona stampa”, (cosi’ e’ chiamata nella mia parrocchia e gestita dalle orsoline, che sono delle buone donne ormai un po’ attempate e forse inconsapevoli del grande contributo che danno al diavolo nel diffondere queste nuove ideologie) me la vuole regalare. Inoltre staro’ molto attenta a quanto faranno i compagni di viaggio non di sinistra di Renzi. Se si venderanno l’anima sui valori non negoziabili per un “cristiano autentico”, non li votero’ piu’. Uomo avvisato e’ mezzo salvato.

  5. beppe says:

    spero non abbia già previsto dei vagoni piombati dove confinare i poveri del ncdì ( salute! ) che dopo essere stati riportati alle loro minuscole dimensioni, si illudono di poter pure fare la voce grossa e ‘a faccia feroce.

  6. filomena says:

    Ma secondo voi i valori non negoziabili valgono per tutti o per gli ex compagnucci di Alfano del pdl , vedi il grande capo no?

    • Giulio Dante Guerra says:

      Ma ci hai proprio il chiodo fisso! Guarda che Mantovano faceva solo un’analisi socio-politica del governo Renzi. Mi sa che il tuo “nome segreto” sia “U-filomena”, ovvero, traducendo dal greco, “Non-amata”, ovviamente da S.B., e che tu, segretamente, provi invidia per le sue, si dice numerosissime, amanti…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download