Google+

Il governo Renzi è «un treno da non perdere»? Prima di saltare a bordo, meglio controllare i vagoni

febbraio 24, 2014 Alfredo Mantovano

Per Famiglia cristiana il nuovo esecutivo è un’occasione. Ma come la mettiamo, per esempio, con le questioni famiglia, gender e nuovi “diritti”?

Se lo scrive Famiglia cristiana è una garanzia: il governo Renzi è «un treno da non perdere». Con il rispetto dovuto al settimanale dei paolini, prudenza suggerisce di evitare sorprese di viaggio, quindi di dare uno sguardo ai vagoni che seguono la locomotiva.

Nel depliant del tour, distribuito in occasione del Congresso del Pd, c’erano anche la carrozza “anti omofobia” e quella sulle unioni civili all’inglese, assai prossima quanto ad arredo al matrimonio fra persone dello stesso sesso; mentre dai governi Monti e Letta l’esecutivo Renzi riceve in gestione i vagoni con le Linee guida per imporre l’ideologia del gender fin dalle scuole elementari e per fare giornalismo in modo “gendericamente corretto”. È necessario appesantire il treno con questa zavorra?

L’alta velocità che il premier incaricato ha annunciato per raggiungere le stazioni delle riforme del fisco, della burocrazia e del lavoro consiglierebbe di non porre ostacoli sui binari. Non sarebbe male se fra gli obiettivi fosse indicata anche una legislazione meno ostile alla famiglia vera, come propone il Forum delle associazioni familiari: magari per giugno, tanto le famiglie italiane aspettano da anni che qualcuno smetta di mortificarle, una settimana in più o in meno non cambia. Né sarebbe male se i compagni di viaggio non di sinistra di Renzi agganciassero quest’ultimo vagone, facendo lasciare in deposito gli altri, per dare alla loro adesione alla compagine un senso un po’ più dignitoso del tenersi stretti i ministeri gestiti finora.

Il treno non si può perdere, ma solo se garantisce un viaggio in sicurezza: se cioè si allontana dall’immagine del tratto ferroviario fra Savona e Imperia, triste metafora dell’Italia, e lascia perdere quei capricci ideologici che in altre nazioni (Francia in testa) stanno provocando più d’un incidente di percorso.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Filomena says:

    In effetti bisognerà essere prudenti. Anche Renzi purtroppo rischia di dover pagare un caro prezzo alla terribile ideologia del gender.

  2. Certo… era già noto che l'”autentica e fanciullina novità” Renzi (Tempi, editoriale n. 48/2012) avesse un “lato oscuro” piuttosto inquietante.

    Questa, una riflessione semiseria su Renzi, contenente un accenno sulla scuola…

    http://lafilosofiadellatav.wordpress.com/2014/02/23/riflessione-semiseria-sul-governo-letta/

  3. Enrico Z says:

    Anche perchè a tentare di non perdere in treno puoi anche prenderlo in faccia….

  4. valeria46v says:

    Per quanto riguarda Famiglia Cristiana, personalmente la rifiuto ormai da anni anche se la “buona stampa”, (cosi’ e’ chiamata nella mia parrocchia e gestita dalle orsoline, che sono delle buone donne ormai un po’ attempate e forse inconsapevoli del grande contributo che danno al diavolo nel diffondere queste nuove ideologie) me la vuole regalare. Inoltre staro’ molto attenta a quanto faranno i compagni di viaggio non di sinistra di Renzi. Se si venderanno l’anima sui valori non negoziabili per un “cristiano autentico”, non li votero’ piu’. Uomo avvisato e’ mezzo salvato.

  5. beppe says:

    spero non abbia già previsto dei vagoni piombati dove confinare i poveri del ncdì ( salute! ) che dopo essere stati riportati alle loro minuscole dimensioni, si illudono di poter pure fare la voce grossa e ‘a faccia feroce.

  6. filomena says:

    Ma secondo voi i valori non negoziabili valgono per tutti o per gli ex compagnucci di Alfano del pdl , vedi il grande capo no?

    • Giulio Dante Guerra says:

      Ma ci hai proprio il chiodo fisso! Guarda che Mantovano faceva solo un’analisi socio-politica del governo Renzi. Mi sa che il tuo “nome segreto” sia “U-filomena”, ovvero, traducendo dal greco, “Non-amata”, ovviamente da S.B., e che tu, segretamente, provi invidia per le sue, si dice numerosissime, amanti…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.