Google+

Il flop di Raggi e di un Movimento che ha finito per occuparsi (male) solo di poltrone

dicembre 19, 2016 Redazione

In questi sei mesi ci si è occupati in maniera quasi esclusiva di come piazzare, promuovere e al limite confermare questo o quel dirigente, questo o quell’assessore.

virginia-raggi-m5s-roma-ansa

Che disastro Virginia Raggi. Ma, in fondo, nessuna sorpresa. Che fosse impreparata e inadeguata lo si era capito fin dalla campagna elettorale. Poi, una volta che ha vinto, è riuscita a sorprenderci solo per l’inesauribile capacità di confezionare gaffe (mitica quella con papa Francesco) ed errori a una velocità senza pari. Ma, appunto, nessuna sorpresa: è tutto il Movimento cinque stelle a essere fuffa cosmica.

NON HANNO FATTO NULLA. E anche se per un attimo fingiamo di darle credito e di sospendere il giudizio su di lei e su quel “non-partito” che chiamano “movimento”, rimangono i dati di fatto, come scrive oggi Fosca Bincher (alias Franco Bechis) su Libero: «In questi sei mesi ci si è occupati in maniera quasi esclusiva di come piazzare, promuovere e al limite confermare questo o quel dirigente, questo o quell’assessore. (…) Intendiamoci, le persone contano. Ma sono il punto minimo di partenza, una cosa che dovrebbe essere risolta dopo un paio di settimane dalla partenza di una giunta o di un governo. Per sei mesi invece questo è stato il tema centrale e pressoché esclusivo delle attività della giunta Raggi. Non è un pettegolezzo che arriva dalle intercettazioni. Mentre la giunta comunale ha varato solo 6 delibere per approvare propri provvedimenti di cambiamento della vita della città, ne ha approvate ben 37 che avevano per oggetto solo nomine, promozioni e conferme di persone».

IL BUON LAVORO DI TRAVAGLIO. D’altronde, dei fatti ce ne si può anche fregare. Fa un po’ specie che a farlo sia stato un quotidiano che quel nome (Il Fatto) lo porta nella testata. Ma a tutto c’è una spiegazione, come sembra si possa dedurre dall’ultimo paragrafo dell’articolo di Carlo Bonini che oggi appare su Repubblica: «Marra e Romeo, del resto, sono ovunque. Decidono su chiunque. E parlano, parlano, parlano in continuazione. Con gergo da carbonari. Questo almeno si capisce in tre brogliacci di intercettazione sopravvissuti alle intere pagine di “omissis” che segnano il primo deposito di atti dell’inchiesta su Marra e in cui, tra l’ altro, evocano il Fatto Quotidiano e il suo direttore, Marco Travaglio. Come accade, per esempio, il 31 ottobre scorso. Scrivono i carabinieri: «Salvatore (Romeo) dice che ha notato Virginia (Raggi) molto forte e molto incazzata, mentre non si aspettava la non reazione di Massimo Colomban (assessore alle Partecipate). Marra dice che è lui che è andato da Grillo e aggiunge che un giorno gli racconterà tutto. Salvatore dice che anche lui deve parlargli, ma non per telefono. Salvatore ha sentito Marco Travaglio e dicono che ha fatto un bel lavoro. Marra dice che lui non può chiamare Travaglio».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Quando un’azienda si permette di dire che la sua forza risiede nell’inventare quello che non esiste ancora e riconsiderare e ridefinire quello che esiste già, i casi sono due: o se la tira o fa molto sul serio e, oggi che la specializzazione nel mondo della MTB è massima, quando un brand mette in campo […]

L'articolo Le nuove gomme Michelin per XC e All Mountain proviene da RED Live.

“Quelle foto lì le facevo alla Bellucci”. Così, spuntando dal nulla, si è rivolto a noi uno strano personaggio sulla settantina, capello mosso bianco e lungo, stile Maurizio Vandelli, nell’incantevole borgo di San Leo, mentre lo staff di RED riprendeva le nostre imponenti americane nel bel mezzo della piazza principale. Non siamo nemmeno riusciti a […]

L'articolo Harley-Davidson, in viaggio lungo la Linea Gotica proviene da RED Live.

Come sarà l’auto del futuro? Davanti a questa domanda non tutti hanno le idee ugualmente chiare ma quelli di Mercedes sono pronti a rispondere senza la minima esitazione, neanche sapessero fare l’oroscopo al mondo automotive osservando proprio la Stella a tre punte. La loro visione ha quattro capisaldi, sintetizzati dalla sigla C.A.S.E.: secondo i vertici […]

L'articolo Mercedes CASE: il futuro parte dalla connettività proviene da RED Live.

Quello di Bridgestone nel mondo olimpico è un viaggio lungo un decennio. La sua partnership con il Comitato Olimpico Internazionale (CIO), annunciata a Tokyo 2014, si prolungherà infatti fino ai Giochi del 2014, passando per le Olimpiadi Invernali di PyeongChang 2018, i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, le Olimpiadi invernali a Pechino 2022. Un percorso che il marchio nipponico, produttore […]

L'articolo Bridgestone sogna insieme agli atleti olimpici proviene da RED Live.

È una ribelle per tradizione. In un mondo dove tutto viene racchiuso e catalogato entro rigidi schemi, la nuova Suzuki Swift non tradisce lo spirito del precedente modello e scardina, ancora una volta, l’esistente. Non è infatti una city car, dato che con una lunghezza di 3,84 metri risulta più grande rispetto a una Fiat […]

L'articolo Prova Suzuki Swift 1.0 BoosterJet SHVS proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana