Google+

«Il congedo dei radiologi costa 150 milioni allo Stato e oggi non ha più senso»

luglio 26, 2012 Benedetta Frigerio

«Le condizione di sicurezza delle sale operatorie sono ormai massime. È un incentivo indiretto che oggi non ha più senso». Interviste a tre operatori del settore.

«Il decreto legge 416/68 sull’“Indennità di rischio da radiazione per i tecnici di radiologia medica” e del 724/94 sul “Congedo ordinario aggiuntivo per i lavoratori esposti a rischio radiologico”, basati sul principio della monetizzazione del rischio, sono un’anomalia italiana. Non c’è traccia di norme simili nel resto d’Europa né in America o in Canada». A spiegare a tempi.it perché oggi sia giusto rivedere la legislazione è il dottor Raffaele La Tocca, direttore del reparto di medicina del lavoro presso l’Ospedale San Gerardo di Monza.
La normativa, precedente a quelle europee sulla riduzione del rischio, prevede un congedo di quindici giorni per la tutela dell’esposto: «Oggi i mezzi di protezione a nostra disposizione sono ottimi e riducono quasi a zero i rischi. Parlo degli occhiali e dei camici piombati, ad esempio. Dell’ottimizzazione dell’ambiente e dei mezzi a nostra disposizione».

Per Luca Belli, direttore dell’Unità Operativa dell’Istituto Clinico Città Studi di Milano, «il problema è di leggi, rimaste invariate da quasi cinquant’anni e per cui si monetizza il rischio, che non c’entrano nulla con le norme europee fondate sul principio opposto della riduzione del rischio», dice a tempi.it. «Rischio che si azzera – prosegue – solo lavorando sull’ottimizzazione dei protocolli lavorativi, cioè facendo prevenzione. È su questo che bisogna continuare ad investire».

«Il punto – continua La Tocca – è che oggi gli operatori di categoria A godono praticamente di entrambi i benefici: diciamo che se per il 90 per cento degli esposti di categoria B il rischio oggi è ormai pari a zero, per i lavoratori di categoria A i livelli sono quasi simili: sono quindici anni che lavoro qui e non ho mai visto una malattia professionale legata all’esposizione a radiazioni. Perciò credo che questo incentivo indiretto non abbia più senso e che, in un periodo di crisi, sia giusto lavorare per ridurre le spese in ogni ambito della sanità in cui sia possibile farlo. Oggi a tutti è chiesto un sacrificio, a maggior ragione se ragionevole come in questi casi in cui i lavoratori godono di privilegi che un tempo erano incentivi indiretti per categorie a rischio che oggi non lo sono più».

Si calcola che, per via dei quindici giorni di congedo per 37 mila medici e tecnici a livello nazionale (550.000 giornate di lavoro), sia necessario assumere 2500 persone in più, che in media costano ciascuna circa 60 mila euro l’anno. Significa che potrebbe esserci un risparmio di circa 150 milioni euro per il sistema sanitario nazionale, da aggiungere ai circa 4 milioni di euro di indennità di rischio radiologico monetizzato. «Questi riconoscimenti – prosegue Belli – hanno un impatto evidentemente dispendioso, ma finché non cambia la normativa non si può fare nulla. Negli anni si è provato più volte ad affrontare politicamente il tema, ma non se ne è mai arrivata a una anche per via delle resistenze sindacali».
I quindici giorni hanno ancora un qualche valore? «I quindici giorni servono al recupero biologico del corpo. Certo che se il rischio si abbatte, non hanno più senso. Ripeto: il problema è l’impianto normativo che non c’entra nulla con le nuove norme europee. Di questo si dovrebbe tornare a discutere».

Anche il personale medico anestesista dispone di un congedo di otto giorni come compenso per il rischio di esposizione ai gas anestetici (comma 7 dell’articolo 39 del CCNL 10 febbraio 2004 dispone). Che vanno a sommarsi a quelli di ferie ordinarie (dai 30 ai 36 giorni a seconda dell’anzianità di servizio). Il che significa, anche in questo caso, una maggiore spesa nell’assunzione di personale aggiuntivo per la copertura dei turni, cioè l’assunzione di ulteriori 363 anestesisti su tutto il territorio nazionale. Calcolando che ognuno di essi costerebbe alla collettività una media di 70 mila euro ciascuno, il costo per il sistema sanitario nazionale arriverebbe alla cifra di circa 25 milioni di euro.

Il dottor Giovanni Vitale, dirigente medico anestesista presso l’Ospedale San Gerardo di Monza, spiega a tempi.it: «Questa norma è stata ottenuta anni fa dai sindacati e poi successivamente è stata integrata». Si parla dei gas anestetici a cui gli anestesisti sono esposti. «Lavorando in sala operatoria si respirano piccole quote di gas anestetico. Ci sono delle tracce che però non fanno male e non hanno effetti sulla salute. Inoltre, non si capisce perché la norma valga solo per la nostra categoria e non per tutti quelli che stanno in sala operatoria. Se ci fosse un pericolo reale dovrebbero estendera a tutti. Ma non è così». La Tocca conclude dicendo che «anche le condizione di sicurezza delle sale operatorie sono ormai massime e i rischi praticamente azzerati. Ci sono impianti a ciclo chiuso, controlli che sono di solo monitoraggio e altri sistemi per rendere l’ambiente sicuro».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Giuseppe scrive:

    Ma lei é convinta che con 1300 euro al mese siamo noi i privilegiati e che dobbiamo continuare a fare sacrifici??di certo non é la nostra povera professione che indebita la sanitá. Faccia una ricerca più approfondita

  2. Massimiliano scrive:

    Concordo col collega, e visto che si fa riferimento alle altre legislature, guardate anche all’inquadramento dei colleghi degli altri paesi.
    Sono riconosciuti come professionisti ed i loro salari sono adeguati alla preparazione universitaria.
    Noi?……

  3. flavia scrive:

    Certo….ormai gli ospedali si sono tt adeguati alle lwggi anti x! Conviti??? i toraci a letto, la sala operstoria, i macchinari vecchissimi…QUEDTA E’ LA VERITA’.Ecco xke abbiamo bisogno dei 15 gg di riposo biologico!!! Sono tt bravi a fare leggi ma nessuno si fa un giro negli ospedali a vedere se sono isete le leggi x la tutela del personale e del pz. Assurdo quanta ipocrisia.sono delusa

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana